dalla Home

Novità

pubblicato il 14 settembre 2015

Lamborghini Huracan Spyder, spettacolare scoperta

Linea dirompente e 610 CV per la rivale della Ferrari 488 Spider

Lamborghini Huracan Spyder, spettacolare scoperta
Galleria fotografica - Lamborghini Huracan LP 610-4 SpyderGalleria fotografica - Lamborghini Huracan LP 610-4 Spyder
  • Lamborghini Huracan LP 610-4 Spyder - anteprima 1
  • Lamborghini Huracan LP 610-4 Spyder - anteprima 2
  • Lamborghini Huracan LP 610-4 Spyder - anteprima 3
  • Lamborghini Huracan LP 610-4 Spyder - anteprima 4
  • Lamborghini Huracan LP 610-4 Spyder - anteprima 5
  • Lamborghini Huracan LP 610-4 Spyder - anteprima 6

La Lamborghini Huracan perde la testa. Finalmente. A più di un anno dal debutto della coupé, ecco al Salone di Francoforte la Spyder, con tetto rigorosamente in tela e la stessa, straripante meccanica sotto le attillatissime forme della carrozzeria. Un "vestito" tagliato su misura e con la massima funzionalità come principio ispiratore. E cosa si intende, su una super-sportiva, per funzionalità? Deportanza in primis e poi capacità di fendere l'aria: in pratica, deve essere garantito lo "schiacciamento" a terra necessario a tenere a bada i 610 cattivissimi cavalli del V10 5.2 e - contemporaneamente - la minima resistenza all'avanzamento. Il suo debutto è fra i più attesi al Salone, insieme a quello della sua rivale per definizione: la Ferrari 488 Spider. Sarà un caso che il Toro e il Cavallino Rampante si siano dati appuntamento proprio qui?

Obiettivo: demolire tutti i record precedenti

Se state pensando allo scatto da 0 a 100 km/h, alla velocità di punta e ai tempi sul giro siete sulla buona strada, ma avete colto solo una parte della questione. Ciò che interessa - molto - dalle parti di Sant'Agata Bolognese è il volume di vendite della vettura. Il Presidente della Lamborghini è stato chiaro: "La Gallardo Spyder è stata la scoperta più venduta della nostra storia: ci aspettiamo che la Huracan la superi sotto tutti i punti di vista". Per la cronaca, lo scatto da 0 a 100 km/h viene bruciato in 3,4 secondi (grazie anche alla motricità garantita dalla trazione integrale), lo 0-200 km/h in 10,2 secondi e la velocità massima dichiarata è pari a 324 km/h.

Un design nuovo, non una semplice trasformazione

Per disegnare una cabrio o una spider si possono scegliere fondamentalmente due strade: la prima cerca di dissimulare il più possibile il tetto e di avvicinare la linea della scoperta a quella della corrispettiva vettura chiusa. La seconda fa della capote un elemento stilistico da valorizzare: in Lamborghini con la Huracan Spyder hanno optato per questa via. A dirlo non siamo noi, ma lo stesso team di designer, che orgogliosamente afferma: "Anche a tetto chiuso, le linee della Huracan Spyder si distinguono nettamente da quelle della versione Coupé". Ma è quando si preme il tasto "open" che la Spyder mostra tutta la sua personalità, plasmata in modo particolare attorno alle due pinne che si innalzano dietro ai sedili e scendono fino al posteriore della vettura, conferendole una personalità molto forte. Quando si viaggia scoperti, la capote trova ospitalità in un vano studiato appositamente per non variare di molto il centro di gravità e per assicurare la massima efficienza. Ai fini della sicurezza sono state inoltre studiate due barre a fuoriuscita automatica, dalle dimensioni particolarmente compatte. Sempre in tema di capote, l'apertura e la chiusura sono completamente elettriche, richiedono solo 17 secondi e si possono effettuare fino a 50 km/h.

Ogni CV spinge solo 2,53 kg

Gli appassionati lo sanno: più della potenza, di una sportiva interessa il rapporto peso-potenza. Bene, la Huracan Spyder si attesta sul valore di 2,53 kg/CV (1.542 kg da dividere per 610 CV): un dato che è come una promessa di una guidabilità da urlo. Il merito è del telaio ibrido, con elementi in alluminio e carbonio che lo alleggeriscono parecchio, pur garantendo una rigidezza torsionale superiore del 40% a quella della Gallardo Spyder. A proposito di tecnica, non si può trascurare anche ciò che non si vede, ovvero il sottoscocca: la Huracan Spyder vanta un fondo completamente piatto, un generoso diffusore sul posteriore e uno spoiler fisso in coda.

Dieci cilindri, ma solo quando serve

Rabbioso. Come altro definire il V10 aspirato del Toro? Con 610 CV a ben 8.700 giri non "cede" (almeno per ora) alla sovralimentazione e continua a regalare quel sottile piacere di avere sempre la sensazione che non manchi mai fiato né spinta. Ma non si pensi che a Sant'Agata siano fuori dal tempo: l'inquinamento va limitato e per questo motivo la centralina ammutolisce ben 5 cilindri su 10, in condizioni di carico parziale; ovvero, quando l'acceleratore è premuto solo parzialmente. Grazie a questo accorgimento, le emissioni di CO2 calano del 14% rispetto a quelle della Gallardo Spyder, mentre il consumo medio è pari a 12,3 l/100 km. Quanto alla trasmissione, trova ovviamente conferma il cambio a doppia frizione e sette rapporti, mentre la trazione integrale ripartisce il 43% della coppia davanti e il 57% dietro, variabili però in base alle condizioni di grip del fondo stradale.Infine, come sulla coupé sono selezionabili diverse modalità di guida, i dischi freno sono in materiale carbo-ceramico ed è possibile ordinare gli ammortizzatori magnetoreoligici con risposta regolabile dal guidatore.

Scheda Versione

Lamborghini Huracán Spyder
Nome
Huracán Spyder
Anno
2015
Tipo
Extralusso
Segmento
sportive
Carrozzeria
Spider
Porte
2 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Novità , Lamborghini , auto europee , evidenza , francoforte


Top