Test

pubblicato il 7 settembre 2015

Kia cee’d restyling, cambiare nel giusto

La compatta coreana, più che nella forma, si rinnova nella sostanza che ora è ancora più abbondante di prima

Kia cee’d restyling, cambiare nel giusto
Galleria fotografica - Kia cee'd sportswagon restyling 2015Galleria fotografica - Kia cee'd sportswagon restyling 2015
  • Kia cee\'d sportswagon restyling 2015 - anteprima 1
  • Kia cee\'d sportswagon restyling 2015 - anteprima 2
  • Kia cee\'d sportswagon restyling 2015 - anteprima 3
  • Kia cee\'d sportswagon restyling 2015 - anteprima 4
  • Kia cee\'d sportswagon restyling 2015 - anteprima 5
  • Kia cee\'d sportswagon restyling 2015 - anteprima 6

Dalla Mitteleuropa è lei la coreana più europea che esiste. Si chiama Kia cee'd, arriva al classico restyling di metà vita della seconda generazione e nel 2006 è stato il primo modello a essere disegnato, sviluppato e costruito da questa parte del mondo dalla casa asiatica inaugurando lo stabilimento di Zilina, in Slovacchia, e la garanzia dei 7 anni o 160mila km che, dal 2010 in poi, sarebbe diventata l'emblema di tutte le Kia vendute in Europa. Insomma la cee'd si pronuncia come l'inglese "seed" non per caso, perché è stata davvero il "seme" del successo della casa coreana sul nostro Continente, con oltre un milione di unità raggiunte nel maggio scorso e supportandone quasi un quarto dei volumi di vendita.

In sostanza, cambia più nella sostanza

Per questo la cee'd cambia poco, almeno in apparenza. Sfido infatti chiunque a riconoscere cosa hanno cambiato i tecnici coreani. I fari? Praticamente uguali e per vedere la nuova firma luminosa delle luci posteriori bisogna aspettare la notte. Poi ne incontro una uguale, le metto a fianco e mi accorgo che i parafanghi sono un po' diversi, intorno ai finestrini laterali c'è un po' più di cromo e anche la calandra "tiger nose" ha un modanatura metallica e una griglia leggermente modificate. E quella vi sembra la GT con i fari profondità che fanno tanto Porsche prima che Porsche ci pensasse? In realtà è la GT Line, ovvero un allestimento che di sportivo ha tutto tranne il motore, anzi la GT da 204 cv sparisce per l'Italia, così come la Pro_cee'd a 3 porte. L'avranno cambiata di più nell'abitacolo, penso. Ed invece anche qui si è lavorato di cesello lasciando inalterate le volumetrie interne, comprese quelle relative al bagagliaio. Per la 5 porte si va da 380 a 1.318 litri, per la Sportwagon da 528 a 1.642 litri e in entrambi i casi con dimensioni giuste, a ulteriore conferma della bontà di questo progetto.

Nata bene, cresciuta ancora meglio

Per questo penso che abbiano fatto bene a non calcare troppo la mano: perché la cee'd, come molti prodotti del gruppo Hyundai degli ultimi anni, è stata pensata con grande attenzione sin dall'inizio. La strumentazione con tre quadranti, il centrale occupato da un display TFT multifunzione, è un esempio di ergonomia così come lo sono la plancia avvolgente, la consolle e i vani portaoggetti, quello di fronte al guidatore è persino refrigerato. È quel tipo di semplicità che la mia mente legge subito come coerenza, persino eleganza, anche perché i materiali e i particolari denotano una cura non comune, e non solo quelli visto che non sono molte le vetture di questa classe ad avere le bocchette posteriori per la climatizzazione. Anche il nuovo sistema infotelematico mi dà subito soddisfazione perché la grafica dello schermo da 7 pollici è chiara, la navigazione Tom Tom velocissima, soprattutto quando occorre ricalcolare il percorso, e l'impianto audio ha una voce piena, convinta e ora è completo anche della radio DAB.

Quegli affinamenti silenziosi

Anche qui arrivano i servizi telematici come le informazioni sul traffico, quelle sul meteo e persino la posizione degli autovelox: tutta roba che Kia regala per 7 anni, come nel caso della garanzia. Non li regalerà, ma ci saranno dispositivi già presenti ma aggiornati e altri inediti per la cee_d. Tra i primi il sistema di parcheggio semiautomatico che funziona anche in uscita e negli spazi perpendicolari, tra i secondi il controllo dell'angolo cieco, la lettura dei segnali e l'allerta se sta arrivando una vettura mentre stiamo uscendo in retromarcia. Per migliorare l'insonorizzazione, sono stati modificati i materiali isolanti per il pavimento, la paratia dietro alla plancia e persino intorno al motore e all'impianto di scarico. Anche le sospensioni sono state modificare, con attacchi diversi per gli ammortizzatori, tarati diversamente insieme alle molle e con una nuova barra stabilizzatrice anteriore a sezione cava. Il controllo di stabilità è ora corredato della funzione torque vectoring e la centralina di controllo dello sterzo elettromeccanico passa da 16 a 32 bit.

Mille di questi mille

L'automobile è metallo e plastica, ma quando la prendi fuori dalla fabbrica che la sforna ha la fragranza del pane fresco dal fornaio. Per di più, ho persino un commesso che me la mette in bocca. E qui arriva la prima sorpresa. Avevo chiesto di provare il nuovo 3 cilindri mille e dal rumore di scarico davvero non sembra. E invece mi sbaglio: è proprio quella che avevo chiesto e, visto che è una GT Line, ha due terminali di scarico d'ordinanza. La cee'd è la prima auto del gruppo a montarlo. Apro la portiera e la chiudo. Però… che bel suono. Anche questa è qualità. Mi siedo, cerco la posizione e mi accorgo che su nessun'altra vettura è così intuitivo regolare il piantone del volante. Per uno brevilineo come me, la leva del cambio rimane un po' indietro e questo mi fa alzare il gomito, non nel senso che rischio il ritiro della patente per aver bevuto troppo, ma che devo fare movimenti ampi con il braccio per inserire i rapporti. E per fortuna che la manovrabilità è più che buona e questo mille si fa bastare la marcia che c'è, tanto è elastico e silenzioso, insomma un degno concorrente degli altri "fab 3", a cominciare dal Ford Ecoboost seguiti a ruota da quello Opel e dal Volkswagen.

Raddoppiano frizioni e dolcezza

Il capitolo successivo da sfogliare è il diesel 1.6 aggiornato nella sua versione più potente a 136 cv e accoppiato, in opzione, con il nuovo cambio doppia frizione a secco con 7 rapporti. Prima di partire, guardo la leva e non mi piace: sembra quella di auto con cambio automatico di 10-15 anni fa, con quel pomello a cursore e il pulsante di sblocco a portata di pollice, insomma poco consona al livello di innovazione. Il diesel ne ha sin dai regimi più bassi e 300 Nm (280 con il cambio manuale) sono una bella riserva, soprattutto se ad ogni affondata corrisponde anche una scalata di 4 marce e se le cambiate sono dolci e veloci come in questo caso. Se invece voglio tagliare corto, posso usare le levette al volante. Con entrambi i motori ho apprezzato la solidità d'insieme, che già conoscevo, e le modifiche apportate al telaio. Continuo a pensare che la silenziosità autostradale non è la migliore dote della cee'd, ma l'assorbimento sullo sconnesso è notevole e la tenuta è ottima, ma soprattutto lo sterzo (regolabile in tre gradi di carico agendo con la pressione di un pulsante sulla razza destra del volante) ha guadagnato in prontezza e sensibilità.

Non guarda in faccia a nessuno

La nuova cee'd arriverà nella seconda metà di ottobre con un prezzo di listino praticamente identico a quello attuale e, senza l'ambizione di sbarrare la strada alla Volkswagen Golf, dovrà farsi valere di fronte alle varie Focus, 308 e alla nuova Opel Astra. Per farlo avrà dalla sua anche il diesel 1.6 da 110 cv, il pari cilindrata a benzina da 128 cv, destinato a fare da base per la versione GPL, e il mille anche nel livello di potenza da 100 cv. Il piccolo di casa riceverà anche lui il DCT7 aggiungendo ulteriore attrattiva a un modello che, per essere realmente apprezzato per quello che offre, penso vada guidato, anzi assaggiato, per togliersi dalla mente ogni residuo di pregiudizio sulle auto coreane, se ancora c'è chi ne ha.

Galleria fotografica - Kia pro_cee'd restyling 2015Galleria fotografica - Kia pro_cee'd restyling 2015
  • Kia pro_cee\'d restyling 2015 - anteprima 1
  • Kia pro_cee\'d restyling 2015 - anteprima 2
  • Kia pro_cee\'d restyling 2015 - anteprima 3
  • Kia pro_cee\'d restyling 2015 - anteprima 4
  • Kia pro_cee\'d restyling 2015 - anteprima 5
  • Kia pro_cee\'d restyling 2015 - anteprima 6
Galleria fotografica - Kia cee'd restyling 2015Galleria fotografica - Kia cee'd restyling 2015
  • Kia cee\'d restyling 2015 - anteprima 1
  • Kia cee\'d restyling 2015 - anteprima 2
  • Kia cee\'d restyling 2015 - anteprima 3
  • Kia cee\'d restyling 2015 - anteprima 4
  • Kia cee\'d restyling 2015 - anteprima 5
  • Kia cee\'d restyling 2015 - anteprima 6

Scheda Versione

Kia cee\'d
Nome
cee'd
Anno
2012 (restyling del 2015)
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Kia , auto coreane


Listino Kia cee'd

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.6 GDi Active anteriore benzina 135 1.6 5 € 17.750

LISTINO

1.6 GDi Active anteriore benzina 135 1.6 5 € 17.750

LISTINO

1.6 GDi Cool anteriore benzina 135 1.6 5 € 19.750

LISTINO

1.6 GDI COOL anteriore benzina 135 1.6 5 € 19.750

LISTINO

1.0 T-GDi 100cv EcoDynamics Stop&Go Cool anteriore benzina 100 1.0 5 € 20.250

LISTINO

1.6 CRDi 110cv Active anteriore diesel 110 1.6 5 € 20.250

LISTINO

1.0 T-GDi 100cv EcoDynamics Stop&Go Cool anteriore benzina 100 1.0 5 € 20.250

LISTINO

1.6 CRDI 81KW ACTIVE anteriore diesel 110 1.6 5 € 20.250

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 37
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 32
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 43
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 55
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top