dalla Home

Mercato

pubblicato il 1 settembre 2015

Sergio Marchionne guiderà FCA fino al 2020

L’anno scorso aveva predetto un successore entro il 2018. E intanto punta alla fusione con GM

Sergio Marchionne guiderà FCA fino al 2020

Sergio Marchionne rimarrà fino al 2020. Trovare un manager che possa tenere le redini di FCA sembra la sfida più grande della sua carriera. E’ da anni che dice di tenere gli occhi aperti sul suo team e l’anno scorso, al Salone di Ginevra, aveva parlato di “persone valide” che stava valutando. Il suo “erede” però non si trova, o meglio non c’è nessuno che al momento possa “muoversi all’interno di questa giungla senza rimanerne ferito” (per utilizzare una sua metafora). In un’intervista ad Automotive News Marchionne ha quindi ammesso che probabilmente resterà in carica per altri cinque o sei anni. Le persone che somiglierebbero di più all’identikit del suo successore ideale sarebbero al momento Tim Kuniskis, 48enne alla guida di Dodge; Mike Manley, 51enne numero uno di Jeep; Reid Bigland, 48enne responsabile delle vendite negli USA e in Canada e Richard Palmer, direttore finanziario 48enne. Niente italiani.

Dal suo punto di vista però nessuno di loro sarebbe pronto ad assumere l’incarico a livello “mondiale”. La caccia va avanti, mentre, sempre ad Automotive News, Marchionne ha confermato l’intenzione di arrivare ad un accordo con GM. “Visti i numeri sarebbe irragionevole non forzare - ha detto - e non c'è altra scelta che mettere pressione su GM per cominciare a discutere ora. I potenziali profitti sono più grandi in misura esponenziale rispetto agli attuali guadagni globali di FCA e GM unite”. Difficile prevedere la sua prossima mossa, ma è quasi certo che l’ad voglia fare pressione sul fondo sanitario Veba, presente in GM con l'8,76%, visto che l’ad di GM, Mary Barra, ha finora ignorato le sue avance.

Autore:

Tag: Mercato , torino


Top