Anticipazioni

pubblicato il 28 agosto 2015

Nuova Citroën C3, un'ipotesi di stile

Faro sdoppiato come C4 Picasso e tanta personalità in più: così ipotizziamo la francese di terza generazione

Nuova Citroën C3, un'ipotesi di stile
Galleria fotografica - Citroen C3, il rendering della nuova generazioneGalleria fotografica - Citroen C3, il rendering della nuova generazione
  • Citroen C3, il rendering della nuova generazione - anteprima 1
  • Citroen C3, il rendering della nuova generazione - anteprima 2
  • Citroen C3, il rendering della nuova generazione - anteprima 3
  • Citroen C3, il rendering della nuova generazione - anteprima 4
  • Citroen C3, il rendering della nuova generazione - anteprima 5
  • Citroen C3, il rendering della nuova generazione - anteprima 6

Citroën torna a fare la... Citroën: a sperimentare, osare, provocare se necessario. La bandiera di questo ritorno alle origini è senza dubbio la C4 Cactus, ma anche la futura C3 promette molto bene. Il marchio francese, lo ricordiamo, è sempre stato riconosciuto come uno dei più creativi, nelle forme (vedi DS del 1955) e nella tecnologia (vedi sospensioni pneumatiche attive). Oggi, fra condivisione dei pianali, massimizzazione delle sinergie e normative sempre più stringenti in tema di sicurezza, certi azzardi non sarebbero nemmeno immaginabili. Detto questo, del margine per differenziarsi comunque esiste e in Citroën, con la nuova vettura di segmento B, pare che li vogliano esplorare tutti. In ogni caso, la generazione attuale ha ancora vita relativamente lunga davanti a sé: per il debutto della generazione numero III si parla di fine 2016. Una tempistica ragionevole, considerata l'ottava posizione nel segmento B a luglio 2015 e la decima nei primi sette mesi di quest'anno (in Italia): la C3 è auto che deve puntare almeno al podio, anche in "trasferta", ovvero al di fuori della Francia.

Sguardo da C4 Picasso, tetto da Mini

Sguardo profondo sotto, "lama" felina sopra: il frontale della nuova C3 ce lo immaginiamo così, sdoppiato, con l'immancabile striscia di led che conferisce un tocco hi-tech. A unire i gruppi ottici inferiori dovrebbe esserci una griglia a listelli orizzontali (per dare un senso di "schiacciamento" verso l'asfalto che non guasta mai), mentre le due feritoie luminose sovrastanti sono separate dalla parte superiore del paraurti, ovviamente in tinta con la carrozzeria e con il logo del Double Chevron al centro.

Sopra e di lato è un mix di nuove tendenze

La personalità della nuova C3 sarà plasmata fortemente dal tetto, che grazie ai montanti scuri sia davanti sia dietro pare come sospeso sopra la vettura; questo effetto si coglierà più nitidamente con tetto chiaro. E' però la fiancata che concentra il maggior numero di novità, rispetto ai canoni stilistici Citroën: la linea del passaruota, molto muscoloso, si estende fino a metà della portiera, mentre la linea di cintura è mossa da due "virgole", una in corrispondenza degli specchietti retrovisori, l'altra poco prima del montante posteriore. Il risultato è che la futura C3 - se le nostre intuizioni troveranno conferma - perderà quell'aspetto arrotondato e "giocoso" di C3 I e II, per assumere forme più dinamiche.

Scegli Versione

Autore:

Tag: Anticipazioni , Citroen , auto europee , rendering


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 38
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 55
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 51
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 50
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top