dalla Home

Curiosità

pubblicato il 26 agosto 2015

Nuove tecnologie in auto, queste sconosciute

Il 20% degli automobilisti non ha mai usato metà degli optional tecnologici. Miliardi di euro pagati dai clienti inutilmente

Nuove tecnologie in auto, queste sconosciute
Galleria fotografica - Le tecnologie meno usate in autoGalleria fotografica - Le tecnologie meno usate in auto
  • Le tecnologie meno usate in auto - anteprima 1
  • Le tecnologie meno usate in auto - anteprima 2
  • Le tecnologie meno usate in auto - anteprima 3
  • Le tecnologie meno usate in auto - anteprima 4
  • Le tecnologie meno usate in auto - anteprima 5
  • Le tecnologie meno usate in auto - anteprima 6

Ne parlano tutti, noi per primi, inutile nascondersi: le nuove tecnologie attirano nuove e vecchie generazioni e, applicate ai veicoli, rappresentano il futuro della mobilità individuale, più ancora dell'automobile stessa e dell'evoluzione meccanica. Eppure, forse, è ancora presto perché si possa decretare la "sconfitta" della meccanica ad opera dell'elettronica. Secondo uno studio dell'autorevole istituto di ricerca e consulenza J.D. Powers, infatti, molti automobilisti non utilizzano le tecnologie offerte dalle loro vetture. Miliardi di euro (o dollari, se preferite) investiti in ricerca e sviluppo da parte delle Case, per poi, automobilisti "ingrati", continuare a usare solo radio e, forse, vivavoce Bluetooth.

Concierge di bordo il servizio più inutile

Scherzi a parte, secondo la Driver Interactive Vehicle Experience Report 2015, circa il 20% dei proprietari di nuove auto non ha mai usato almeno 16 delle 33 funzionalità del sistema di infotainment. Il meno utilizzato dei servizi è quello di concierge (43%), seguito dal router di bordo (38%). Il 35% non utilizza mai il sistema di ausilio al parcheggio e il 33% lascia "nel cassetto" l'head-up display. Dalla ricerca emergono altri due dati interessanti: se una tecnologia non diviene familiare nei primi 30 giorni di possesso del veicolo, facilmente viene accantonata per sempre. Inoltre, se un sistema hi-tech non viene attivato in fase di consegna del veicolo, il cliente ne ignora per sempre l'esistenza.

Le tecnologie inutilizzate sono uno spreco collettivo di denaro

Si può anche sorridere, a pensare cosa gli automobilisti utilizzano e cosa no. In realtà, ogni tecnologia non sfruttata rappresenta uno sperpero di denaro: le Case investono e riversano questi costi (anche) sul cliente finale, anche quando quest'ultimo, magari, non ordina tutto l'ordinabile; nella tendenza al rialzo dei prezzi di listino rientra infatti anche indirettamente il costo di ricerca e sviluppo. Infine, è curioso notare come gli automobilisti nati fra il 1977 e il 1994 giudichino poco interessanti le funzionalità legate all'entertainment e alla connettività.

Autore:

Tag: Curiosità , auto americane , auto coreane , auto europee , auto giapponesi , auto ibride , auto inglesi , auto italiane


Top