Curiosità

pubblicato il 25 agosto 2015

EVX Ventures Immortus, autonomia infinita

Lunga, larga, bassa e ultraleggera, le basta l’energia solare per alimentare i 3,4 CV dei suoi due motori elettrici

EVX Ventures Immortus, autonomia infinita
Galleria fotografica - EVX Ventures ImmortusGalleria fotografica - EVX Ventures Immortus
  • EVX Ventures Immortus - anteprima 1
  • EVX Ventures Immortus - anteprima 2
  • EVX Ventures Immortus - anteprima 3
  • EVX Ventures Immortus - anteprima 4
  • EVX Ventures Immortus - anteprima 5
  • EVX Ventures Immortus - anteprima 6

Ancora oggi se chiedete ad un ingegnere automobilistico perché non vengono utilizzati i pannelli solari sulle vetture avrete la risposta più classica: i bassi livelli di energia elettrica generati dal fotovoltaico non giustificano il peso e l'ingombro delle celle solari, utilizzabili al massimo per alcuni servizi di bordo. Insomma, il gioco non vale la candela. Gli australiani della EVX Ventures la pensano evidentemente in un altro modo se è vero che si sono imbarcati nell'ambizioso progetto Immortus, l'auto elettrica a energia solare con autonomia infinita, ovvero in grado di viaggiare senza mai attaccarsi ad una presa di corrente finché il sole splenderà in cielo. Il segreto della Immortus non è poi neanche tale, visto che ottenere un simile risultato (ancora teorico) è bastato riprogettare da zero l'automobile, con materiali ultraleggeri, aerodinamica da record e tecnologie viste finora solo nelle più famose gare di economy run, Shell Eco-marathon e World Solar Challenge, che si tiene proprio in Australia.

Anche le forme esterne della EVX Ventures Immortus sono insolite, visto che è lunga ben 5 metri, larga 2 metri, alta 1,1 metri e con un passo di 2,5 metri, praticamente un'enorme "sogliola" biposto che offre tanta superficie esposta al sole, pesa solo 550 kg e ha un centro di gravità bassissimo posto a 60 cm da terra. Sette metri quadri di pannelli solari con un efficienza del 22% alimentano batterie aglio ioni di litio con una capacità di 10 kWh, mentre la trazione è affidata a due motori elettrici alloggiati nei mozzi delle ruote posteriori che offrono una potenza massima di 20 kW (picco) ciascuno per un totale di 40 kW (54 CV). L'accelerazione da 0 a 100 km/h dichiarata dalla Immortus è di 7 secondi, la velocità massima è di 150 km/h e ad una media di 85 km/h può percorrere fino a 550 km prima di dover essere ricaricata "alla spina". Il piccolo miracolo dell'autonomia infinita si verifica invece quando si viaggia a 60 km/h, velocità che permette agli elettromotori dalla potenza nominale di 1,25 kW (3,4 CV totali) di consumare esattamente la stessa energia generata dai pannelli fotovoltaici. In teoria ci troviamo quindi davanti ad un punto di equilibrio che somiglia molto all'impossibile moto perpetuo.

Autore:

Tag: Curiosità , auto elettrica , carburanti alternativi , dall'estero


Vai allo speciale
  • Citroen al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 32
  • Hyundai al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 49
  • Abarth al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 20
  • Volkswagen al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 40
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top