dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 21 agosto 2015

Fiat 124 Spider: e se fosse così?

Deriva dalla Mazda MX-5, doveva diventare un’Alfa Romeo, sarà anche Abarth: l’abbiamo sognata, in attesa di vederla dal vivo

Fiat 124 Spider: e se fosse così?
Galleria fotografica - Fiat 124 Spider, il renderingGalleria fotografica - Fiat 124 Spider, il rendering
  • Fiat 124 Spider, il rendering - anteprima 1
  • Fiat 124 Spider, il rendering - anteprima 2
  • Fiat 124 Spider, il rendering - anteprima 3
  • Fiat 124 Spider, il rendering - anteprima 4
  • Fiat 124 Spider, il rendering - anteprima 5
  • Fiat 124 Spider, il rendering - anteprima 6

Meno di 1.000 kg di peso, trazione posteriore, motore turbo da 200 CV in su. Difficile resistere alla tentazione di vedere, toccare e guidare un'auto come la nuova Fiat 124 Spider, che dovrebbe debuttare a giorni, al Salone di Francoforte. Per ingannare l'attesa, quindi, abbiamo pensato di immaginare la variante italiana della Mazda MX-5, che secondo le informazioni raccolte finora condivide con la 2 posti giapponese lo stabilimento produttivo di Hiroshima e gran parte di quello che c'è sotto la carrozzeria (un'ottima base di partenza per una sportiva), una ragione in più per dare alla 124 Spider una linea che non passi inosservata. La nostra idea la vedete nella foto di copertina: cattiva, no?!

Soffia e punge

Ed è proprio un po' di cattiveria in più che i motoristi Fiat hanno cercato, per distanziarsi dalle potenze dei 4 cilindri Mazda aspirati - 130 CV per il 1.5 e 160 CV per il 2.0 - e per sfruttare il vantaggio di avere dei motori sovralimentati. Si è parlato per molto tempo del 1.750 turbo Alfa Romeo ma, dopo la decisione di non portare più avanti il progetto di un nuovo Duetto a favore della 124 Spider, tutto fa pensare ad un altro turbo, il 1.4 Multiair che montano ad esempio le 500 Abarth. Marchio, quello dello Scorpione, che sarà sulla variante più cattiva della Spider, come ha confermato il braccio destro di Marchionne, con un livello di potenza che non dovrebbe superare i 240 CV della cugina Alfa 4C Spider. Il motore T-Jet, così, per la prima volta avrà una disposizione longitudinale e quasi certamente sarà accoppiato al cambio doppia frizione TCT a 6 marce.

Si comincia a far sul serio

Un modello importante per FCA, insomma, la Fiat 124 Spider, non solo per il suo compito di "caricare" di emozioni e di suggestioni il brand più baricentrico del gruppo, ma anche perché è un debutto che inaugura un biennio in cui tecnici e manager dovranno prendere decisioni importanti. Primo, perché bisogna scegliere su quali tecnologie puntare (ibridizzazione ed elettrificazione, risorse da impiegare sullo sviluppo di nuovi motori benzina piuttosto che diesel) per raggiungere gli obiettivi di emissioni fissati dalle normative entro il 2020; secondo, perché bisogna definire le piattaforme per la prossima gamma di prodotto, fatta di piccole funzionali ed emozionali, ma anche di una nuova famiglia di vetture medie, con SUV e crossover in prima linea. Una nuova Fiat Bravo potrebbe dunque basarsi sulla berlina Aegea e partendo dalla Ottimo Cross si dovrebbe lavorare per realizzarne l'ormai irrinunciabile variante rialzata. Questo per quel che riguarda il futuro, ma per tornare al presente e fare anche un tuffo nel passato, potete confrontare il nostro rendering della Fiat 124 Spider con la sua antenata, di cui vi abbiamo già raccontato la storia, e con tutte le Fiat "scoperte" che ci sono state prima di lei.

Autore:

Tag: Anticipazioni , Fiat , auto italiane , rendering


Top