dalla Home

Novità

pubblicato il 26 giugno 2007

Saab 9-3 2008

Debutta a settembre con un nuovo diesel da 180 cavalli, trazione integrale e un look aggiornato

Saab 9-3 2008
Galleria fotografica - Saab 9-3 CabrioletGalleria fotografica - Saab 9-3 Cabriolet
  • Saab 9-3 Cabriolet - anteprima 1
  • Saab 9-3 Cabriolet - anteprima 2
  • Saab 9-3 Cabriolet - anteprima 3
  • Saab 9-3 Cabriolet - anteprima 4
  • Saab 9-3 Cabriolet - anteprima 5
  • Saab 9-3 Cabriolet - anteprima 6

A vederla nel buio, con accese quelle due sottili strisce di LED che servono da luci di posizione, mette quasi soggezione. Lo sguardo è felino, palesemente pronto a divorare la strada e bisogna aspettare di vedere illuminato il resto della carrozzeria per "tranquillizzarsi"sul genere di automobile che si ha dinnanzi. Anche perché, proprio quest'automobile, vanta sul cofano uno dei marchi più rassicuranti del mercato: è una Saab.

E' stata questa la nostra prima impressione osservando dal vivo la nuova 9-3, in un'atmosfera resa surreale dall'inevitabile penombra della location scelta dalla Casa svedese per questa presentazione: un vecchio bunker degli anni 50 vicino Goteborg, oggi utilizzato come museo aeronautico.

Abbiamo scritto "nuova 9-3", ma è più corretto parlare di un restyling, per quanto importante tanto a livello di sostanza quanto a livello strategico, visto che dovrà regalare una seconda giovinezza commerciale alla media di Casa Saab. Così la 9-3 si aggiorna innanzitutto nel look, beneficiando di un'iniezione di personalità che trae spunto a piene mani dal Aero X. Gli elementi stilistici tradizionali del marchio Saab - come il cofano bombato e la mascherina con tre aperture - sono stati enfatizzati ulteriormente e conferiscono al frontale del modello un aspetto molto più personale e accattivante. Nessuna novità di rilievo si segnala invece per le fiancate, che per tutte e tre le carrozzerie - Sport Sedan, Sport Hatch e Cabriolet - si confermano pulite e filanti. Impressione che viene valorizzata oltremodo se si scelgono i nuovi cerchi da 18 pollici di diametro.
Il restyling della zona posteriore si è invece concentrato sui gruppi ottici e sul disegno del paraurti: i primi sono di nuovo tipo con cristalli di colore chiaro mentre i paraurti sono più bombati e nella versione Aero prevedono un doppio terminale di scarico cromato a vista.

Per l'abitacolo le novità riguardano essenzialmente i rivestimenti sia in termini di colore (la plancia è nera anziché grigia) che di qualità, con un nuovo tipo di pelle disponibile fra gli optional (in tre colorazione) e particolarmente morbida al tatto. Fra gli equipaggiamenti si segnala l'introduzione di un nuovo impianto HiFi della BOSE con ben 11 altoparlanti (10 per la versione SportHatch) in grado di riprodurre CD, MP3 o radio digitali XM. La qualità "surround" è fornita automaticamente anche se il CD non è codificato per la stessa.

Ma veniamo al capitolo clou di questo restyling: la novità tecniche. Se l'estetica della 9-3 è stata migliorata risultando ora più moderna e originale, la meccanica ha ricevuto ben più profonde innovazioni tecnologiche che mirano candidamente a far primeggiare la 9-3 nel segmento. Di immediato interesse per il nostro mercato, anche se sarà introdotta in listino solo a gennaio 2008, è la nuova motorizzazione 1.9 TTiD, ovvero un inedito diesel con tecnologia turbo bifase. Sviluppato congiuntamente con la Fiat Powertrain, quest'unità propulsiva è in grado di erogare 180 cavalli e una coppia massima di 400 Nm. Tali valori sono stati ottenuti grazie alle due turbine di dimensioni differenziate in grado di lavorare in coppia o di bypassarsi vicendevolmente; in particolare: quella piccola lavora ai bassi regimi, mentre quella più grande entra in funzione ai regimi normali. Il "passaggio di consegne" fra le due turbine è ovviamente progressivo e il vantaggio di questa soluzione tecnica, all'atto pratico, è una spinta del propulsore immediata e omogenea a tutti i regimi di funzionamento. Inoltre, nonostante l'elevato livello di potenza ottenuto, questo motore vanta consumi contenuti che sulla carta Saab stima a 6,4 litri di gasolio ogni 100 chilometri (per la versione Sport Sedan nel ciclo combinato).
L'altra novità tecnica di assoluto rilievo - e che potrebbe avere non pochi risvolti strategici per il prodotti futuri del marchio Saab - si chiama "XWD" ed è un inedito sistema di trazione integrale Haldex di 4° generazione. Torneremo sull'argomento con uno specifico articolo di Tecnica e in questa sede vi anticipiamo che il nuovo XWD Saab include un'edizione evoluta del controllo elettronico di trazione ed un differenziale posteriore autobloccante a gestione elettronica in grado di trasferire anche il 100% della coppia motrice verso l'assale posteriore. La tecnologia è all'avanguardia sulla carta, ma anche tremendamente efficace su strada: abbiamo impegnato una Saab 9-3 XWD in uno slalom fra i birilli riscontrando una formidabile velocità di uscita dalle curve in appoggio che, anche premendo a fondo l'acceleratore, non ha mai comportato l'intervento dell'ESP (di serie) per correggere la traiettoria.
La trazione XWD sarà per il momento abbinata alla sola motorizzazione top di gamma 2.8 V6 da 280 cavalli e verrà introdotta sul mercato nel corso del 2008.
La rinnovata Saab 9-3 si preoccupa pure del rispetto dell'ambiente e sarà disponibile, anche in Italia e in tutte le varianti di carrozzeria, con motore 2.0 Turbo BioPower da 200 cavalli, ovvero alimentabile con E85, una miscela di bioetaonolo (85%) e benzina (15%) che riduce sensibilmente le emissioni inquinanti. Purtroppo, com'è noto, nel nostro paese non esistono ancora stazioni di rifornimento di E85 e, proprio commercializzando in anticipo auto a bioetonolo, la speranza di Saab e quella di convincere i nostri governanti ad intraprendere una politica seria di sviluppo e incentivazione di carburanti alternativi.
La 9-3 BioPower abbina tra l'altro l'ecologia a prestazioni addirittura superiori a quelle della versione alimentata a benzina verde di pari potenza: 7.7 secondi per scattare da 0 a 100 km/h e 10 secondi per riprendere in quinta marcia da 80 a 120 km/h (i tempi per l'omologa versione benzina sono rispettivamente di 8.5 ed 11.1 secondi).

La gamma 2008 della Saab 9-3 arriverà in Italia a settembre e sarà composta da sette motorizzazioni, di cui cinque a benzina (1.8i 122 cv, 1.8t 150 cv, 2.0t 175 cv, 2.0TS 210 cv e 2.8 V6 255 cv), due a gasolio (1.9 TiD da 120 e 150 cv; il più potente 1.9 TTiD arriverà a gennaio) e due a bioetanolo E85 (1.9t BioPower da 175 cavalli e 2.0t BioPower da 200 cavalli). Tre le carrozzerie e altrettanti i livelli di allestimento: Linear, Vector (con cerchi, rispettivamente da 16" e 17") e la sportiva Aero disponibile solo con le motorizzazioni V6 benzina e 180 cavalli diesel (di serie monta cerchi da 18" e comprende sedile di guida elettrico, sensore per la pressione dei pneumatici e chiusura comfort per i vetri). Da segnalare infine che i cambi automatici a sei marce (optional) prevedono ora una modalità di "guida sportiva", selezionabile premendo un pulsante sulla plancia.

Il listino prezzi sarà ufficializzato a fine agosto, ma non bisogna aspettarsi particolari rincari rispetto a quello attuale.

Galleria fotografica - Saab 9-3 Sport HatchGalleria fotografica - Saab 9-3 Sport Hatch
  • Saab 9-3 Sport Hatch - anteprima 1
  • Saab 9-3 Sport Hatch - anteprima 2
  • Saab 9-3 Sport Hatch - anteprima 3
  • Saab 9-3 Sport Hatch - anteprima 4
  • Saab 9-3 Sport Hatch - anteprima 5
  • Saab 9-3 Sport Hatch - anteprima 6
Galleria fotografica - Saab 9-3 Sport SedanGalleria fotografica - Saab 9-3 Sport Sedan
  • Saab 9-3 Sport Sedan - anteprima 1
  • Saab 9-3 Sport Sedan - anteprima 2
  • Saab 9-3 Sport Sedan - anteprima 3
  • Saab 9-3 Sport Sedan - anteprima 4
  • Saab 9-3 Sport Sedan - anteprima 5
  • Saab 9-3 Sport Sedan - anteprima 6

Autore: Alessandro Lago

Tag: Novità , Saab


Top