Curiosità

pubblicato il 29 luglio 2015

Ferrari 488 Spider, 40 anni di V8 “a cielo aperto”

La 308 GTS del 1977 fu la prima a “perdere la testa”, la 458 Spider l’ultima con il motore aspirato

Ferrari 488 Spider, 40 anni di V8 “a cielo aperto”
Galleria fotografica - Ferrari 488 Spider, 40 anni di V8 Galleria fotografica - Ferrari 488 Spider, 40 anni di V8
  • Ferrari 308 GTS	   - anteprima 1
  • Ferrari 308 GTS - anteprima 2
  • Ferrari 308 GTSi  - anteprima 3
  • Ferrari 308 GTSi - anteprima 4
  • Ferrari 208 GTS - anteprima 5
  • Ferrari 208 GTS - anteprima 6

La Ferrari 488 Spider è pronta per debuttare al Salone di Francoforte, per poi ruggire sulle strade e nelle piste di tutto il mondo con il suo 3.9 litri V8 bi-turbo da 670 CV e 760 Nm. Dati impressionanti che portano a prestazioni altrettanto incredibili, come gli scatti da 0 a 100 km/h in 3 secondi e da 0 a 200 km/h in 8,7 secondi. Ma la 488 è solo l’ultima nata di una stirpe di Ferrari “senza tetto” con 8 cilindri e il motore centrale che affonda le sue radici direttamente negli anni Settanta, quando nacque la prima 308 e GTS, quella di Magnum P.I., se la memoria vi facesse difetto. Fino al 1993, infatti, con l’arrivo della 348 Spider, le sportive del Cavallino Rampante per chi voleva viaggiare a cielo aperto prevedevano solamente la configurazione “Targa”, ovvero con il tettino rigido rimovibile che si poteva poi sistemare nel cofano anteriore. Con l’uscita della 488 Spider si aggiunge un ennesimo capitolo a una storia di V8 Ferrari a due posti secchi che proprio nel 2015 raggiunge i 40 anni. Ripercorriamola insieme.

Dalla 308 GTS alla 328 GTS

La prima 308 GTS arrivò sul mercato nel 1977, con un otto cilindri a V di 90° aspirato da 252 CV a 6.600 giri. Aveva la carrozzeria in acciaio e la lubrificazione a carter umido, caratteristiche poi introdotte anche sulla GTB che era nata con la scocca in vetroresina e il carter secco. Nel 1980 l’iniezione elettronica della 308i GTS abbassò la potenza a 211 CV, ma nel 1982 tornò a 237 CV con la 308 GTS quattrovalvole. In questi anni nacquero anche le 208 GTS, con cilindrata ridotta a 2 litri e destinate principalmente al mercato italiano per sfuggire al superbollo. Nel 1980 il V8 aspirato produceva solo 155 CV, poi cresciuti a 217 grazie all’aggiunta del turbo nel 1983. La 328 GTS arriva nel 1985, con il V8 cresciuto a 3.2 litri, con 270 CV e 313 Nm, mentre un anno dopo è la volta della nuova GTS Turbo con il 2 litri che arriva a 251 CV e la coppia a 328 Nm. Le due auto hanno prestazioni quasi uguali.

Dalla 348 Spider alla 360 Spider

Nel 1989 cambia tutto, con l’arrivo della 348 TS, in cui il V8 cresce a 3.4 litri ed eroga 300 CV a 7.200 giri. Nel 1993 c’è il corposo restyling che trasforma la 348 in GTS: il motore guadagna 20 CV e 200 rpm, ma soprattutto arriva per la prima volta la carrozzeria Spider, che risulterà la più venduta di quel modello. Il 1995 è l’anno delle F355 GTS e Spider, motorizzate con il V8 da 3.5 litri e 375 CV a 8.250 giri. Questa Ferrari verrà prodotta fino al 1999, sarà l’ultima V8 prodotta in carrozzeria Targa e la prima Ferrari a offrire sia il cambio robotizzato F1 che la cappottina elettrica. Tra il 2000 e il 2005 viene prodotta la 360 Spider, con l’otto cilindri che raggiunge i 400 CV a 8.500 giri; le sue vendite sono quasi uguali a quelle della variante chiusa Modena e le due auto sono state progettate insieme sin dall’inizio. La 360 è anche l’ultima Ferrari a essere motorizzata con il V8 della serie Dino, che aveva debuttato 25 anni prima sulla 308.

Dalla F430 Spider alla 458 Spider

La Ferrari F430 Spider è stata prodotta dal 2005 al 2009. Condivideva con la 360 il telaio di alluminio, il tetto, le porte e il parabrezza anteriore, ma il motore era del tutto nuovo. Si trattava del V8 F136 progettato sin dall’inizio sia per le Ferrari che per le Maserati (che lo utilizzano ancora); è andato in pensione solo pochi mesi fa con l’uscita dal listino della 458 Italia. Sulla F430 Spider erogava 483 CV a 8.500 giri, cresciuti a 503 CV sulla Scuderia Spider 16M. Infine la 458 Spider, arrivata nel 2011 e pensionata da pochissimo tempo. Probabilmente resterà la Ferrari con il V8 aspirato più potente di sempre, grazie ai 562 CV a 9.000 giri del suo 4.5 litri, che crescevano a 597 CV nella 458 Speciale A (A sta per aperta). Il suo testimone è stato raccolto dalla 488 Spider che vedremo al Salone di Francoforte.

Scheda Versione

Ferrari 488 Spider
Nome
488 Spider
Anno
2016
Tipo
Extralusso
Segmento
sportive
Carrozzeria
Spider
Porte
2 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Alessandro Vai

Tag: Curiosità , Ferrari , auto italiane


Listino Ferrari 488 GTB

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
3.9 Spider DCT posteriore benzina 670 3.9 2 € 232.594

LISTINO

 

Vai allo speciale
  • Lexus al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 28
  • Hyundai al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 23
  • Subaru al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 2
  • Volkswagen al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 18
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top