dalla Home

Attualità

pubblicato il 27 luglio 2015

FCA, maxi-multa da 105 milioni di dollari

La sanzione più elevata della storia per mancanze nei richiami dei veicoli difettosi

FCA, maxi-multa da 105 milioni di dollari

Fiat Chrysler Automobiles deve pagare 105 milioni di dollari di multa negli Stati Uniti per non aver posto tempestivamente rimedio, in passato, a tre casi di difettosità dei propri veicoli. Non è un periodo felice, questo, per FCA, nei rapporti con NHTSA e con i richiami in generale. Dopo la questione della Jeep Cherokee "hackerata", che ha portato al richiamo di 1,4 milioni di veicoli, si aggiunge questa maxi-ammenda: la più alta mai comminata dalla NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration).

Ammissione di colpevolezza da parte di FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha ammesso le proprie mancanze e, oltre alla multa, ha accettato di ricomprare dai proprietari i veicoli difettosi (qualora questi siano d'accordo, ovviamente). Nel dettaglio, i 105 milioni si compongono in 70 milioni di multa vera e propria, 20 milioni di investimenti per la sicurezza e altri 15 di ammenda, qualora dovessero essere rilevate altre mancanze. Quanto ai veicoli che FCA si è impegnata a ricomprare, si tratta di Ram 4500 (2008-2012), Dodge Dakota (2009-2011), Dodge Durango (2009) e Chrysler Aspens. Per ogni veicolo, Fiat Chrysler si impegna a pagare il prezzo di mercato, meno il deprezzamento dovuto al tempo; li potrà poi rivendere quando ne avrà risolto i problemi.

Una multa pari al fatturato dei primi tre mesi

Non si pensi che 105 milioni di dollari siano una cifra simbolica, per un gigante dell'automotive: basti pensare che l'utile netto del Gruppo FCA nei primi tre mesi è stato di 101 milioni. In pratica, per i primi tre mesi del 2015 (più qualche giorno) il Gruppo ha lavorato per pagare questa maxi-multa. Non sono dunque solo minacce fini a sé stesse quelle del segretario dell'NHTSA Anthony Foxx: "Questa maxi-sanzione serva da monito a tutti i Costruttori che il nostro organismo fa e farà di tutto per garantire la sicurezza sulle strade americane".

Autore:

Tag: Attualità , richiami


Top