dalla Home

Curiosità

pubblicato il 23 luglio 2015

Jeep Cherokee, gli hacker l'hanno guidata da remoto

Due ingegneri informatici americani hanno “bucato” lo Uconnect, ma FCA ha già effettuato l’aggiornamento

Jeep Cherokee, gli hacker l'hanno guidata da remoto
Galleria fotografica - Nuova Jeep CherokeeGalleria fotografica - Nuova Jeep Cherokee
  • Nuova Jeep Cherokee - anteprima 1
  • Nuova Jeep Cherokee - anteprima 2
  • Nuova Jeep Cherokee - anteprima 3
  • Nuova Jeep Cherokee - anteprima 4
  • Nuova Jeep Cherokee - anteprima 5
  • Nuova Jeep Cherokee - anteprima 6

State guidando tranquillamente la vostra auto e improvvisamente la ventola del climatizzatore va al massimo, provate a spegnerla ma non succede nulla. Poi lo stereo va a tutto volume, gli indicatori di direzione si attivano da soli e il clacson inizia a suonare. I vostri interventi manuali sono completamente inutili e, come se non bastasse, a un certo punto nello schermo del sistema di infotainment compare una foto delle persone che hanno “hackerato” la vostra macchina. Se pensate che sia un gioco vi sbagliate, è successo davvero, al giornalista di Wired Andy Greenberg, che almeno era stato avvertito di quello che stava per accadere da Charlie Miller e Chris Valasek, due ingegneri informatici americani che si occupano di sicurezza.

È solo un test

Ovviamente si trattava di un test giornalistico, ma la facilità con cui i due “hacker” hanno preso il controllo di una Jeep Cherokee è quasi imbarazzante, anche perché tutto questo è avvenuto da remoto. Infatti, l’hacking è avvenuto mentre Greenberg si recava in una area test, per permettere ai due di agire anche sui sistemi di controllo dell’auto e non solo su quelli accessori. Il risultato è stato che la Jeep Cherokee (di proprietà di Miller) si muoveva autonomamente: gas, freno e sterzo (ma solo in retromarcia), venivano controllati dai due pc portatili di Miller e Valasek, seduti comodamente sul divano di casa. La connessione con l’auto, evidentemente, avveniva via internet, visto che il sistema Uconnect da 8,4 pollici montato sulla SUV italo-americana era dotato di una SIM interna.

La risposta di FCA

La risposta di FCA non si è fatta attendere, con l’assicurazione che finora non c’è stato nemmeno un caso né di incidenti né di introduzione non autorizzata nei sistemi di infotainment. Inoltre, i due ingegneri informatici hanno avvistato tempestivamente FCA delle loro ricerche e dei relativi risultati, tanto che i problemi di vulnerabilità che affliggevano i model year 2013 e 2014 sono stati risolti sui model year 2015 e l’aggiornamento dello Uconnect è disponibile per tutte le auto precedenti. Va fatto con una pennetta USB oppure in un dealer Fiat, ma non avviene con un download automatico. La lista dei modelli da aggiornare comprende i Dodge Ram 1500/2500/3500/4500/5500, la Dodge Durango, la Viper e le Jeep Cherokee e Grand Cherokee, oltre ad alcuni esemplari della Chrysler 200 S.

Scheda Versione

Jeep Cherokee
Nome
Cherokee
Anno
2014
Tipo
Normale
Segmento
medie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Alessandro Vai

Tag: Curiosità , Jeep , auto americane


Listino Jeep Cherokee

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2.0 Mjt II 140cv FWD Longitude anteriore diesel 140 2.0 5 € 39.900

LISTINO

2.0 Mjt II 140cv FWD Longitude anteriore diesel 140 2 5 € 39.900

LISTINO

2.0 Mjt II 140cv Longitude FWD anteriore diesel 140 2 5 € 40.150

LISTINO

2.0 Mjt II 140cv 4WD Longitude 4x4 diesel 140 2.0 5 € 42.400

LISTINO

2.0 Mjt II 140cv 4WD Longitude 4x4 diesel 140 2 5 € 42.400

LISTINO

2.0 Mjt II 140cv Longitude 4WD 4x4 diesel 140 2 5 € 42.650

LISTINO

2.0 Mjt II 140cv FWD Limited anteriore diesel 140 2.0 5 € 45.000

LISTINO

2.0 Mjt II 140cv FWD Limited anteriore diesel 140 2 5 € 45.000

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top