dalla Home

Test

pubblicato il 16 luglio 2015

Honda Civic Type-R, fra i cordoli è un fulmine [VIDEO]

La più letale delle Civic passa al turbo. Molto specialistica, guidarla al limite non è per tutti... ma poi è imprendibile!

Galleria fotografica - Honda Civic Type RGalleria fotografica - Honda Civic Type R
  • Honda Civic Type R - anteprima 1
  • Honda Civic Type R - anteprima 2
  • Honda Civic Type R - anteprima 3
  • Honda Civic Type R - anteprima 4
  • Honda Civic Type R - anteprima 5
  • Honda Civic Type R - anteprima 6

Sette minuti, cinquanta secondi e sessantatre centesimi. Scritto in lettere fa ancora più effetto, com’è giusto che sia quando si parla di un record al Nurburgring e, più precisamente, quello riguardante le compatte a trazione anteriore. Sì, la nuova Honda Civic Type-R ha esordito così al Salone di Ginevra, con un biglietto da visita che punta dritto all’adrenalina, lanciando senza mezzi termini la sfida alle avversarie del calibro di Renault Megane RS, Seat Cupra e Opel Astra OPC tanto per fare qualche esempi. La curiosità è quindi lecita, anzi d’obbligo, ed eccomi quindi allo Slovakia Ring, per testare in pista quando questa Civic sia veloce!

“Samurai, vestizione!”

Dopo 5 anni di attesa infatti l’ultima nata della gloriosa famiglia Type-R mostra letteralmente i muscoli, grazie a un look vistoso, ma funzionale alla natura estremamente sportiva che si cela tra spoiler, diffusori e profili ribassati. Dagli studi aerodinamici con modelli CFD, lo sviluppo di questa monellaccia giapponese è poi passato alla fase di testing su circuiti come Nurburgring, Suzuka oltre a quello di Honda, sito a Takasu. Non solo “solida e grintosa” come la definiscono i giapponesi, ma efficiace: la parte inferiore è quasi tutta piatta, caratteristica che, unita al diffusore posteriore ottimizza l’aderenza, in particolar modo alle alta velocità. Molto importante anche la gestione del calore, grazie alle griglie inferiori all’interno del paraurti anteriore e alle specifiche fessure di ventilazione laterali. Esagerati (e molto belli) anche i nuovi cerchi in lega da 19 pollici, che calzano pneumatici 235/35R19: Eccezionali anche i freni, marchiati Brembo e dalle importantio dimensioni con l’anterioe che può contare su pinze a quattro pistoni che mordono dischi forati da ben 350 mm di diametro. E che dire degli interni? Sportività nipponica allo stato puro grazie a una dotazione che comprende il pomello della leva del cambio in lega di alluminio lavorata, i sedili avvolgenti rivestiti in tessuto nero effetto scamosciato e cuciture doppie di colore rosso, lo stesso colore di un magico tasto posto alla sinistra del cruscotto, ma di cui vi parleremo a breve!

La Type-R più estrema

Di questo si parla: dopo una tradizione fatta di aspirati da 9.000 giri anche questa Civic ha dovuto abbracciare la soluzione del “turbo” come molte concorrenti. Ma leggendo la scheda tecnica torna il sorriso grazie ai dati del motore benzina turbo VTEC da 2,0 litri, che offre una potenza massima di 310 CV a 6.500 giri/min e la coppia massima è 400 Nm a 2.500 giri/min, record per la famiflia Type-R. La turbina infatti è piccola e lavora soprattutto ai bassi e ai medi regimi, contribuendo a spingere questa bomba giapponese a 270 km/h di velocità massima e a coprire lo 0 a 100 km/h in soli 5,7 secondi. E per scaricare a terra tutta questa esuberanza, oltre al magnifico cambio manuale a sei rapporti di serie (che Andrea riepie di lusinghe nel VIDEO), in quanto ad assetto questa Civic porta in dote un nuovo sistema di sospensione anteriore a doppio asse che ambisce a ridurre l'effetto della coppia sullo sterzo del 50% rispetto alle sospensioni standard, mentre dietro troviamo una nuova sospensione a barra di torsione ad H.

La signora dello Slovakia Ring

Un circuito spettacolare, ma molto complesso per chi, come me, è la prima volta e che ci mette le ruote, e che ruote. Se infatti in strada il comportamento della Type-R mi era sembrato frizzante, ma non scorbutico, in pista dopo aver attivato la modalità +R, questa Civic si è letteralmente trasformata. Avendo l’opportunità di tirare tutte le marce andando a cercare potenza a tutti i regimi, dei 310 CV del V-TEC posso dirmi che sono eccezionali e la scelta di optare per una turbina di piccole dimensioni è stata utile a renderla più veloce e pronta... anche se in basso un minimo di ritardo c’è. Lo dico subito perchè i puristi dell’aspirato lo beccheranno al primo giro di pista, ma aggiungo però che il tiro e la possenza sin dai medi è esorbitante, mentre accettabile è l’allungo. Le velocità che si raggiungono con l’ultima Type-R sono esorbitanti, così come eccellente è la sua abilità tra le curve: l’anteriore è granitico, e con queste sospensioni anteriori a doppio, i cambi di direzione e le curve veloci in appoggio sono una favola. Se siete bruschi o volete esserlo all’inizio potrebbe impressionarvi un’apparente leggerezza del posteriore, ma è esattamente quello che i tecnici Honda volevano. Come ci ha confermato anche Gabriele Tarquini, il retrotreno che gira aiuta in inserimento e percorrenza ma tranquilli, non sovrasterza anche se la maltrattate. L’equilibrio e l’efficacia in questo senso è disarmante così come mi hanno stupito in positivo anche i freni (Brembo) che, come confermano gli istruttori del circuito, anche dopo lunghe sessioni in pista non perdono il loro mordente. Insomma, una vera e propria arma del Sol Levante con la quale andar forte è facile, ma per accarezzare il suo limite serve manico, di quello in grado di far aprire il posteriore dove e quanto serve per permettere a questa Type-R di diventare l’anteriore da battere nel segmento delle tuttavanti estreme.

Scheda Versione

Honda Civic Type R
Nome
Civic Type R
Anno
2015
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Andrea Farina

Tag: Test , Honda , auto giapponesi


Listino Honda Civic

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2.0 Type R anteriore benzina 310 2 4 € 38.700

LISTINO

 

Top