dalla Home

Mercato

pubblicato il 14 luglio 2015

Bosch, guida autonoma: un affare da un miliardo di euro

La multinazionale tedesca prevede un'esplosione del business entro il 2016

Bosch, guida autonoma: un affare da un miliardo di euro
Galleria fotografica - L'auto di Google che guida da solaGalleria fotografica - L'auto di Google che guida da sola
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 1
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 2
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 3
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 4
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 5
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 6

Un miliardo di dollari. Cifre che noi umani non riusciamo nemmeno a immaginare, ma che una multinazionale può fatturare grazie solo a una minima parte del suo business. Una parte comunque importante e, soprattutto, destinata a cambiare le nostre abitudini al volante. Stiamo parlando della guida autonoma e di uno dei giganti dell'automobile, anche se di automobili non ne produce: Bosch, leader nella componentistica e nell'hi-tech, che prevede appunto un giro d'affari di un miliardo di euro entro il 2016 legato solo all'autonomous driving.

Guida autonoma: una tecnologia ancora lontana ma non troppo

A scanso di equivoci, è bene specificare che non vedremo già dall'anno prossimo circolare vetture senza guidatore: per guida autonoma si intendono anche tutti gli step intermedi necessari a raggiungerla. Sono compresi quindi i cruise control attivi con controllo automatico della distanza di sicurezza e della direzione (grazie alla "lettura" della segnaletica orizzontale attraverso telecamere), i sistemi anti-collisione e quelli che permettono di parcheggiare la vettura tramite il telecomando, come per esempio sulla nuova BMW Serie 7.

E' tutta questione di sensori

Gli ausilii alla guida sopra elencati basano il proprio funzionamento su sofisticatissimi sensori, che inviano le informazioni rilevate a centraline, in grado a loro volta di tramutarli in input ben precisi per acceleratore, sterzo e freni. Di questi sensori per la guida autonoma (o quasi autonoma), oltre 50 milioni, rispetto ai 700 di due anni fa, sono stati prodotti proprio dalla Bosch, che ha messo al lavoro su questo progetto la bellezza di 2.000 ingegneri.

Google ed Apple? Occasioni d'oro

Chi vede in Google ed Apple delle minacce per i player tradizionali dell'automotive è decisamente fuori strada. O meglio: saranno anche pericoli per qualcuno, ma per altri rappresentano occasioni d'oro. Google, per esempio, sta collaborando con Bosch per la messa a punto del suo sistema di guida autonoma: il prototipo che sta girando per le strade di Austin, per esempio, nasconde tecnologia tedesca.

Autore:

Tag: Mercato , guida autonoma


Top