dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 8 luglio 2015

Google Car, nessuna guerra alle Case automobilistiche

L'obiettivo è svilupparla insieme ad un grande costruttore. Senza rivalità

Google Car, nessuna guerra alle Case automobilistiche
Galleria fotografica - L'auto di Google che guida da solaGalleria fotografica - L'auto di Google che guida da sola
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 1
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 2
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 3
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 4
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 5
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 6

Google vuole essere sempre più "padrona" delle nostre vite. Prossimo step: la guida autonoma. Dopo aver relegato le enciclopedie di noi tutti a dei soprammobili vintage e aver delineato con assoluta precisione il profilo di ogni consumatore che c'è in noi, si è messa in testa di portarci in giro in auto, senza peraltro darci l'incombenza di guidare. Prototipi di auto con sistemi di guida autonoma realizzati da Google girano per le strade della California già da qualche anno, dal 2009 per la precisione, ma adesso la sperimentazione sembra destinata a subire un'accelerazione.

Google alla ricerca di partner fra le Case automobilistiche

Nei giorni scorsi, infatti, il gigante di Mountain View ha cominciato una fase di collaudo ad Austin, in Texas, per studiare come la sua tecnologia si possa integrare su un veicolo di un grande Costruttore (nello specifico si tratta di una Lexus RX 450h) e al di fuori del strade conosciute della California, lo Stato americano senza dubbio più attrezzato dal punto di vista infrastrutturale. Si tratta quindi di un segnale importante: nonostante la "minaccia" Google Car, l'obiettivo di big G è quello di sviluppare l'autonomous driving insieme alle Case automobilistiche. Del resto, come abbiamo ripetuto più volte, progettare, commercializzare e seguire nel post-vendita un'automobile richiede uno sforzo e un'esperienza che consigliano di appoggiarsi a chi già fa quello di mestiere.

Ma le Case auto stanno lavorando in proprio...

Nessuno sa dire quando: qualcuno azzarda un 2020 come data plausibile per l'arrivo su strada della guida autonoma. Ci sia consentito un po' di scetticismo, se non altro per il fatto che le infrastrutture sono ancora tutte da realizzare - salvo qualche area circoscritta nelle città più avanzate del mondo (tra le quali Austin, appunto) - e che le legislazioni dei vari Paesi non sono ancora pronte a disciplinare una rivoluzione di tale portata nel trasporto privato. In ogni caso, ci stanno lavorano più o meno tutti, Apple e Google, ma anche i marchi automobilistici, che più che una rivalità, con i due giganti della Silicon Valley potrebbero instaurare un fruttuoso scambio di competenze.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , guida autonoma


Top