dalla Home

Tecnica

pubblicato il 6 luglio 2015

Michelin CrossClimate, il ritorno alla "monogomma"

Offre le prestazioni di uno pneumatico estivo col caldo e quelle di un invernale sulla neve. E non prendete mai la multa

Michelin CrossClimate, il ritorno alla "monogomma"
Galleria fotografica - Michelin CrossClimateGalleria fotografica - Michelin CrossClimate
  • Michelin CrossClimate - anteprima 1
  • Michelin CrossClimate - anteprima 2
  • Michelin CrossClimate - anteprima 3
  • Michelin CrossClimate - anteprima 4
  • Michelin CrossClimate - anteprima 5
  • Michelin CrossClimate - anteprima 6

Tutti vi parlano del caldo, noi degli pneumatici invernali. Già, perché i produttori hanno in serbo un'interessante novità per la prossima stagione fredda: la gomma tuttofare che non si "squaglia" nelle giornate afose come queste di inizio luglio, ma che non si ferma davanti al manto nevoso; non meno importante, è riconosciuta dalla legge: in altri termini, se venite fermati dalla Polizia non rischiate di prendere la multa. Lo pneumatico buono 365 giorni all'anno di Michelin si chiama CrossClimate e rientra nella più generale strategia "Tecnologia e servizi on demand". Si tratta della filosofia che guida il Gruppo francese e che, come suggeriscono le parole, ne farà una multinazionale sempre più modellata sulle esigenze del cliente, dal punto di vista del singolo prodotto, ma anche e soprattutto da quello della gamma di beni e servizi offerti. Anzi, la vera sfida è quella di interpretare i bisogni delle persone e soddisfarne le esigenze inespresse. Detta così, è vero, sembra la solita campagna di marketing che magari si conclude con un nulla (di concreto) di fatto. Invece in Michelin ci hanno convinto. Come? Con due esempi molto emblematici della capacità di adattarsi ai diversi profili dei clienti, tali o potenziali. Il primo è proprio il CrossClimate di cui sopra - non è una novità assoluta e anche aziende rivali come Pirelli hanno già a listino prodotti simili, ma vale comunque la pena riprenderlo - e poi dell'ingresso nel campo delle calzature tecniche.

CrossClimate: addio al cambio gomme stagionale (estive/invernali)

L'importanza degli pneumatici per la sicurezza stradale non è mai sufficientemente sottolineata: trattandosi dei soli elementi di contatto della vettura con il suolo, sono fondamentali per la frenata, la tenuta di strada e la stabilità (oltre che per i consumi di carburante e per il comfort). Ecco perché - per fortuna - anche gli italiani si sono convinti che quattro "gomme" non bastano. Ce ne vogliono otto: un treno per la stagione calda e uno per quella fredda. Un passo avanti epocale in termini di "civiltà", che però, è innegabile, qualche scomodità la crea: andare due volte all'anno dal gommista richiede tempo e denaro. Con CrossClimate, Michelin propone un prodotto buono 365 giorni all'anno che, si badi bene, poco o nulla ha a che fare con i classici M+S (fango e neve): si tratta infatti di uno pneumatico estivo con certificazione invernale (dunque perfettamente riconosciuto dalla legge come tale: non si rischiano multe), non di un invernale adattato all'uso con temperature più alte. In pratica, sostiene Michelin, la classica coperta corta è stata allungata: da un lato è stata ottenuta la valutazione di "Classe A" per la frenata su asciutto (come i migliori estivi), dall'altro CrossClimate è certificato 3PMSF (3 Peak Mountain Snow Flake), cioè invernale "vero". Il merito è del mix di mescole, carcassa e disegno, che ha permesso di coniugare esigenze spesso contrastanti.

Michelin ai piedi degli sportivi e dei lavoratori

Chi cammina e ancor di più chi corre in montagna lo sa: non ci si può distrarre un attimo, bisogna sempre stare attenti a dove si mettono i piedi. Tuttavia, anche l'occhio più esperto potrebbe non bastare: in caso di terreno fangoso, roccia bagnata o erba umida è un attimo ritrovarsi a terra. Non con le "gomme" giuste: per mettere a frutto la sua esperienza con mescole e disegni, Michelin entra nel settore delle suole per calzature tecniche, affidando al gruppo JV International (con cinque sedi fra Italia e Cina) la produzione e la commercializzazione di prodotti ad alte prestazioni. Nel dettaglio, alle già esistenti collaborazioni con North Wave per la mountain bike, TCX per il motocross, Ride per lo snowboard e Diadora per la sicurezza sul lavoro, Michelin ha annunciato la partnership con l'italiana Salewa per il trailrunning (corsa in montagna) e il meno estremo trekking (escursionismo), così come già avviene con il marchio Under Armour.

Dall'agro alle biciclette, dalla Guida Michelin alla consulenza

Michelin, per chi non lo sapesse, significa anche pneumatici per le macchine di movimento terra, per i mezzi agricoli, le moto e i camion. Michelin è anche l'azienda che si è inventata la Guida Michelin, appunto: non tutti collegano le due realtà - data la distanza delle tematiche trattate - ma il "tetto sotto cui vivono" è lo stesso. Meno note sono le attività di consulenza del marchio francese nel campo della movimentazione dei rimorchi per trasporto su gomma o quella di produzione di copertoncini ad altissime prestazioni per le biciclette da corsa. Ve l'avevamo detto che il claim "Tecnologia e servizi on demand" non era solo una trovata di marketing.

Come è testato il Michelin CrossClimate

Michelin promette di poter usare le sue CrossClimate tutto l'anno, evitando il classico cambio estivo/invernale e senza perdere in prestazioni.

Autore: Adriano Tosi

Tag: Tecnica , pneumatici


Top