dalla Home

Curiosità

pubblicato il 3 luglio 2015

Auto a idrogeno: Nissan, Toyota e Honda si alleano

Le tre case stanno sviluppando insieme le stazioni di rifornimento in Giappone

Auto a idrogeno: Nissan, Toyota e Honda si alleano
Galleria fotografica - Toyota MiraiGalleria fotografica - Toyota Mirai
  • Toyota Mirai - anteprima 1
  • Toyota Mirai - anteprima 2
  • Toyota Mirai - anteprima 3
  • Toyota Mirai - anteprima 4
  • Toyota Mirai - anteprima 5
  • Toyota Mirai - anteprima 6

L’unione fa la forza, anche quando - normalmente - si è concorrenti. Lo sanno bene Nissan, Toyota ed Honda che in Giappone si sono alleate per realizzare la rete per il rifornimento delle auto ad idrogeno. Ad appoggiare l’iniziativa è lo stesso governo. Da più di un anno ormai l’esecutivo giapponese ha reso nota la strategia per le celle a idrogeno e a combustibile e a febbraio ha deciso di sovvenzionare parzialmente le spese operative delle stazioni di idrogeno per stimolare la richiesta dei veicoli. Da qui l’alleanza, visto che si tratta di un requisito essenziale per la vendita delle auto e se a fine 2014 Toyota ha lanciato la Mirai, Honda ha annunciato il lancio di un veicolo a idrogeno entro aprile 2016 e Nissan ne sta progettando uno per il 2017. E in Italia? Nella direttiva 2014/94/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 2 ottobre 2014 sulla realizzazione di un'infrastruttura per i combustibili alternativi, l'idrogeno è rimasto fuori, e tutti coloro che hanno interesse nel settore si stanno attivando per farlo rientrare.

E’ nata così l’Iniziativa Italiana per la Mobilità a Idrogeno (InIMI), un'iniziativa lanciata da H2IT, l’Associazione italiana dell’idrogeno e delle celle a combustibile. InIMI è un consorzio informale aperto a tutti i portatori di interesse del settore della mobilità a idrogeno e celle a combustibile - tra cui Toyota e Hyundai - sulla scia di quanto già fatto in altri Paesi d’Europa e del mondo. L’obiettivo è appunto quello di dotare l’Italia di un Piano nazionale per l'introduzione dei veicoli a idrogeno e celle a combustibile nel sistema nazionale dei trasporti pubblici e privati, che passa sia attraverso lo sviluppo di infrastrutture di rifornimento di idrogeno per i trasporti, che attraverso la promozione di veicoli ad hoc. Per il momento però non c’è nulla di fatto.

Autore:

Tag: Curiosità , idrogeno


Top