dalla Home

Curiosità

pubblicato il 30 giugno 2015

Con le Suzuki 4x4 "a caccia" di Rallysti

L'occasione per sfruttare al meglio la trazione integrale è stata l'Italian Baja di Pordenone

Con le Suzuki 4x4 "a caccia" di Rallysti
Galleria fotografica - 4° Raduno Nazionale Suzuki 4x4Galleria fotografica - 4° Raduno Nazionale Suzuki 4x4
  • 4° Raduno Nazionale Suzuki 4x4 - anteprima 1
  • 4° Raduno Nazionale Suzuki 4x4 - anteprima 2
  • 4° Raduno Nazionale Suzuki 4x4 - anteprima 3
  • 4° Raduno Nazionale Suzuki 4x4 - anteprima 4
  • 4° Raduno Nazionale Suzuki 4x4 - anteprima 5
  • 4° Raduno Nazionale Suzuki 4x4 - anteprima 6

Avete presente il piacere che si prova da bambini quando ci si tuffa nelle pozzanghere? L'impressione è che in fin dei conti non si invecchia mai perché quando ti trovi a poter guidare un fuoristrada nel suo habitat naturale e a fare i conti con terra, acqua e fango, la sensazione di divertimento che si percepisce è esattamente la stessa. Lo abbiamo provato sulla nostra pelle seguendo dal vivo lo scorso fine settimana il quarto raduno nazionale di 4x4 Suzuki organizzato a Pordenone. La città non è stata scelta a caso, visto che proprio in quei giorni si è svolta la gara dell'Italian Baja, prova valida della coppa del mondo di rally raid automobilistico, cui abbiamo potuto assistere da molto vicino. Non è la prima volta che Suzuki scegliere di riunire gli amanti dei suoi 4x4 affiancando un evento sportivo, lo scorso anno era stato scelto infatti il Rally di San Marino, mentre precedentemente l'evento era stato affiancato al 4x4 Fest di Carrara (2012) e al Raduno Internazionale di 4x4 organizzato dalla FIF a Gradisca nel 2013.

Sulle orme dei campioni

A bordo della nuova Jimny Street abbiamo seguito il raduno insieme a 30 equipaggi iscritti, giovani e meno giovani, genitori e bambini, tutti appassionati di fuoristrada ed entusiasti all'idea di poter precorrere con le loro Suzuki alcuni tratti dello stesso tracciato dei campioni mondiali di rally raid nel greto dei fiumi Medana e Tagliamento. Tra i piloti che hanno partecipato alla gara c'era anche il vincitore della scorsa Dakar, Al-Attiyah (che si è confermato campione anche in questa tappa) oltre a nomi italiani di prestigio come quello di Miki Biasion e, naturalmente, il pilota Suzuki, Lorenzo Codecà che con la sua Grand Vitara ha vinto la gara italiana. Tra i 4x4 presenti al raduno oltre ai Jimny, alcuni totalmente rielaborati nel look da proprietari particolarmente fanatici dell'off-road, non mancavano i “pensionati” ma ancora agguerriti Samurai, i modelli Lj e SJ degli anni ottanta, molte Grand Vitara, ma anche la nuova Vitara, che nonostante sia ormai un SUV cittadino ha superato senza difficoltà guadi e ripidi saliscendi. 

Divertimento sinonimo di off-road

Il denominatore comune di tutto il raduno è stata la passione per il fuoristrada, sinonimo di divertimento, parola cui Suzuki vuole essere associata continuando a produrre vetture come il Jimny, anche in una versione speciale più accattivante e rivolta ai giovani, la Street, ma allo stesso tempo vuole essere presente sul campo organizzando raduni legati a eventi sportivi che rappresentano bene lo spirito di chi ama l'off-road. 

Autore: Simona Rocca

Tag: Curiosità , Suzuki , raduni , auto giapponesi , rally


Top