Live

pubblicato il 26 giugno 2015

Dossier Goodwood Festival of Speed 2015

Aston Martin DB9 GT, James Bond arriva a Goodwood

Debutto “in società” al Festival of Speed per l'ultima versione della coupé inglese per eccellenza

Aston Martin DB9 GT, James Bond arriva a Goodwood
Galleria fotografica - Aston Martin DB9 GT live a GoodwoodGalleria fotografica - Aston Martin DB9 GT live a Goodwood
  • Aston Martin DB9 GT live a Goodwood - anteprima 1
  • Aston Martin DB9 GT live a Goodwood - anteprima 2
  • Aston Martin DB9 GT live a Goodwood - anteprima 3
  • Aston Martin DB9 GT live a Goodwood - anteprima 4
  • Aston Martin DB9 GT live a Goodwood - anteprima 5
  • Aston Martin DB9 GT live a Goodwood - anteprima 6

Un vodka-Martini, agitato, non mescolato. Ma anche shakerato, frullato, pestato, riscaldato... insomma va bene in tutti i modi se dopo che lo hai bevuto puoi accomodarti su un'Aston Martin DB9 GT, magari in indossando un bel vestito principe di Galles, proprio come James Bond. Gli inglesi saranno anche strani per tante cose, ma sul “british style” c'è qualcosa da imparare e poi bisogna ammetterlo, 007 è cool a prescindere; tutti almeno una volta hanno desiderato di essere come lui e il fatto che sia inglese è solo un dettaglio. Così, appena arrivato al Festival of Speed di Goodwood, ho cercato subito lo stand Aston Martin, per andare ad ammirare dal vivo la nuova DB9 GT, cioè l'ultima incarnazione di una delle auto sportive più eleganti di sempre. Ma, con mio grande disappunto, purtroppo non l'ho trovato. Il problema è che semplicemente non c'era.

Avendo visto quelli degli altri costruttori e quello dei “padroni di casa” di Jaguar Land Rover – una sorta di cattedrale con tanto di percorso off-road e pista per il drifting – mi aspettavo qualcosa di altrettanto faraonico. E invece l'unico spazio ufficiale Aston Martin era sotto un capannone in stile aeronautico, insieme a quelli di tanti altri marchi, anche di gran lusso per carità, però niente a che vedere con gli “edifici” presenti nell'area centrale. Ad ogni modo la DB9 GT era lì, tirata a lucido, nella sua livrea grigio scuro che più signorile non si può, appoggiata sui suoi mastodontici cerchi in lega da 20 pollici che sono forse fin troppo “plebei”. Un particolare leggermente aggressivo che è comunque più che accettabile nella forma complessiva dell'auto. Ma il vero spettacolo è all'interno. Basta aprire la porta e si viene investiti da un odore di pelle molto piacevole, di quella buona che si sente solo sulle auto di lusso. Allora basta sistemarsi i polsini della camicia, mettere in moto, dire una frase a effetto e sparire via all'orizzonte.

Autore: Alessandro Vai

Tag: Live , Aston Martin , goodwood


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 49
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 43
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 53
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 48
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top