dalla Home

Test

pubblicato il 11 giugno 2007

Renault Mègane CC 2.0 dCi - TEST

Per tutte le stagioni

Renault Mègane CC 2.0 dCi - TEST
Galleria fotografica - Renault Mègane CC 2.0 dCiGalleria fotografica - Renault Mègane CC 2.0 dCi
  • Renault Mègane CC 2.0 dCi - anteprima 1
  • Renault Mègane CC 2.0 dCi - anteprima 2
  • Renault Mègane CC 2.0 dCi - anteprima 3
  • Renault Mègane CC 2.0 dCi - anteprima 4
  • Renault Mègane CC 2.0 dCi - anteprima 5
  • Renault Mègane CC 2.0 dCi - anteprima 6

"CC" ovvero coupé-cabriolet. Oggi tutti i Costruttori ne hanno almeno una in listino ed è una tipologia di carrozzeria sempre più apprezzata per la polivalenza che sa garantire: sicurezza e confort di bordo a capote chiusa nei periodi freddi o di maltempo; piacere di guida open air nelle giornate di sole.

In Casa Renault l'offerta CC è stata "derivata" dalla Mègane che da tre anni è disponibile in questa configurazione. Con il restyling del 2006, la compatta francese è stata aggiornata esteticamente in tutte le sue varianti di carrozzeria (CC compresa) ed arricchita di nuovi contenuti fra cui spicca il motore turbodiesel 2.0 16V da 150 Cv. Un unità propulsiva, quest'ultima, che sulla carta promette prestazioni interessanti contribuendo a rinfrescare l'immagine del modello che deve confrontarsi con una concorrenza sempre più numerosa ed agguerrita.

POSTO GUIDA
La Mègane CC ha una posizione di guida comoda, votata al confort, con un sedile mediamente profilato che offre tutte le regolazioni necessarie ad ottenere la postura ideale, poggiatesta compreso. La cintura di sicurezza a nostro avviso è troppo arretrata e risulta scomoda da prendere mentre una volta indossata, se si viaggia scoperti e con i finestrini aperti, vibra notevolmente anche a bassa velocità a causa dei flussi aerodinamici. La leva del cambio è ben posizionata e i comandi principali sono facilmente raggiungibili, eccezion fatta per il pulsante dell'hazard situato troppo in basso sotto l'impianto audio. Ampio l'appoggio per il piede sinistro e buona la visibilità anteriore, con i montanti che non disturbano la visuale. Efficaci i retrovisori laterali, mentre la percezione degli ingombri risente anteriormente del cofano motore non visibile dal posto di guida e posteriormente della coda alta. Per questo la presenza dei sensori di parcheggio aiuta non poco nelle fasi di parcheggio in retromarcia.

STRUMENTAZIONE E ABITACOLO
La strumentazione è completa con i quadranti ben dimensionati e sempre visibili, un computer di bordo efficace e ricco di informazioni. I comandi audio e il cruise control sono replicati sul volante, che è di giuste dimensioni e buona impugnatura. Il navigatore satellitare (optional), ubicato a scomparsa nella parte alta della plancia, è in posizione ottimale per l'eventuale consultazione, ma non è altrettanto valido dal punto di vista della facilità di utilizzo. Il climatizzatore automatico di tipo monozona, con regolazione al mezzo grado, non ci è parso particolarmente potente e rapido nel raggiungere la temperatura impostata, forse a causa di una portata un pò scarsa. Per contro offre una discreta silenziosità e bocchette che producono flussi mai fastidiosi. L'aspetto generale della plancia è sobrio e non suscita critiche particolari. I materiali usati sono più gradevoli al tatto che alla vista e comunque l'impostazione generale è molto classica. Stesse valutazioni riguardano l'aspetto dei pannelli delle portiere e del rivestimento dei sedili. L'assemblaggio è di buon livello e non abbiamo rilevato alcun scricchiolio e rumorino che solitamente nelle automobili in versione cabrio trovano un terreno più fertile.
Il tetto rigido ha ovviamente un azionamento elettrico e l'apertura (chiusura) si può effettuare solo a vettura ferma. L'accessibilità anteriore è buona ed il montante non ostacola eccessivamente, sia in entrata che in uscita dall'abitacolo. Le portiere di generose dimensioni e l'avanzamento dei sedili anteriori facilitano l'accesso dei passeggeri, che però, una volta seduti, devono fare i conti con un'abitabilità limitata e con lo schienale troppo verticale. Abbondante è invece lo spazio per i piedi, così come più che accettabile risulta quello per braccia e spalle. Nella norma la situazione dei posti anteriori: solo il vano del cassetto portaoggetti lato passeggero risulta essere un po' troppo basso, limitando lo spazio all'altezza delle tibie. I poggiatesta posteriori, che assolvono anche alla funzione di roll-bar, sono rigidi a causa della scarsa imbottitura.
La capacità di carico è naturalmente influenzata dalla presenza o meno della capote nello scompartimento destinato ai bagagli, che viaggiando a tetto chiuso raggiunge volumetrie da record e risulta ben rifinito, senza parti scoperte. Il vano motore invece non è eccessivamente spazioso, ma si mostra ordinato in tutte le sue componenti, dal propulsore coperto con un carter, alla batteria ben accessibile al pari dei vari serbatoi per il rabbocco dei liquidi.


SU STRADA
Sono due le caratteristiche peculiari che sono emerse dopo pochi metri alla guida di questa Mègane CC: l'ottima insonorizzazione e l'eccellente comportamento del motore 2.0 dCi 16 valvole da 150 Cv. Anche da fermi e con la capote aperta il propulsore turbodiesel manifesta la sua presenza con una discrezione disarmante ed una volta in marcia la situazione migliora ulteriormente: a qualsiasi regime il rumore meccanico è bassissimo e le vibrazioni inesistenti. Ma le virtù del motore non si esauriscono certamente a questo capitolo: il dCi si dimostra piacevole da condurre in tutte le situazioni, sale di giri in maniera estremamente regolare, offrendo una spinta adeguata in ogni frangente senza strappi repentini; accetta di buon grado sia l'andatura da parata che quella sportiva, dove è ben assecondato dal cambio a sei rapporti, che vanta innesti morbidi e precisi con una escursione media.
L'entrata del turbo è quasi inavvertibile e la spinta si mantiene costante fino oltre i 4.000 giri anche nelle marce superiori, permettendo di raggiungere rapidamente la velocità massima. Il tutto a fronte di consumi veramente contenuti ed ottenibili senza particolari virtuosismi: nel corso del nostro test, mantenendo velocità di codice, abbiamo registrato una percorrenza di 20 km/l nelle statali e di circa 16 km/l in autostrada, mentre nell'uso cittadino non siamo mai scesi sotto i 13- 14 km/l.
Dal punto di vista del comportamento dinamico ci troviamo di fronte ad una vettura che non è stata certamente studiata per un uso sportivo, dove lo sterzo, molto leggero, è poco pronto specie nei piccoli angoli di curvatura e poco omogeneo nella risposta in fase di curve con raggio costante, dove varia il grado di durezza più volte durante la percorrenza. Inoltre le sospensioni abbastanza morbide ingenerano un certo rollio che ritarda la fase di appoggio dei pneumatici. Queste sensazioni si attenuano notevolmente nell'uso "normale" durante il quale si accusa la scarsa prontezza nelle svolte di stretto e medio raggio. Più limitato il beccheggio, quasi del tutto assente anche nelle manovre di emergenza. Esente da critiche il comportamento nei trasferimenti autostradali dove si ha sempre una buona sensazione di direzionalità e controllo, anche alle velocità più elevate.
Per quanto riguarda il confort, alla già citata silenziosità meccanica va aggiunta quella aerodinamica, sempre difficile in questa tipologia di autovetture e che mostra qualche defaillance solo oltrepassando la velocità codice.
Piuttosto, marciando open air, la rigidità torsionale scade notevolmente, risentendo in maniera abbastanza evidente di buche e sconnessioni varie, con scuotimenti accentuati a livello di carrozzeria e sterzo.

Siamo di fronte ad una vettura dalla guida non impegnativa, che offre un comportamento prevedibile, assecondato da un valido ESP e da un altrettanto vigile controllo della trazione che limita le eventuali perdite di aderenza delle ruote motrici.
Il bilancio generale è ampiamente positivo e la Mègane CC può sicuramente affrontare a testa alta il confronto con le new entry del segmento, potendo contare su numerose e valide frecce al suo arco.

Pochi gli optional disponibili: selleria misto pelle e con diversa tappezzeria interna (600 euro), fari allo xeno (690 euro), sensori di parcheggio posteriori (310 euro) , antifurto (218 euro), navigatore satellitare (1.720 euro) e vernice metallizzata (440 euro) vanno ad aggiungersi al competitivo prezzo di listino base pari a 28.601 euro chiavi in mano.

Scheda Versione

Renault Megane Coupé Cabriolet
Nome
Megane Coupé Cabriolet
Anno
2008 (restyling del 2010) - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
Cabriolet
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Renault


Top