dalla Home

Curiosità

pubblicato il 24 giugno 2015

Nurburgring, niente tentativi di record fino a fine anno

La decisione è stata presa a seguito dell’incidente del VLN in cui uno spettatore ha perso la vita

Nurburgring, niente tentativi di record fino a fine anno
Galleria fotografica - Audi SQ7 giro al NurburgringGalleria fotografica - Audi SQ7 giro al Nurburgring
  • Audi SQ7 giro al Nurburgring	   - anteprima 1
  • Audi SQ7 giro al Nurburgring	   - anteprima 2
  • Audi SQ7 giro al Nurburgring	   - anteprima 3
  • Audi SQ7 giro al Nurburgring	   - anteprima 4
  • Audi SQ7 giro al Nurburgring	   - anteprima 5
  • Audi SQ7 giro al Nurburgring	   - anteprima 6

Niente più tentativi di record al Nurburgring, almeno fino alla fine dell'anno. E' questa la decisione che il gruppo dirigente del leggendario circuito tedesco ha preso dopo che lo scorso 28 marzo uno spettatore è morto e altri quattro sono rimasti feriti a seguito di un incidente che ha coinvolto un'auto del Campionato Endurance VLN. La Nissan GT-R Nismo GT3 di Jann Mardenborough's, Kazuki Hoshino e Wolfgang Reip è volata fuori dalla pista alla Flugplatz, oltrepassando le protezioni e volando sul pubblico. Osservando la dinamica dell'incidente sembra che la coupé giapponese si sia sollevata da sola a seguito di un dosso, con l'anteriore che si solleva repentinamente per un eccesso di portanza. La dirigenza ha subito reagito imponendo dei limiti di velocità in alcune sezioni del circuito, ma poi è stata fatta la scelta di limitare l'attività sportiva da qui alla fine dell'anno, compresi i tentativi di record delle Case auto.

La Lamborghini Aventador SV, infatti, è stata l'ultima a poter tentare il record sulla Nordschleife – stabilendo un tempo di 6 minuti e 59 secondi – perché il giorno dopo il provvedimento è diventato operativo. Chi, invece, era pronto a fare un nuovo tentativo, per abbassare ancora il giro più veloce e battere la Porsche 918 Spyder (magari anche la Radical SR8) risponde al nome di Christian Von Koenigsegg. L'ingegnere svedese, patron della factory omonima era pronto a veder correre la sua ultima creatura, la Koenigsegg One:1, cioè quella che vorrebbe diventare l'auto di serie più veloce del mondo. L'auto era pronta, ma la decisione presa dalle alte sfere della pista tedesca hanno bloccato il tutto, almeno fino alla fine dell'anno. Ma al di là della singola decisione, quello della pericolosità del Nurburgring resta un discorso aperto e tutto da affrontare. Perché va bene la passione, la competizione e il duello sul filo dei numeri, ma la Nordschleife è rimasta sostanzialmente uguale a come era quel primo di agosto del 1976, quando Niki Lauda rischiò di perdere la vita.

Galleria fotografica - Porsche 918 Spyder, record al NurburgringGalleria fotografica - Porsche 918 Spyder, record al Nurburgring
  • Porsche 918 Spyder, record al Nurburgring - anteprima 1
  • Porsche 918 Spyder, record al Nurburgring - anteprima 2
  • Porsche 918 Spyder, record al Nurburgring - anteprima 3
  • Porsche 918 Spyder, record al Nurburgring - anteprima 4
  • Porsche 918 Spyder, record al Nurburgring - anteprima 5
  • Porsche 918 Spyder, record al Nurburgring - anteprima 6

Autore: Alessandro Vai

Tag: Curiosità , record , nurburgring


Top