dalla Home

Test

pubblicato il 18 giugno 2015

Volvo XC90, sicurezza e dinamismo

Piena di sistemi che aiutano il guidatore, stupisce però per il piacere di guida. Prezzi a partire da 56.350 euro

Volvo XC90, sicurezza e dinamismo
Galleria fotografica - Nuova Volvo XC90Galleria fotografica - Nuova Volvo XC90
  • Nuova Volvo XC90 - anteprima 1
  • Nuova Volvo XC90 - anteprima 2
  • Nuova Volvo XC90	   - anteprima 3
  • Nuova Volvo XC90 - anteprima 4
  • Nuova Volvo XC90	   - anteprima 5
  • Nuova Volvo XC90	   - anteprima 6

Dal Salone di Parigi in cui si è svelata al mondo, la Volvo XC90 sta arrivando in questi giorni nelle concessionarie, forte peraltro dei circa 37.000 ordini già registrati a "scatola chiusa". Al di là dei volumi di mercato, che per forza di cose - leggi congiuntura economica - in Italia non potranno che essere limitati, questa SUV riveste un'importanza fondamentale per il marchio svedese nel raggiungimento dell'obiettivo 2020, ovvero quello dell'azzeramento delle vittime e dei feriti a bordo di una Volvo entro quella data. XC90 è fondamentale anche perché è la prima vettura del marchio a essere costruita sulla nuova piattaforma SPA, sulla quale verrà basata tutta la gamma, eccetto la futura V40. Non ultimo, stiamo parlando dell'erede di un modello che debuttò nel lontano 2002 e che ha totalizzato circa 636.000 immatricolazioni in tutto il mondo: numeri importanti, per Volvo, e che molto realisticamente cresceranno grazie soprattutto a Cina e USA. La motorizzazione sulla quale mi sono concentrato per la prova in anteprima è anche la più interessante per il mercato italiano, vale a dire la D5: 2.0 turbodiesel 4 cilindri da 225 CV; tutti i motori termici (ai quali le versioni ibride affiancano l'elettrico) della XC90 sono della famiglia DrivE, dunque a quattro cilindri e sovralimentati, sia benzina sia diesel.

Un piccolo viaggio nel futuro

Non passa inosservata, la Volvo XC90. Me ne accorgo dopo cinque minuti che la guido a pochi km da Verona. Tutti la guardano, anche chi a occhio (e scusate il gioco di parole) non sembrerebbe un appassionato di automobili. Il merito è senza dubbio delle dimensioni XXL, che sfiorano i 5 metri di lunghezza (4,95 per la precisione) e i due di larghezza, ma soprattutto per il design, azzeccato al di là dei gusti personali. Già, perché i designer svedesi sono riusciti a condensare tutta l'identità Volvo in uno stile completamente rinnovato e molto "avanti", con alcuni richiami volutamente hi-tech e modaioli - vedi i fari diurni a led di grosse dimensioni posizionati nel mezzo dei fari anteriori - e altri legati alla tradizione: i proiettori posteriori "a virgola" e l'estrema pulizia delle linee. Il risultato è dunque equilibrato: la vettura è grande e non si fatica a percepirlo, ma non appare mai eccessiva.

Sette sedili in stile aereonautico

Come fare a ottenere sette posti senza sfondare la barriera dei 5 metri di lunghezza? Minimizzando l'ingombro di tutto quello che si può limare: lo spessore dei sedili per esempio, proprio come è stato fatto negli ultimi anni sugli aerei di linea. L'idea di base è quella di conservare il comfort e la sicurezza delle sedute classiche (anzi, di più), snellendo però la struttura. Un lavoro di cesello che dà i suoi frutti: i sette posti della XC90 sono veri (con gli ultimi due buoni per persone fino a 170 cm di altezza), ampi, godibilissimi in lunghezza, ma anche in larghezza e altezza. Che dire della qualità? Che non ha nulla da invidiare a quella delle tre solite tedesche Audi, BMW e Mercedes. I materiali sono di altissimo livello, il montaggio è eseguito con cura maniacale, mentre il tipico design minimalista svedese riesce a coniugare eleganza nello stile e facilità d'uso. Sia chiaro: tra sistemi di sicurezza e infotainment gli elementi sono tantissimi e richiedono un minimo di assuefazione. Dato però il livello elevatissimo di sofisticazione e ricchezza degli interni, è difficile pensare a qualcosa di più user friendly.

Si lascia guidare, ma se non se ne ha voglia ci pensa lei

Mi ha stupito l'XC90. Ne sento parlare da mesi per tutto quello che sa fare per conto proprio, orientata da sensori e telecamere e guidata dal computer, e poi nel giro di pochi km mi rendo conto che il bello è guidarla; in autostrada, certo, ma persino in curva, nonostante la mole. Un'altra vita rispetto al modello vecchio, tanto imponente fuori quanto impacciato fra le curve. Ora basta pochissimo angolo di sterzo per inserire l'avantreno in curva, mentre l'assetto limita il rollio al minimo indispensabile, ovvero fino al punto in cui si inizierebbe a "rimbalzare" sulla minima irregolarità dell'asfalto. Un telaio insospettabilmente ben disposto verso le curve, sostenuto a dovere da un motore brillante a tutti i regimi, il quale a sua volta trova un ottimo alleato nel cambio automatico. Il comfort? 4 stelle e mezzo su cinque: la mezza stella la XC90 se la gioca un po' a causa della leggerissima rombosità congenita nell'architettura a quattro cilindri (va comunque meglio rispetto al vecchio 5 cilindri), un po' per via del rumore di rotolamento degli pneumatici dalle dimensioni ciclopiche; quelli dell'esemplare guidato erano addirittura da 22 pollici. Di altissimo livello invece l'assorbimento delle sospensioni, così come l'insonorizzazione aerodinamica.

Sicurezza (quasi) totale

Non si può negare che la ridondanza di sistemi elettronici che tutto vedono e prevedono infonda una bella fiducia. Ti avvicini troppo all'auto che precede? La XC90 ti avvisa prima con un'icona gialla, poi, se insisti, con un'altra rossa accompagnata da un allarme acustico: efficace, l'ho provato in prima persona e funziona alla grande. Stai per partire a un incrocio ma non ti sei accorto che dal lato proviene un altro veicolo? Se ne accorgono le telecamere al tuo posto e ti avvisano (questo dispositivo invece non ho avuto modo di provarlo in condizioni di sicurezza). Ancora: c'è coda? Inserisci l'Auto Pilot e la vettura accelera, frena e sterza in autonomia fino a 50 km/h. Attenzione però: il sistema va in crisi quando si approccia una rotonda. Siccome per gestire la direzione basa il suo funzionamento sulle strisce orizzontali, in caso di rotatoria l'Auto Pilot smarrisce i riferimenti e stranamente, anziché disinserirsi, accelera senza sterzare a sufficienza. Risultato: se non si sta attenti si rischia di finire nel mezzo dell'aiuola. Detto questo, resta inteso che a questi estremi non si dovrebbe nemmeno arrivare, visto che l'Auto Pilot non si può assolutamente considerare un sostituto dell'uomo. Importantissima innovazione è da segnalare anche nell'anti-tamponamento, che funziona a qualsiasi velocità (la concorrenza non supera i 30 km/h...), fino a che la differenza di velocità fra l'XC90 e il veicolo che si rischia di tamponare rimane entro i 50 km/h.

Sensus e pacchetto sicurezza sempre di serie

Per essere i paladini della sicurezza, i dispositivi che evitano gli incidenti o che ne riducono le conseguenze devono essere offerti di serie. Ecco perché, fatta eccezione per l'Auto Pilot (il sistema che "aggancia" con la telecamera il veicolo che precede e legge la segnaletica orizzontale, gestendo in totale autonomia freni, acceleratore e sterzo fino a 50 km/h e che può essere considerato un ausilio al comfort) tutti i dispositivi di assistenza alla guida sono compresi nel prezzo fin dalla versione base. I prezzi? Per quello che riguarda la motorizzazione provata, la D5, il listino parte dai 56.350 euro della versione base, sale ai 57.900 della Kinetic, ai 62.700 della Momentum e ai 67.050 delle top di gamma Inscription e R-Design. Il cambio automatico è sempre di serie, mentre chi vuole risparmiare qualcosa in fase di acquisto in termini di carburante, può optare per la D4 a trazione anteriore, disponibile però tra qualche mese.

Scheda Versione

Volvo XC90
Nome
XC90
Anno
2014
Tipo
Premium
Segmento
superiore
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Volvo , auto europee


Listino Volvo XC90

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
D4 Geartronic Kinetic anteriore diesel 190 2 5 € 53.400

LISTINO

D4 Geartronic Kinetic 7posti 4x4 diesel 190 2.0 7 € 54.100

LISTINO

D5 AWD Geartronic Kinetic 4x4 diesel 235 2 5 € 57.500

LISTINO

T5 AWD Geartronic Kinetic 4x4 benzina 254 2 5 € 58.400

LISTINO

D5 AWD Geartronic 7 posti Kinetic 4x4 diesel 235 2 7 € 59.050

LISTINO

D4 Geartronic Momentum anteriore diesel 190 2 5 € 59.100

LISTINO

T5 AWD Geartronic Kinetic 7posti 4x4 benzina 254 2 7 € 59.950

LISTINO

D4 Geartronic Momentum 7posti anteriore diesel 190 2 7 € 60.650

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top