Curiosità

pubblicato il 15 giugno 2015

Alberto Sordi, nel garage della villa c'è ancora la sua Fiat

E' una 124 Familiare, ma l’attore amava le Maserati

Alberto Sordi, nel garage della villa c'è ancora la sua Fiat
Galleria fotografica - Alberto Sordi, le sue auto più famoseGalleria fotografica - Alberto Sordi, le sue auto più famose
  • Alberto Sordi e la Maserati Ghibli Spyder - anteprima 1
  • La Fiat 124 Familiare   - anteprima 2
  • La Fiat 124 Familiare   - anteprima 3
  • Maserati Mistral Spyder   - anteprima 4
  • Maserati Mistral Spyder     - anteprima 5
  • Maserati Mistral Spyder	   - anteprima 6

Oggi Alberto Sordi avrebbe compiuto 95 anni. Nel giorno del suo compleanno la famosa villa in via Druso, accanto alle Terme di Caracalla a Roma, è stata aperta per la prima volta, ma solo alla stampa, e le foto degli interni sono finite su tutti i giornali insieme a quelle di una Fiat 124 Familiare azzurra, tenuta molto bene. Era parcheggiata all’ingresso della casa in cui visse Sordi dal '58 fino al giorno della sua morte (il 24 febbraio 2003) e - curiosità nella curiosità - proprio lì davanti, nel piazzale di Numa Pompilio, sono ambientati molti dei nostri #perchècomprarla. Questa Fiat, prodotta negli anni ‘70, è rimasta nel garage di Sordi per quasi quarant’anni e probabilmente veniva utilizzata anche da sua sorella Aurelia, che è deceduta un anno fa, ed era guidata da Arturo Artadi, lo storico autista della famiglia Sordi accusato di raggiro e indagato per l’eredità. Ma questa è un’altra storia... parlando di auto poco si sa di quelle di Alberto Sordi perché l’attore, sempre molto discreto, non ha mai sfoggiato la sua ricchezza, neanche in questo campo. Eppure di bellezze ne ha possedute, in particolare di Maserati.

Le Maserati di Alberto Sordi

Nel film “Il prof. Dott. Guido Tersilli, primario della clinica Villa Celeste…” del 1969 Alberto Sordi compare al volante di una Maserati Ghibli Spyder, mentre nello stesso periodo - nella vita reale - guidava una Quattroporte del 1967. E' stata sua fino al 1973, quando la vendette. Ma questa non fu la sua unica supercar del Tridente, ebbe anche una Mistral Spyder, l'ultima Maserati a montare il 6 cilindri in linea bialbero doppia accensione derivato da quello della 250 F, la Formula 1 campione del mondo 1957 con Juan Manuel Fangio. E’ difficile immaginare Sordi al volante di un’auto simile. Lui che diceva “Sa perché dicono che sono avaro? Perché i soldi non li sbatto in faccia alla gente, come fanno certi miei colleghi” sembra più a suo agio con la Familiare torinese.

La Fiat 124 Familiare

La 124 venne prodotta da Fiat per il mercato italiano tra il 1966 ed il 1974 e nacque con l'ambizione di conquistare la piccola borghesia. In un certo senso ci riuscì perché l’anno dopo il lancio commerciale venne premiata come “Auto dell’Anno” ed era la prima volta per una Fiat. La Familiare era meccanicamente molto simile alla berlina e si distingueva a colpo d’occhio per le ruote più grandi. Probabilmente questa 124 Familiare azzurra verrà inclusa nel museo dedicato ad Alberto Sordi, insieme al resto della casa. Tuttavia ancora non è noto quando sarà inaugurato, prima ci sono molti lavori da fare, come hanno detto oggi il regista e attore Carlo Verdone ed il ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini, che hanno dato l’annuncio. Se ci sono altre auto e quale destino avranno è altrettanto avvolto nel mistero. Dalle foto che sono apparse oggi si vede che accanto alla Fiat c’è parcheggiata anche una moderna BMW, ma sicuramente non era dell'Albertonenazionale.

Autore:

Tag: Curiosità , Fiat , auto italiane , auto storiche , VIP


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 52
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 50
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 33
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 35
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top