dalla Home

Curiosità

pubblicato il 5 giugno 2015

Bici e pedoni? Le strade più sicure sono nell'Est Europa

Lituania e Lettonia sono i Paesi più virtuosi, ma c'è ancora molto da fare per ridurre morti e incidenti

Bici e pedoni? Le strade più sicure sono nell'Est Europa

La riduzione dell'inquinamento è una priorità delle normative europee. Per questo viene incentivato l'uso della bici e in molte città ci sono regole sempre più restrittive per le auto. Queste iniziative, utili sulla carta, si scontrano però con la realtà dei fatti: per pedoni e ciclisti le strade non sono un luogo sicuro. L’European Transport Safety Council (ETSC), organizzazione non-profit indipendente di cui ACI è partner, ha diffuso un report per far luce sui livelli di sicurezza offerti in Europa a chi sceglie di spostarsi pedalando o camminado e i risultati riservano qualche sorpresa. In totale, nel 2013, sulle strade europee hanno perso la vita 7.600 tra pedoni e ciclisti, quasi un terzo di tutte le vittime degli incidenti. Se negli ultimi 10 anni il numero delle vittime tra gli automobilisti si è dimezzato, per pedoni e ciclisti il calo non è stato così ampio (rispettivamente 41% e 37%).

L’Europa dell’Est è l’area dove si registrano i risultati più sorprendenti. Infatti Lituania e Lettonia sono i Paesi più virtuosi perchè nel periodo 2003-2013 hanno ottenuto i migliori tassi annui di riduzione della mortalità per entrambe le categorie di utenti vulnerabili. L’Italia si piazza nella seconda metà della classifica: la diminuzione delle vittime è più lenta rispetto alla media europea dove il numero di vittime calano a velocità doppia (-4,3% l’anno per i pedoni e del -2,8% per i ciclisti, rispetto ad una media europea rispettivamente del -5,5% e del -5,2%). Come migliorare la situazione? ETSC suggerisce di rendere più severi i test alle auto sulla protezione dei pedoni. E poi di favorire la diffusione di serie su tutte le nuove vetture del sistema di assistenza intelligente alla velocità e del sistema automatico di frenata d’emergenza

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , auto europee , sicurezza stradale


Top