dalla Home

Test

pubblicato il 29 maggio 2015

Mazda CX-3, un piccolo SUV con grandi ambizioni

Il turbodiesel 1,5 litri da 105 CV spinge fluido e consistente, con una progressività quasi da benzina aspirato

Mazda CX-3, un piccolo SUV con grandi ambizioni
Galleria fotografica - Mazda CX-3Galleria fotografica - Mazda CX-3
  • Mazda CX-3 - anteprima 1
  • Mazda CX-3 - anteprima 2
  • Mazda CX-3 - anteprima 3
  • Mazda CX-3 - anteprima 4
  • Mazda CX-3 - anteprima 5
  • Mazda CX-3 - anteprima 6

Si può prendere un’auto mainstream come i SUV di piccola taglia e trasformarla in qualcosa di diverso? Se ti chiami Mazda e sei un piccolo costruttore indipendente e ambizioso, la risposta è sì. Quando ho visto per la prima volta la nuova Mazda CX-3, il pensiero è stato quello di non avere a che fare con l’ennesima, solita interpretazione del concetto di SUV e/o crossover del segmento B: le sue linee ispirate dal design KODO non stanno lì semplicemente per dare una forma qualsiasi ai 4,27 metri di lunghezza della carrozzeria, ma ne disegnano il corpo dandole una personalità immediatamente riconoscibile. La stessa idea l’ho avuta all’interno, dove il quadro strumenti sportivo e la linea orizzontale che percorre tutta la plancia alla destra del guidatore creano un complesso dalle forme dinamiche e pulite, che grazie a materiali come la pelle e le plastiche morbide mi hanno dato un’impressione visiva e una sensazione al tatto di qualità premium. La sfida di Mazda sta proprio in quest’ultima parola – “premium” – un termine che in questi anni nel mondo dell’auto è quasi abusato e spesso viene interpretato semplicisticamente come un po’ di pelle sparsa nell’abitacolo di un modello per il resto ordinario, se non addirittura banale. Con la sua CX-3, invece, Mazda punta su un design sportivo, soluzioni meccaniche SKYACTIV e tecnologie di sicurezza attiva i-ACTIVSENSE e infotainment da segmento superiore, per uscire dal gruppo dei costruttori di massa e offrire la sua idea di qualità. Un’esperienza speciale che starà anche nei numeri: in un segmento che fa segnare volumi e crescite da record, Mazda prevede di offrire sul mercato italiano 4-5.000 CX-3 l’anno, una strategia dovuta ai limiti della produzione nella fabbrica di Hiroshima che dovrebbe garantire un ottimo valore dell’usato e un tocco di esclusività.

Sguardo aggressivo e forme da coupé

La Mazda CX-3 ha uno stile netto, coraggioso, sportivo. Non per tutti. Ma è proprio questa la personalità della CX-3: non si accontenta di essere un’altra comparsa nel gruppo, punta invece a colpirmi e convincermi che fa sul serio. Il lungo frontale con i fari affilati che si protendono verso la calandra centrale prosegue verso un montante anteriore molto inclinato, che le dona un aspetto dinamico. Il profilo laterale ha linee semplici e morbide, tra cui risaltano quelle dello spesso fascione inferiore e il profilo del tetto che scende verso la coda. Il posteriore tondeggiante e massiccio della Mazda CX-3 mi trasmette una netta immagine sportiva grazie al doppio scarico posteriore e ai fari che richiamano quelli anteriori, anche se le forme penalizzano il bagagliaio, che ha una soglia d’accesso piuttosto alta e una capienza di 350 litri.

Nell’abitacolo materiali ricercati e tecnologia

L’esperienza di guida è il fulcro dell’abitacolo della Mazda CX-3: il quadro strumenti focalizzato su di me, negli allestimenti medio e top Evolve ed Exceed ha un grande contagiri al centro, mentre posso comandare tutte le funzioni di bordo – climatizzazione a parte – dal volante o dall’HMI Commander, il controller al centro del tunnel con tasti e rotella. Nella parte alta la plancia della CX-3 riesce a sposare con armonia materiali diversi e ricercati: plastiche morbide, pelle con doppia cucitura e inserti effetto alluminio si fondono in un complesso dalle forme pulite, che al tatto mi dà una sensazione quasi da segmento superiore. Noto di più l’appartenenza al segmento B di questo crossover SUV Mazda nella parte inferiore del cruscotto, che invece è fatta di plastica dura: una scelta normale su un’auto di questo tipo, soprattutto per contenere i costi. L’abitabilità della fila anteriore è ottima e i sedili sono morbidi al centro e più rigidi ai lati, per sostenere il corpo in curva. Dietro invece due adulti stanno seduti comodi – lo spazio c’è sia in altezza che per le gambe – mentre il terzo è un po’ sacrificato dalla forma del divano che si rialza al centro.

Le conseguenze della leggerezza

La versione della Mazda CX-3 che ho deciso di provare al lancio europeo è la SKYACTIV-D 1.5 a trazione anteriore, dotata del turbodiesel 1,5 litri da 105 CV e 270 Nm di coppia massima. Questa configurazione sarà probabilmente la più venduta sul mercato italiano e a una prima impressione potrebbe sembrare un po’ debole in fatto di potenza. Non lasciatevi però ingannare dai numeri: la CX-3 con il motore a gasolio, accoppiato al cambio manuale a 6 rapporti, riesce ad avere prestazioni brillanti grazie alla struttura leggera, che utilizzando acciai ad alta resistenza ferma la bilancia a 1.200 kg in ordine di marcia. Alla guida tutti i comandi della CX-3 mi hanno piacevolmente sorpreso per la loro consistenza: lo sterzo è leggero ma preciso, il cambio restituisce una bella sensazione meccanica, mentre la frizione è leggera. Il motore spinge fluido e consistente, con una progressività quasi da benzina aspirato. La sua voce si sente solo quando i giri salgono, ma nel complesso la CX-3 è ben insonorizzata: a velocità autostradali il confort di marcia è ottimo, con fruscii e rotolamento ridotti. Quando invece cominciano le curve, le sospensioni morbide – ideali per città e viaggi lunghi – fanno dondolare un po’ troppo il corpo vettura: la massa ridotta assicura un’agilità piacevole e un’ottima tenuta, mentre il posteriore a barra di torsione aiuta a chiudere le curve; spingendo un po’ in alcune tortuose strade di campagna, però, il rollio si è fatto eccessivo e un po’ ha soffocato la mia esperienza di un telaio che, per il resto, mi è sembrato molto divertente e sicuro. A proposito di sicurezza, appunto, la Mazda CX-3 può vantare una dotazione da segmento superiore, che rappresenta un unicum tra le concorrenti e sottolinea le ambizioni del marchio. A seconda degli allestimenti e dei pacchetti opzionali, infatti, è possibile dotare il piccolo SUV giapponese di cruise control adattivo, Blind Spot Monitoring, sistema di frenata autonoma, e Lane Departure Warning System. La CX-3 offre anche fari anteriori full LED adattivi (di serie sull’allestimento top Exceed, 700 euro sull’intermedio Evolve) e High Beam Control, un sistema che regola automaticamente i fari per evitare di accecare le auto che arrivano in direzione contraria.

Un listino facile per un’auto ambiziosa

Un benzina, un diesel, tre allestimenti, quattro pacchetti accessori. Questo in breve il listino Mazda CX-3, che parte dai 18.800 euro della 2,0 litri benzina SKYACTIV-G 120 CV Essence a trazione anteriore. Lo SKYACTIV-G da 150 CV in Italia sarà disponibile solo in allestimento top Exceed e con trazione integrale a 24.750 euro. Stesso prezzo per la diesel Exceed a trazione anteriore, mentre il sistema AWD richiede un extra di 2.000 euro. La versione più scelta dai clienti italiani sarà con tutta probabilità la SKYACTIV-D 1.5 a trazione anteriore nell’allestimento intermedio Evolve, che costa 21.900 euro. Per il navigatore satellitare – veloce e intuitivo grazie al touch e al controller, ma a mia impressione dalla grafica un po’ troppo piena – bisogna aggiungere 400 euro, mentre il cambio automatico a 6 rapporti costa 1.750 euro. I pacchetti permettono di dotare la Mazda CX-3 della tecnologia di sicurezza attiva più avanzata, trasformando un’auto dalla sostanza completa e competente in un prodotto con ambizioni di lusso.

Scheda Versione

Mazda CX-3
Nome
CX-3
Anno
2015
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Andrea Fiorello

Tag: Test , Mazda , auto giapponesi


Listino Mazda CX-3

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2,0L 120cv Skyactiv-G 2WD Essence anteriore benzina 120 2 5 € 19.320

LISTINO

2,0L 120cv Skyactiv-G 2WD Evolve anteriore benzina 120 2 5 € 20.820

LISTINO

1,5L 105cv Skyactiv-D 2WD Evolve anteriore diesel 105 1.5 5 € 22.420

LISTINO

1,5L 105cv Skyactiv-D 2WD Exceed anteriore diesel 105 1.5 5 € 25.270

LISTINO

2,0L 150cv Skyactiv-G AWD Exceed 4x4 benzina 150 2 5 € 25.270

LISTINO

1,5L 105cv Skyactiv-D AWD Exceed 4x4 diesel 105 1.5 5 € 27.270

LISTINO

 

Top