dalla Home

Attualità

pubblicato il 29 maggio 2015

Sicurezza stradale, l'Italia è solo 19esima al mondo

I morti sulle strade italiane scendono del 54% in quattordici anni, ma in Europa molti fanno meglio

Sicurezza stradale, l'Italia è solo 19esima al mondo

Ogni anno sulle strade italiane ci sono 5,7 morti ogni 100.000 abitanti, una triste media che posiziona il nostro Paese al 19esimo posto nella classifica delle 32 nazioni sviluppate e in via di sviluppo che rientrano nelle statistiche dell'International Road Traffic and Accident Database (IRTAD). Il risultato non è dei migliori, soprattutto a livello europeo dove Svezia, Regno Unito e Svizzera occupano il podio delle strade meno pericolose, con una media rispettivamente di 2,7, 2,8 e 3,3 e dove altri restano sotto i 5. Il dato è riferito al 2013, ovvero l'ultimo completo per le statistiche di tutti i Paesi membri dell'IRTAD, e piazza l'Italia nella parte bassa della graduatoria, fra la Nuova Zelanda (5,7) e l'Ungheria (6,0). I tre peggiori da questo punto di vista sono invece Argentina (12,3), Cile (12) e Stati Uniti (10,3), mentre il dato più confortante è che fra il 2000 e il 2013 la mortalità stradale si è ridotta del 42% fra i Paesi presi in esame.

In questo l'Italia è un po' sopra la media con una riduzione del 54%, ma ci sono Paesi "virtuosi" che hanno fatto meglio nello stesso periodo di quattordici anni, come la Spagna e il Portogallo che hanno migliorato quasi del 70%; fanalini di coda il Cile (-16%) e Stati Uniti (-30,8%). I risultati annuali pubblicati dall'IRTAD mostrano come il tasso di mortalità sulle strade si è ridotto ad un tasso ben superiore rispetto a quello di altri mezzi di trasporto, un dato dovuto al concomitante sforzo di organi ed enti nazionali e sovranazionali per l'incremento della sicurezza dei veicoli. Purtroppo il miglioramento della sicurezza di auto non va di pari passo con quella degli altri utenti della strada, se è vero che dal 2000 i morti a bordo di automobili si sono ridotti del 54%, mentre i pedoni deceduti sono scesi del 36%, i ciclisti del 35% e i motociclisti solo del 22%.

Morti sulle strade per 100.000 abitanti (2013)

1. Svezia 2,7
2. Regno Unito 2,8
3. Svizzera 3,3
4. Paesi Bassi 3,4
5. Danimarca 3,4
6. Israele 3,4
7. Spagna 3,6
8. Norvegia 3,7
9. Giappone 4,0
10. Irlanda 4,1
11. Germania 4,1
12. Islanda 4,7
13. Finlandia 4,8
14. Francia 5,1
15. Australia 5,1
16. Austria 5,4
17. Canada 5,5
18. Nuova Zelanda 5,7
19. Italia 5,.7
20. Ungheria 6,0
21. Portogallo 6,1
22. Slovenia 6,1
23. Repubblica Ceca 6,2
24. Belgio 6,5
25. Grecia 7,9
26. Lussemburgo 8,4
27. Lituania 8,7
28. Polonia 8,7
29. Corea del Sud 10,1
30. USA 10,3
31. Cile 12,0
32. Argentina 12,3

Autore:

Tag: Attualità , sicurezza stradale


Top