dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 29 maggio 2007

Esperienza di Guida by BMW Group

La Scuola ufficiale della Casa bavarese compie 40 anni

Esperienza di Guida by BMW Group
Galleria fotografica - Esperienza di Guida BMWGalleria fotografica - Esperienza di Guida BMW
  • Esperienza di Guida BMW - anteprima 1
  • Esperienza di Guida BMW - anteprima 2
  • Esperienza di Guida BMW - anteprima 3
  • Esperienza di Guida BMW - anteprima 4
  • Esperienza di Guida BMW - anteprima 5
  • Esperienza di Guida BMW - anteprima 6

Nel 1977 BMW fu la prima casa automobilistica ad offrire ai propri clienti la possibilità di ottimizzare la propria esperienza di guida al volante e, all'epoca, la scuola iniziò con delle vetture della prima BMW Serie 3. In 30 anni di strada ne è stata fatta nel settore automobilistico e, di conseguenza anche la scuola guida BMW si è aggiornata. Rimanere al passo con i tempi non è significato solo aggiornare il parco vetture, ma evolvere esercizi ed insegnamenti in maniera proporzionale a quello che significa guidare oggi nelle più svariate situazioni di traffico. Inoltre, le moderne tecnologie come ABS o DSC (l'ESP di BMW) che si sono aggiunte nel tempo alla normale dotazione delle vetture hanno necessitato di un'adeguata educazione della clientela, la quale doveva essere abituata a convivere, ma soprattutto, a sfruttare ciò che di buono i moderni sistemi di sicurezza possono offrire.

La "data di nascita" dei corsi di pilotaggio sicuro è il 22 aprile 1977. Questo fu il giorno in cui i clienti assolsero per la prima volta delle manovre di training con una BMW 320i. Sei settimane prima i funzionari della Polizia di Monaco avevano partecipato al corso che era stato organizzato nell'area dell'aeroporto di Oberpfaffenhofen: una prova generale un poco particolare, dato che già all'epoca era molto importante che le forze dell'ordine godessero di un training di guida professionale e impegnativo.

Analogamente alle automobili e alle motociclette di BMW Group, anche i programmi di training vengono ottimizzati permanentemente. Ad esempio, 30 anni fa nessuno parlava dei sistemi di assistenza del guidatore che oggi lo aiutano a gestire con sicurezza l'automobile e oggi, come nel 1977, la fisica rimane alla base. I sistemi di assistenza di oggi influenzano anche il comportamento autosterzante delle automobili nella guida forzata in curva; questi non esistevano negli anni Settanta. Con l'introduzione del Controllo dinamico di stabilità (DSC) la tendenza al sovrasterzo o sottosterzo della vettura viene limitata per tempo attraverso l'intervento dei freni su singole ruote e la riduzione della coppia motrice. Ma nel programma di training di BMW Group questo capitolo viene trattato anche oggi perché contribuisce in modo elementare a comprendere le regole della fisica nella guida. I partecipanti testano le reazioni della vettura sia con il sistema DSC inserito che disattivato e ottengono delle informazioni preziose sul comportamento dinamico della macchina e sui pregi dei sistemi moderni di regolazione della stabilità di guida.

Pensare dinamicamente, guidare meglio, arrivare sicuri: questa è la formula breve con la quale l'ex professionista di sport rally Rauno Aaltonen ha descritto la strategia di un training di guida eseguito con coerenza. Aaltonen fu nominato nella primavera del 1977 dalla BMW Motorsport GmbH primo istruttore capo dei training di guida BMW. La rivoluzione di Aaltonen consisteva soprattutto nella capacità di spiegare in modo facilmente comprensibile e memorizzabile il rapporto tra le leggi della fisica nella guida e il comportamento di un'automobile sulla strada. In base a un circuito di regolazione, egli illustrava ad esempio come il sapere e le capacità del guidatore, la maneggevolezza e la potenza di un'automobile e le condizioni ambientali - come il tempo e lo stato del fondo stradale - si influenzano a vicenda. Le sue considerazioni di base si ritrovano ancora oggi nelle lezioni teoriche dei corsi di pilotaggio di BMW Group. Oggi più di 120 istruttori - tra i quali piloti di collaudo altamente esperti, ingegneri e progettisti di auto¬mobili - vi contribuiscono con il loro sapere tecnico e didattico e con la loro pluriennale esperienza nel settore della competizione.

L'offerta di training non considera solo le esigenze personali dei partecipanti, ma tiene conto anche delle loro capacità di guida. Da sempre i corsi iniziano laddove finisce l'autoscuola; il programma si estende fino ai corsi più impegnativi sui circuiti dove si può vivere il campo limite di un'automobile. Oggi la flotta è cresciuta a oltre 250 automobili, così da offrire una grande varietà di programmi di guida. Nella sola Germania hanno luogo più di 1.000 eventi all'anno ai quali partecipano circa 18.000 guidatori e, dal 1977 a oggi, più di 200mila persona hanno partecipato ai corsi BMW Group.

In ogni corso, che si tratti di BMW o MINI (presenti dal 2003), aumenta il grado di difficoltà. I partecipanti godono così della possibilità di assolvere un programma di training di più livelli che li accompagna dalla gestione sicura di situazioni di ogni giorno fino alle sfide sportive. I corsi si svolgono oggi negli scenari più estremi e variegati, partendo dai laghi ghiacciati dell'Europa del nord, passando per lo storico circuito del Nurburgring fino ad arrivare per giunta in Africa, dove le deserte distese della Namibia.

Autore:

Tag: Eventi , Bmw , sicurezza stradale , guida sicura , guida sportiva , anniversari


Top