dalla Home

Curiosità

pubblicato il 26 maggio 2015

BMW celebra i 40 anni della sua Art Car Collection

Dalla 3.0 CSL del 1975 alla M3 GT2 del 2010, la festa per 17 esemplari unici al mondo

BMW celebra i 40 anni della sua Art Car Collection
Galleria fotografica - BMW Art Car CollectionGalleria fotografica - BMW Art Car Collection
  • BMW Art Car Collection - anteprima 1
  • BMW Art Car Collection - anteprima 2
  • BMW Art Car Collection - anteprima 3
  • BMW Art Car Collection - anteprima 4
  • BMW Art Car Collection - anteprima 5
  • BMW Art Car Collection - anteprima 6

Domanda retorica: un’auto può essere un’opera d’arte? Sì o no, il dibattito è sempre vivo, ma se una Cisitalia 202 è esposta al MoMA di New York, forse è vero che le macchine sono anche sculture in movimento. BMW ha voluto dire la sua in merito, cominciando ad argomentare la questione 40 anni fa quando il pilota francese Hervé Poulain, per la Le Mans del 1975, chiese all’amico artista Alexander Clader di personalizzare la sua 3.0 CSL. Da lì in poi è stato un crescendo: in collaborazione col costruttore bavarese artisti del calibro di Lichtenstein, Warhol, Koons, Stella, Rauschenberg, Holzer ed Elíasson hanno voluto dare un tocco artistico alle auto da corsa dalla Doppia Elica. E' nata così la BMW Art Car Collection, che conta 17 esemplari unici e che in questi giorni compie appunto 40 anni.

Le celebrazioni, in giro per i Mondo, sono partite da Villa d'Este dove sono state esposte le prime quattro vetture della serie, due 3.0 CSL, una 320i Turbo del Gruppo 5 e una M1 del Gruppo 4, oltre alla M3 GT2 creata da Jeff Koons, l’ultima arrivata. Altri eventi per poter ammirare queste opere d’arte sono previsti a New York, Miami, Shanghai, Hong Kong e al Centro Pompidou di Parigi nel corso di tutto il 2015. “Queste auto sono uniche come gli artisti che le hanno create”, ha detto Maximilian Schöberl, vice presidete del gruppo BMW.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Bmw , auto europee , auto storiche


Top