dalla Home

Curiosità

pubblicato il 25 maggio 2015

Villa d’Este 2015, trionfo Alfa Romeo e Ferrari

Le italiane fanno incetta di premi, Coppa d’Oro compresa, mentre la Bentley vince fra le concept

Villa d’Este 2015, trionfo Alfa Romeo e Ferrari
Galleria fotografica - Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2015Galleria fotografica - Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2015
  • Concorso d\'Eleganza Villa d\'Este 2015 - anteprima 1
  • Concorso d\'Eleganza Villa d\'Este 2015 - anteprima 2
  • Concorso d\'Eleganza Villa d\'Este 2015 - anteprima 3
  • Concorso d\'Eleganza Villa d\'Este 2015 - anteprima 4
  • Concorso d\'Eleganza Villa d\'Este 2015 - anteprima 5
  • Concorso d\'Eleganza Villa d\'Este 2015 - anteprima 6

Ok, forse parlare d’arte è esagerato, ma l’insieme di design industriale, artigianato e meccanica d’eccezione che è possibile vedere ogni anno nelle auto che partecipano al Concorso d’Eleganza Villa d’Este è qualcosa che le si avvicina molto. Anche l’edizione 2015 che si è svolta questo fine settimana a Cernobbio, sulle rive del lago di Como, ha messo in campo un tale esercito di capolavori automobilistici che già presi singolarmente darebbero lustro a qualsiasi museo. Trattandosi di un concorso ci devono essere dei vincitori, ma il pubblico, la giuria e gli stessi partecipanti sembrano come sempre felici di godersi lo spettacolo, senza pensare alla gara. La classifica dei premiati, per quanto importantissima, diventa quasi una formalità che premia il “Picasso”, il “Leonardo” di turno. Quest’anno a vincere il premio Best of Show della giuria è stata l’Alfa Romeo 8C 2300 Spider Zagato del 1932 del californiano David Sydorick, vettura da corsa fra le più vincenti di sempre e icona dell’auto italiana anche per le imprese di Tazio Nuvolari.

A tenere alto l’onore dell’automobilismo storico del nostro Paese è stata poi la Ferrari 166 MM del 1950 appartenente all’inglese Clive Beecham. La spettacolare Barchetta Touring non è solo uno dei 25 esemplari costruiti della sportiva di Maranello, ma uno dei più carichi di storia, essendo appartenuta all’avvocato Giovanni Agnelli e poi a Jacques Swaters della Ecurie Francorchamps e alla sua famiglia. La vettura scoperta del Cavallino Rampante dipinta di blu è stata eletta vincitrice sia dal pubblico di Villa d’Este con la Coppa d’Oro che da quello “allargato” di Villa Erba, tutti rapiti dalla bellezza e dalle compatte proporzioni della 166 Mille Miglia. I piccoli spettatori di Villa Erba hanno invece attribuito il Trofeo BMW Group Ragazzi alla gialla e spettacolare Pegaso “Cupula”, mentre il referendum pubblico nei giardini di Villa Erba ha assegnato il Design Award for Concept Cars & Prototypes all’inglese Bentley EXP 10 Speed Six che fa dell’eleganza e della grinta i suoi punti di forza.

Autore:

Tag: Curiosità , auto storiche , concorsi


Top