dalla Home

Curiosità

pubblicato il 21 maggio 2015

Art Defender Motori, il caveau delle meraviglie nella "terra de motòr"

Apre in Italia uno spazio inedito che custodisce e mantiene auto storiche e di lusso, ma non solo

Art Defender Motori, il caveau delle meraviglie nella "terra de motòr"
Galleria fotografica - Art Defender Motori, il caveauGalleria fotografica - Art Defender Motori, il caveau
  • Art Defender Motori, il caveau - anteprima 1
  • Art Defender Motori, il caveau - anteprima 2
  • Art Defender Motori, il caveau - anteprima 3
  • Art Defender Motori, il caveau - anteprima 4
  • Art Defender Motori, il caveau - anteprima 5
  • Art Defender Motori, il caveau - anteprima 6

Possedere un’auto d’epocao di lusso è il sogno di molti e, per alcuni fortunati collezionisti, è una realtà nonostante il nostro paese ultimamente non esorti troppo questo tipo di passione (vedi bollo sulle auto storiche e superbollo). E se all’estero ci sono già dei programmi particolari di “manutenzione condivisa” (per così dire), in Italia ora è stato appena inaugurato il caveau di Art Defender Motori, dove opere d'arte su quattro ruote possono trovare una seconda nuova casa. Art Defender infatti si occupa della custo dia e della conservazione di beni di pregio a 360° e, nei suoi caveau climatizzati è possibile proteggere oggetti di pregio di qualsiasi tipologia co,e per esempio, le auto che hanno fatto la storia dell'automobilismo mondiale.

Start your engine

All’inaugurazione, insieme al presidente di Art Defender, Alvise di Canossa, e al responsabile del reparto Motori, Enrico Rondinelli, c’erano ospiti d’eccellenza a quattro ruote come l’Alfa Romeo Tipo 33/2 pilotata da Mario Casoni a Le Mans, alla Targa Florio e al Circuito Stradale del Mugello nel 1968; l’Audi R18 Ultra con cui Dindo Capello (presente alla serata inaugurale) ha corso l’ultima 24 ore di Le Mans nel 2012 - dopo averne vinte tre edizioni nel 2003, 2004, e 2008; la Maserati A6GCS, prima auto da corsa di Mario Casoni; la Porsche 911 ST che corse la Targa Florio ed il Giro d’Italia con Odoardo Govoni; la OSCA 1600 GT2 carrozzata Michelotti esemplare unico; l’Abarth 750 Zagato ex scuderia Roosvelt; la Lamborghini LP550 Valentino Balboni portata proprio dallo stesso collaudatore di riferimento della Casa di Sant’Agata Bolognese per tutti questi anni e, infine, il primo prototipo marciante delle dodici Bizzarrini 1900 GT Europa completate. Almeno per rifarsi gli occhi, vale la pena guardarne le foto!

I servizi offerti

Amare la propria auto storica, e poterla custodire nelle migliori condizioni possibili, sia intermini di habitat che di sicurezza grazie ai formidabili sistemi di allarme che Art Defender garantisce. Ma la sezione Motori va oltre e, oltre alla cura dell'auto, propone servizi relativi al restauro, ma anche alla gestione della stessa. Se un cliente volesse, per esempio, partecipare ad un raduno dall'altro capo del mondo, Art Defender provvederà al trasporto e al rientro dell'auto in maniera totalmente autonoma e garantita: al cliente non resterà altro che girare il quadro e godersi la propria amata nel modo e nel momento che ha scelto.

Rimessaggio Premium!

E' un caso particolare ed offre tre tipi di canoni dei servizi: il Tipo 1 (350 euro +IVA al mese) comprende il rimessaggio in area chiusa e riservata con mantenitore di carica e antiovalizzanti per pneumatici; il Tipo 2 (400 euro +IVA al mese) aggiunge la messa in moto del veicolo ogni quindici giorni fino a portare l’auto “a temperatura” con un giro all’interno del cortile privato dell’impianto Art Defender; il Tipo 3 (450 euro + IVA al mese) prevede anche un giro di prova mensile di 20 chilometri.

[Foto > Gianni Mazzotta]

 

Autore:

Tag: Curiosità , auto storiche


Top