dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 21 maggio 2015

Dossier Nuovo Codice della strada

Omicidio stradale, in carcere fino a 18 anni

La massima pena è prevista per l’omicidio plurimo. La revoca della patente è fino a 30 anni

Omicidio stradale, in carcere fino a 18 anni

Il nuovo reato di omicidio stradale è quasi pronto. La commissione Giustizia del Senato ha approvato ieri, quasi all’unanimità, il disegno di legge che a breve arriverà in Aula per il via libera definitivo. Il testo stabilisce che se si guida sotto l’effetto di alcol o droga e si provoca la morte di una persona si venga puniti con la reclusione in carcere da 8 a 12 anni, che diventano fino a 18 anni se l’omicidio è plurimo. Come già anticipato, l’ergastolo della patente - che era stato inizialmente previsto in caso di omicidio stradale - è stato tolto dal testo perché giudicato incostituzionale, pertanto è stata prevista una revoca della licenza di guida fino a 15 anni se si uccide qualcuno mentre si guida ubriachi; fino a 20 anni se in passato si era già stati sottoposti all’alcotest; fino a 30 anni se si statva guidando in stato d'ebbrezza e si superava il limite di velocità consentito. Una pena simile è stata prevista per chi guida un’imbarcazione o una moto d’acqua e ci sono pene più severe anche per chi, guidando da sobrio o senza aver assunto droghe, investe e uccide qualcuno facendo manovre pericolose. Ecco alcuni esempi:

Se si passa col rosso

Il testo approvato al Senato che adesso passerà alla Camera prevede che chi passa ad un incrocio con il semaforo rosso e provoca la morte di una persona, anche se non era sotto l’effetto di alcol o droga, venga punito con il carcere dai 7 ai 10 anni.

Se si sorpassa vicino alle strisce pedonali

La stessa pena (dai 7 ai 10 anni di carcere) è stata prevista se si effettua una manovra pericolosa come il sorpasso in prossimità delle strisce pedonali. Anche da sobri, se si uccide qualcuno, si viene processati per omicidio stradale. Ribadiamo che questi che abbiamo fatto nello specifico sono soltanto alcuni esempi di “manovre pericolose” che infrangolo le regole del Codice della Strada.

Incidente mortale in acqua

Con l’avvicinarsi dell’estate è importante specificare anche quest’ultimo punto che non riguarda nello specifico l’automobile. La stessa pena verrà applicata anche in caso di incidente mortale in acqua se chi guida l’imbarcazione procede ad una velocità superiore al doppio di quella consentita o se circola in uno specchio d’acqua nel quale non è consentita la navigazione.

[Foto: www.molisecentrale.net]

Autore:

Tag: Attualità , codice della strada , sicurezza stradale


Top