dalla Home

Curiosità

pubblicato il 15 maggio 2015

Worthersee 2015, tutte le auto "folli"

Sul lago austriaco tutto è concesso al gruppo VW. Benzina o diesel non importa, i cavalli sono sempre tanti

Worthersee 2015, tutte le auto "folli"
Galleria fotografica - Worthersee 2015, tutte le auto folli di Volkswagen GroupGalleria fotografica - Worthersee 2015, tutte le auto folli di Volkswagen Group
  • Worthersee 2015, tutte le auto folli di Volkswagen Group - anteprima 1
  • Worthersee 2015, tutte le auto folli di Volkswagen Group - anteprima 2
  • Worthersee 2015, tutte le auto folli di Volkswagen Group - anteprima 3
  • Worthersee 2015, tutte le auto folli di Volkswagen Group - anteprima 4
  • Worthersee 2015, tutte le auto folli di Volkswagen Group - anteprima 5
  • Worthersee 2015, tutte le auto folli di Volkswagen Group - anteprima 6

Possono le tranquille sponde di un lago austriaco trasformarsi in una specie di Woodstock dei motori che ogni anno richiama decine di migliaia di appassionati? Si, se lo specchio d’acqua in questione è quello del Wörther See (scritto staccato) e se il mega-raduno annuale interessa tutti i modelli del Gruppo Volkswagen. Quest’anno poi, le novità che verranno presentate sono davvero tante, partendo dai modelli pronti per la produzione, passando per le auto dei preparatori tedeschi più famosi e finendo con i cattivissimi prototipi. Si, perché il filo conduttore del "Worthersee 2015" è quello della sportività più estrema. Delle Golf GTI Clubsport e GTE Sport Concept vi abbiamo già raccontato, così come della Audi TT Clubsport da 600 CV e della simpatica Skoda Funstar. Ora, invece, i riflettori ritornano sulla Golf e sulle versioni speciali che sono state approntate: una Variant Bi-turbo diesel, una GTI Dark Shine da 395 CV e una R500 firmata Oettinger.

C’è una Golf per tutti i gusti

La Golf GTD Variant Biturbo Edition è una specie di Frankestein creato attingendo qua e là dalla banca organi Volkswagen. Il motore è il 2.0 TDI della nuova Passat, con 500 Nm di coppia e 240 CV, mentre lo schema di trazione è lo stesso della Alltrack e della R che ben conosciamo. La vernice bicolore celeste-nero la rende abbastanza vistosa, così come l’assetto rasoterra, ma per il resto rimane la Golf Variant di sempre. Il discorso è simile per la Golf GTI Dark Shine, che è stata sviluppata da un team di nove ragazzi e quattro ragazze in circa nove mesi di tempo, partendo da una GTI Performance. Un’ottima idea, visto che i 395 CV e i 487 Nm di coppia massima tirati fuori dal 2.0 TSI vengono scaricati solo sulle ruote anteriori, che nel caso della Performance, sono servite da un differenziale autobloccante. Infine la Golf R500 Oettinger, un altro Frankestein che ha ricevuto il motore 5 cilindri 2.5 TFSI della cugina Audi RS3 ma portato a 518 CV e 680 Nm di coppia. Secondo il tuner tedesco impiega 3,4 secondi per passare da 0 a 100 km/h e supera i 300km/h, ma anche i 150.000 euro di prezzo di listino.

Il T1 Bulli da 530 cavalli

Se invece amate lo spazio e la guida alta un bel Volkswagen T1 “Bulli” degli anni Cinquanta, che però non è spinto dai 25 CV del motore del Maggiolino, ma dai 530 CV del flat-six raffreddato ad aria di una Porsche 993 a cui sono stati aggiunti due turbocompressori. Concludendo con mezzi un po’ meno folli, al Worthersee c’è la Skoda Fabia R5 da rally, anche in versione Combi sotto forma di Concept; entrambe sono accompagnate da un’altra Fabia, la Red & Grey Plus design package che introduce alcuni nuovi accessori. Un’operazione simile, infine, è stata fatta da Audi con la A1 Active Pack, un allestimento che comprende dettagli estetici esclusivi e cerchi in lega da 17 o 18 pollici.

Autore: Alessandro Vai

Tag: Curiosità , Volkswagen , auto europee , raduni


Top