dalla Home

Curiosità

pubblicato il 14 maggio 2015

Basta selfie al volante, Ford lancia una campagna social

Un giovane su quattro scatta foto o usa lo smartphone mentre guida, senza sapere quanto sia pericoloso

Basta selfie al volante, Ford lancia una campagna social
Galleria fotografica - Ford Driving Skills For Life Galleria fotografica - Ford Driving Skills For Life
  • Ford Driving Skills For Life  - anteprima 1
  • Ford Driving Skills For Life  - anteprima 2
  • Ford Driving Skills For Life  - anteprima 3
  • Ford Driving Skills For Life  - anteprima 4
  • Ford Driving Skills For Life  - anteprima 5
  • Ford Driving Skills For Life  - anteprima 6

Che cosa vuol dire scattarsi un selfie mentre si guida? Concentrarsi sullo smartphone e spostare lo sguardo, lasciando l’auto senza controllo per almeno 14 secondi, un’eternità in cui si possono percorrere anche diverse centinaia di metri. È pericolosissimo, ma molti sembrano non saperlo, soprattutto i giovani. I selfie al volante, così come l’uso dei social network – scrolling, cioè far scorrere il dito sul display - sono prassi per almeno un giovane su quattro, sia in Italia che in Europa. Così, l’edizione 2015 del Driving Skills For Life, cioè il programma Ford di corsi gratuiti di guida responsabile destinato ai giovani, che si terrà a Napoli il 17/18 giugno e a Padova il 23/24 giugno si concentrerà su questi temi, stimolando la consapevolezza. Inoltre, Ford ha creato anche due hashtag: #noScrollingWhileDriving e #noSelfieWhileDriving - che accompagneranno la campagna di sensibilizzazione #FordSafe, lanciata da Ford in collaborazione con Microsoft Italia, Twitter Italia e Yahoo Italia.

Arriva #FordSafe

#FordSafe è stata presentata stamattina a Roma, all’interno della Vignale Lounge allestita da Ford al Foro Italico per gli Internazionali di tennis. Partner di questa campagna sono Yahoo Italia, Microsoft Italia e Twitter Italia. Christina Lundari capo della Divisione Advertising & Online di Microsoft Italia, ha annunciato l’imminente lancio di Cortana un assistente personale che consentirà di svolgere diverse operazioni senza staccare le mani dal volante – una funzionalità in cui Ford è stata pioniera – ma non sarà certamente abilitato a scattare selfie. Salvatore Ippolito, Country Manager di Twitter Italia, ha invece sottolineato l’esigenza di rendere virali i comportamenti virtuosi alla guida, sottolineando che Twitter viene usato per l’80% da dispositivi mobili. L’ad di Yahoo Italia, Lorenzo Montagna, ha invece individuato nella distrazione il problema principale, di cui gli smartphone sono solo un amplificatore.

La consapevolezza è tutto

La distrazione è figlia della mancanza di consapevolezza, che poi è la caratteristica principale di chi guida in sicurezza. Conoscere la propria auto, sapere che cosa succede in caso di perdita di aderenza, nelle situazioni di emergenza e imparare a prevenire i comportamenti pericolosi degli altri. Tutto questo senza mai dimenticarsi che si sta portando “a spasso” almeno una tonnellata di lamiere che, anche solo a 30 km/h, si trasforma in una specie di arma semovente. Quando si guida bisogna essere concentrati su quello che si sta facendo e va da sé che ogni fonte di distrazione dà origine a un potenziale pericolo. Cellulari attaccati all’orecchio e smartphone in mano sono nemici della sicurezza, ma solo pochi sembrano capirlo sul serio.

Ford Driving Skills For Life

E' il programma che offre corsi gratuiti di guida responsabile ai giovani

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Ford , sicurezza stradale


Top