dalla Home

Curiosità

pubblicato il 8 maggio 2015

AMG Driving Academy, a scuola di potenza

Sulla pista di Vallelunga insieme agli istruttori della Stella e alle sportive Mercedes

AMG Driving Academy, a scuola di potenza
Galleria fotografica - Mercedes CLA Shooting BrakeGalleria fotografica - Mercedes CLA Shooting Brake
  • Mercedes CLA Shooting Brake - anteprima 1
  • Mercedes CLA Shooting Brake - anteprima 2
  • Mercedes CLA Shooting Brake - anteprima 3
  • Mercedes CLA Shooting Brake - anteprima 4
  • Mercedes CLA Shooting Brake - anteprima 5
  • Mercedes CLA Shooting Brake - anteprima 6

“Mi piace l’odore di gomma bruciata al mattino”. Eh sì, confesso che mi sono sentito un po’ come il colonnello Kilgore di Apocalypse Now. Perché la pista è un luogo sacro per ogni appassionato di auto e sull’asfalto dell’Autodromo di Vallelunga ho potuto testare le novità della gamma Mercedes-AMG. Una giornata intera, insieme agli istruttori della Stella, in compagnia della A 45 AMG, GLA 45 AMG e CLA 45 AMG Shooting Brake. E la più incredibile di tutte, la GT S.

Si ritorna a scuola

L’occasione è stato il corso base di guida organizzato dall’AMG Driving Academy Italia, riservato ai clienti e per l’occasione aperto anche ai giornalisti. In un certo senso si è ritornati a scuola, perché dopo un breve briefing teorico, si è passati alla pratica: lezione di sottosterzo, sovrasterzo, frenata con evitamento ostacolo e traiettoria. Pronti via e subito nell’abitacolo della GT S per la prima lezione, la gestione della perdita di aderenza del posteriore e poi dell’anteriore. Inutile dire che i suoi 510 CV incutono un certo timore reverenziale e su una parte di pista - bagnata per il test - ho personalmente provato quanto non vadano provocati quando le briglie dell'elettronica sono sciolte. Poi è toccato alle “sorelle minori”. Molto curioso di vedere all'opera il primo 4 cilindri turbo della storia AMG, chiamato 45 in onore dei 45 anni di attività del reparto di elaborazione speciale sportiva di Mercedes: 2.0 turbo benzina, 360 CV e 450 Nm di coppia, le premesse lasciavano ben sperare. Dopo la lezione sulla frenata e la gestione dell’ABS in condizioni di pericolo, si passa alle traiettorie, dove ho cominciato a farmi un’idea sulle auto. Sulla parte più corta della pista ho preso confidenza prima con la CLA, poi con la A e infine con la GLA, giusto per rompere il ghiaccio, imparare il circuito e memorizzare i punti di staccata e di corda delle curve. Sebbene le tre auto siano simili - stesso motore, stessa trazione integrale 4MATIC che ripartisce la coppia fino a un rapporto di 50:50 tra due assi e il cambio 7 marce Speedshift DCT AMG - hanno personalità leggermente differenti.

Gran finale

E' stato nel pomeriggio che ho potuto confermare le mie sensazioni. Dopo la “teoria” si è passati alla pratica vera e propria e gli istruttori ci hanno lasciati liberi sul tracciato per vedere quanto avessimo imparato dalle lezioni mattutine. Salgo prima sulla A 45. E’ la più cattiva delle tre, quella dal comportamento meno prevedibile, ma non a tal puto da essere inguidabile, i margini per recuperarla senza spaventi ci sono. La GLA è la più tranquilla, la maggiore altezza da terra rispetto alle altre due le dà una tendenza al rollio, ma è l’assetto più morbido che permette di avere una confidenza maggiore. La CLA è molto simile alla A, ma il posteriore, più lungo e pesante rispetto alla A per via della coda, la rende più nervosa nei cambi di direzione. Due appunti: i sedili sportivi Performance non sono molto contenitivi nella guida sportiva e il cambio, che ha la funzione di doppietta automatica, ha il classico e tipico “sparo” in scalata che è sempre bello da sentire, ma un pizzico di reattività in più in uscita dalle curve lente non sarebbe stata male. E poi, dulcis in fundo, la GT S. Difficile aggiungere qualcosa di più a come la già descritta Giuliano. L’erede della SLS, con il V8 4.0 biturbo da 510 CV, in 3.8 secondi mi catapulta a 100 km/h, poi tocca ai freni a disco auto ventilanti da 390 mm all’anteriore e 360 mm al posteriore, insieme ai pneumatici 255/35 R19 e 295/30 R20 aiutarmi a tenere in strada la coupé dai tempi di reazione fulminei quando metto l’ESP in modalità Sport Handling Mode. Il suono che il motore emette in accelerazione è coinvolgente, ma è con il borbottio basso e gutturale emesso in rilascio che la sua voce dà il meglio di sé. Il corso costa 1.342 euro prossima tappa il 17 giugno ad Adria per poi concludersi il primo e 2 ottobre a Modena.

Galleria fotografica - Mercedes-AMG GTGalleria fotografica - Mercedes-AMG GT
  • Mercedes-AMG GT - anteprima 1
  • Mercedes-AMG GT - anteprima 2
  • Mercedes-AMG GT - anteprima 3
  • Mercedes-AMG GT - anteprima 4
  • Mercedes-AMG GT - anteprima 5
  • Mercedes-AMG GT - anteprima 6
Galleria fotografica - Mercedes GLA 45 AMGGalleria fotografica - Mercedes GLA 45 AMG
  • Mercedes GLA 45 AMG - anteprima 1
  • Mercedes GLA 45 AMG - anteprima 2
  • Mercedes GLA 45 AMG - anteprima 3
  • Mercedes GLA 45 AMG - anteprima 4
  • Mercedes GLA 45 AMG - anteprima 5
  • Mercedes GLA 45 AMG - anteprima 6
Galleria fotografica - Mercedes A 45 AMGGalleria fotografica - Mercedes A 45 AMG
  • Mercedes A 45 AMG - anteprima 1
  • Mercedes A 45 AMG - anteprima 2
  • Mercedes A 45 AMG - anteprima 3
  • Mercedes A 45 AMG - anteprima 4
  • Mercedes A 45 AMG - anteprima 5
  • Mercedes A 45 AMG - anteprima 6

Autore: Michele Salvatore

Tag: Curiosità , Mercedes-Benz , auto europee


Top