dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 1 maggio 2015

Dossier EXPO Milano 2015

EXPO, in auto ci si muove così (nel traffico)

I nostri consigli di mobilità per chi vuole visitare in questi giorni EXPO Milano

EXPO, in auto ci si muove così (nel traffico)
Galleria fotografica - Expo 2015 Milano, strade e viabilitàGalleria fotografica - Expo 2015 Milano, strade e viabilità
  • Expo 2015 Milano, strade e viabilità - anteprima 1
  • Expo 2015 Milano, strade e viabilità - anteprima 2
  • Expo 2015 Milano, strade e viabilità - anteprima 3
  • Expo 2015 Milano, strade e viabilità - anteprima 4
  • Expo 2015 Milano, strade e viabilità - anteprima 5
  • Expo 2015 Milano, strade e viabilità - anteprima 6

La zona rossa in questi giorni di "ponte" del Primo Maggio si chiama EXPO. Niente a che vedere, per fortuna, con disordini sociali bensì un più rassicurante per quanto fastidioso traffico stradale che si prevede intensissimo attorno all'area espositiva situata alle porte della città di Milano, precisamente a Nord-Ovest, a due passi dalla Fiera di Rho. EXPO, che viene inaugurato proprio oggi, 1° maggio, e durerà fino al 31 ottobre, causerà infatti intasamenti nelle arterie di avvicinamento alla manifestazione stessa, ma anche sulla viabilità circostante. Soprattutto durante i primi mesi di apertura dei padiglioni bisogna dunque mettersi l'anima in pace: nella zona di Rho-Pero e in generale a Milano il traffico si intensificherà. Chi ci abita ovviamente è già al corrente di tutto, per chi invece non è pratico della città, ecco qualche dritta per circolare in auto. Non prima di aver fatto una premessa, però: i lavori stanno procedendo a velocità pazzesa, molti cantieri aperti al 30 aprile potrebbero essere chiusi nella notte, oppure no, con tutto ciò che questo potrebbe significare per chi deve spostarsi in auto.

A4 - A8 - A9 - tangenziale ovest da bollino nero

Non stiamo parlando ovviamente di tutta la A4 Torino-Venezia, né delle autostrade per i laghi (A8 e A9) nella loro interezza, bensì dei tratti più vicini all'EXPO. Nel dettaglio, il già trafficatissimo collegamento fra Sesto San Giovanni e la barriera di Milano Ovest - in entrambe le direzioni - subirà ulteriori rallentamenti. Proprio qui si trovano infatti le uscite di Rho Fiera e Pero e, nei giorni in cui oltre all'EXPO ci sarà qualche esposizione nel polo fieristico, sarà bene evitare la zona (sempre che possiate). Come? Se per esempio da Torino siete diretti a Est di Milano, diciamo da Trezzo sull'Adda in poi, utilizzate la TO-PC-BS: farete più km, ma risparmierete tempo, carburante e... Fegato. Chi da Varese o Como deve andare verso Sud, potrebbe prendere in considerazione l'idea di dirigersi verso l'aeroporto di Malpensa (che è uno delle porte di EXPO, ma difficilmente nella zona circostante il traffico si paralizza), puntare verso Marcallo Mesero e poi andare verso Bologna o verso la Liguria sfruttanto l'allacciamento della TO-PC-BS, la stessa di prima, con la A1 (MI-NA) e la A7 (MI-GE).

Rho, Arese, Bollate e zona Nord Milano da bollino rosso

Dove prima c'era una parte degli stabilimenti Alfa Romeo, oggi si trova una colata d'asfalto interrotto da linee bianche: è uno dei parcheggi dell'EXPO, collegato all'area espositiva con autobus e con strade ampiamente riviste e allargate, che conflusicono le une nelle altre con modernissime rotonde. Chi scrive è passato da queste parti 24 ore prima dell'apertura della manifestazione ed è innegabile che sia stato compiuto un piccolo miracolo: nel giro di pochi mesi la viabilità è stata completamente stravolta. Alcuni cantieri ancora aperti creavano non pochi disagi, ma se nel frattempo le strade verranno sgomberate dai mezzi di lavoro (pur a opere non terminate...), il flusso di auto e mezzi pubblici da e per l'EXPO non dovrebbe impattare in modo drammatico su un'area comunque congestionata dai pendolari che ogni giorno si recano a Milano per lavoro. Insomma, disagi sì, ma - forse - non troppi. C'è poi la città di Bollate, situata tra l' "incudine" EXPO e il "martello" tangenziale Nord: in questo caso, il nuovissimo sottopassaggio di Baranzate che permette di non incrociare più la strada statale Varesina ha velocizzato notevolmente il traffico. Vale sempre la considerazione, però, che la vicinanza con la zona "calda" non potrà non avere effetti sui tempi di percorrenza in zona. E Rho-Pero? Gli abitanti di quest'area oramai sono "vaccinati": dopo la costruzione del polo fieristico sanno benissimo quello che può accadere nei giorni clou. Visto da Sud, ovvero da Milano, l'Esposizione potrebbe creare disagi di traffico nelle aree di Viale Certosa, via Gallaratese, Molino Dorino, San Siro, Fiera Milano City (e Citylife) e Trenno, dove è stato realizzato un altro parcheggio; da non dimenticare il Foro Bonaparte di fronte al Castello Sforzesco e quindi in piena Area C, dove è stato creato l'Expo Gate.

Raggiungere EXPO in auto

Ognuno è artefice del proprio destino. Citazioni (e scherzi) a parte, il potenziamento dei mezzi di trasporto pubblico sconsiglierebbe di andare all'esposizione universale in automobile. Ma se proprio non ci volete rinunciare, i parcheggi "ufficiali" sono quattro: Merlata (consigliato a chi proviene dalla A4, quindi da Ovest e da Est) Arese (da Nord) Fiera Milano (da Sud) Trenno (da Sud e Sud Ovest). Il costo? 12,20 euro al giorno.

EXPO in condivisione

Ultimo, ma non meno importante, la condivisione del mezzo, sia esso la bici o l'automobile. Dall'1 maggio al 31 ottobre sarà applicato l’orario esteso di BikeMi: le bici in sharing saranno disponibili 24 ore su 24 il venerdì e il sabato, e fino alle 2 negli altri giorni. Nelle prossime settimane arriveranno inoltre mille biciclette a pedalata assistita. Per chi non ama pedalare, h24 sono disponibili anche le 700 smart di Car2Go, le 644 500 di Enjoy, le 290 up! di Twist e i 140 veicoli di GuidaMi, oltre ai 120 quadricicli elettrici di Eq sharing. In totale fanno poco meno di 2.000 auto in condivisione a disposizione 24 ore su 24. Da non dimenticare i taxi: sempre attivo il servizio taxi e, a breve, contattabile con numero unico.

Autore:

Tag: Da Sapere , expo


Top