dalla Home

Curiosità

pubblicato il 29 aprile 2015

RS200 Non-Fiction, tributo a un mito

Compie 40 anni la Skoda 130 RS e in Repubblica Ceca l'hanno celebrata così

RS200 Non-Fiction, tributo a un mito
Galleria fotografica - RS200 Non-FictionGalleria fotografica - RS200 Non-Fiction
  • RS200 Non-Fiction - anteprima 1
  • RS200 Non-Fiction - anteprima 2
  • RS200 Non-Fiction - anteprima 3
  • RS200 Non-Fiction - anteprima 4
  • RS200 Non-Fiction - anteprima 5
  • RS200 Non-Fiction - anteprima 6

Tra gli anni '70 e '80 c'era una piccola Skoda che aveva trovato il modo di farsi rispettare. Era la 130 RS, coupé da corsa derivata dalla 110 R e diventata un'icona nel modo del motorsport per aver vinto nel RAC Rally, il campionato britannico per 17 anni di fila nella sua categoria (under 1.300) oltre al rally dell'Acropoli del 1973 e il Sanremo del 1986. Una peste, capace di tenere testa al cospetto dei giganti che calcavano asfalto neve e fango sulle strade dell'epoca. E soprattutto una storia da far rivivere. E ci ha pensato il designer Petr Novague presentando la R200 Non-Fiction un prototipo perfettamente funzionante firmato "Hoffmann & Novague" dal nome della Hoffmann Metal coinvolta nel progetto ed esposto al momento al Centro DOX per l'Arte Contemporanea di Praga, giusto in tempo per celebrare i 40 anni della vettura.

I punti di contatto di questa "versione moderna" con il modello del passato sono molti, a partire dai due fari anteriori grossi e tondi che richiamano uno dei tratti distintivi della 130 RS. Come sono tipici anche la presa d'aria triangolare sulla porta e le tre feritoie sulla parte posteriore della fiancata, che all'epoca servivano a far respirare il motore montato al posteriore. Funzione che resta la stessa anche su questa, perché il "pezzo di metallo" che ha fatto da base per il prototipo è stato una Audi R8 prima serie. Paricolare facilmente intuibile da alcuni dettagli come l'andamento del giro porta e la posizione particolare del tappo del serbatoio, posto in alto sul montante sinistro. Il V8 FSI dell'auto sprigiona 420 CV e 430 Nm ed è abbinato a un cambio manuale a 6 marce. L'auto non darà solo mostra di sé al museo, ma entrerà realmente in produzione: da gennaio 2016 ne saranno prodotte 24 con un prezzo che partirà da 255.000 euro.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , auto europee


Top