dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 16 aprile 2015

Peugeot 308 R Hybrid: come? 500 CV?

L’erede della GTi sarà un'ibrida plug-in 4x4 con un 1.6 turbo da 270 CV e due elettrici da 115 CV: 250 km/h e 0-100 in 4 secondi

Peugeot 308 R Hybrid: come? 500 CV?
Galleria fotografica - Peugeot 308 R Hybrid, prime immagini Galleria fotografica - Peugeot 308 R Hybrid, prime immagini
  • Peugeot 308 R Hybrid, prime immagini  - anteprima 1
  • Peugeot 308 R Hybrid, prime immagini  - anteprima 2
  • Peugeot 308 R Hybrid, prime immagini  - anteprima 3
  • Peugeot 308 R Hybrid, prime immagini  - anteprima 4
  • Peugeot 308 R Hybrid, prime immagini  - anteprima 5
  • Peugeot 308 R Hybrid, prime immagini  - anteprima 6

Fa davvero impressione pensare che la versione sportiva di un’auto da famiglia possa avere 500 CV, una potenza da supercar (se non da auto da corsa). E’ il numero che salta subito all’occhio leggendo la scheda tecnica della Peugeot 308 R Hybrid. Dopo aver provato la 308 GT c’eravamo ingolositi a pensare a come sarebbe potuta essere una 308 GTi, ma i “ragazzi” del reparto Peugeot Sport hanno sfruttato alla grande le potenzialità della trazione elettrica per tirar fuori questa ibrida a benzina plug-in: velocità massima autolimitata a 250 km/h, 0-100 km/h in 4 secondi, 0-1000 m con partenza da fermo in 22 secondi, emissioni di CO2 sono di soli 70 g/km. La trazione è integrale, con un motore elettrico anteriore da 85 kW / 115 CV collegato a un cambio manuale a 6 marce, e un altro motore elettrico da 85 kW / 115 CV sulle ruote posteriori. Il motore termico è il 4 cilindri benzina 1.6 litri da 270 CV (potenza specifica più alta del mondo per questa cilindrata) con stop&start, per un rapporto peso/potenza di 3,1 kg/CV. Questo concept portato al Salone di Shanghai è l'anticipazione di quanto si possa spingere all'estremo la tecnologia ibrida, anche su macchine "normali" come la 308.

Il serbatoio è nel bagagliaio

Sulla gestione del peso i progettisti hanno curato in modo particolare la ripartizione delle masse (60% sull’anteriore e 40% sul posteriore) ma anche il posizionamento rispetto al baricentro, per garantire un comportamento dinamico da sportiva. La batteria agli ioni di litio da 3 kWh, quindi, è stata messa sotto i sedili posteriori, al posto del serbatoio della benzina da 50 litri, spostato nel bagagliaio assieme al motore elettrico e a due trasformatori e sagomato sul fondo per essere montato il più vicino possibile agli “elementi tecnici” come cita il comunicato. Un dettaglio, questo, che di nuovo rivela come non si tratti ancora di una versione definitiva, ma di un prototipo in avanzata fase di sviluppo.

Frena senza freni

L’impianto frenante, inoltre, può gestire la rigenerazione di energia a partire dalla velocità massima di 250 km/h, senza problemi per i rotori dei componenti elettrici, sommando - o sostituendosi completamente - nelle decelerazioni ai dischi anteriori ventilati da 380 mm con pinze a quattro pistoncini e dischi posteriori da 290 mm. In questo modo i materiali di attrito durano di più e viene recuperata energia, che in decelerazione viene accumulata anche grazie al funzionamento del motore anteriore come generatore, trascinato dal motore a benzina. E’ infine possibile effettuare una ricarica rapida che in 45 minuti “riempie” completamente la batteria. Per tenere sotto controllo le potenzialità di questo powertrain ibrido, le carreggiate sono state allargate di 8 cm e ci sono pneumatici 235/35 R19.

Ha dei tessuti “digitali“

All’interno della Peugeot 308 R Hybrid la cosa che colpisce di più è la disposizione a quattro sedili singoli, assieme a dettagli come gli elementi in ebanisteria alti, il “cielo” color antracite, i sedili sportivi in pelle fulvo patinato, i contrasti rossi della strumentazione del volante e della consolle centrale. Una novità per la produzione di serie, invece, è il rivestimento della plancia e delle controporte in un tessuto realizzato con tessitura digitale, innovativo perché permette di realizzare forme complesse di grandi dimensioni e di renderli morbidi al tatto, senza ricorrere alle schiume, con vantaggi in termini di leggerezza. Si tratta di un materiale finora utilizzato solo sulle concept-car. Davanti agli occhi del guidatore c’è un head-up display, mentre sulla console centrale due tasti permettono di gestire la meccanica: uno attivando la catena di trazione ibrida, l’altro per selezionare le quattro modalità di guida. Il programma HotLap si hanno a disposizione tutti i 500 CV di potenza e i 730 Nm di coppia massima; in Track i cavalli sono 400 e i Nm 530 e arrivano principalmente dal motore a benzina e dal motore elettrico posteriore, con il motore elettrico anteriore che funziona da boost nelle accelerazioni; in modalità Road ci sono 300 CV e 400 Nm, con il motore elettrico posteriore che aiuta in accelerazione e quello anteriore disattivato; passando alla posizione ZEV è il motore elettrico posteriore che muove la 308 R Hybrid, con l’elettrico anteriore che si attiva o meno in base a come viene usato l’acceleratore.

Verniciata col vetro

A racchiudere questo layout tecnologico c’è una carrozzeria bicolore, con il nero opaco che sta diventando una firma delle delle Peugeot più estreme e un blu molto intenso, perché arricchito con pigmenti fluorescenti e particelle di vetro. E poi c’è un nuovo frontale, ispirato ai prototipi più recenti presentati dal marchio francese agli ultimi Saloni dell’auto: calandra con griglia a rombi, deflettori laterali che integrano gli indicatori di direzione a LED sequenziali, deflettore centrale con logo 308 R Hybrid intagliato. Sopra il portellone posteriore, infine, c’è un sottile spoiler, mentre “sotto” il fascione paracolpi integra due deflettori pensati per smaltire il calore della batteria. Un ultimo tocco: gli elementi bianchi sulle modanature dei deflettori e sulle parti inferiori della carrozzeria sono di un materiale simil-ceramico. Un progetto, insomma, che dimostra come da pianali modulari moderni come la piattaforma EMP2 di PSA Peugeot-Citroen si possono tirar fuori macchine con tanti caratteri diversi, al pari della MQB del gruppo Volkswagen. E continuando il parallelismo fra i due gruppi, anche Peugeot come Audi porta sulle auto di serie l’esperienza accumulata con i prototipi progettati per gare come la 24 Ore di Le Mans, realizzando un travaso di tecnologie dal motorsport che negli ultimi anni è venuto un po’ a mancare.

Scheda Versione

Peugeot 308
Nome
308
Anno
2013
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Peugeot , auto europee , auto ibride


Listino Peugeot 308

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.2 PureTech Turbo 110cv S&S Access anteriore benzina 110 1.2 5 € 18.800

LISTINO

1.6 HDi 92cv FAP® Access anteriore diesel 92 1.6 5 € 19.900

LISTINO

1.2 PureTech Turbo 110cv S&S Active anteriore benzina 110 1.2 5 € 20.500

LISTINO

1.6 BlueHDI 100cv Access anteriore diesel 100 1.6 5 € 20.550

LISTINO

1.2 PureTech Turbo 130cv S&S Active anteriore benzina 130 1.2 5 € 21.300

LISTINO

1.6 HDi 92cv FAP® Active anteriore diesel 92 1.6 5 € 21.600

LISTINO

1.6 BlueHDi 100cv Active anteriore diesel 100 1.6 5 € 22.250

LISTINO

1.6 HDi 92cv FAP® Business anteriore diesel 92 1.6 5 € 22.300

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top