dalla Home

Test

pubblicato il 15 aprile 2015

Audi RS3 Sportback, un “Cinque” imbattibile

Cinque cilindri turbo e trazione integrale quattro: la storia e i numeri di Ingolstadt nella più compatta delle Rennen Sport

Audi RS3 Sportback, un “Cinque” imbattibile
Galleria fotografica - Nuova Audi RS3 SportbackGalleria fotografica - Nuova Audi RS3 Sportback
  • Nuova Audi RS3 Sportback - anteprima 1
  • Nuova Audi RS3 Sportback - anteprima 2
  • Nuova Audi RS3 Sportback - anteprima 3
  • Nuova Audi RS3 Sportback - anteprima 4
  • Nuova Audi RS3 Sportback - anteprima 5
  • Nuova Audi RS3 Sportback - anteprima 6

Batti il 5, se ci riesci. È la sfida che lancia la nuova Audi RS3 alla Mercedes A45 AMG. E lo fa con il suo 5 cilindri, con 500 cc in più e, guarda caso, superandolo in termini di potenza di 5 kW. Dire 270 kW fa forse meno impressione di 367 CV, ma quel che è sicuro è che il 5 cilindri 2,5 litri che è il cuore e la voce della nuova versione estrema della compatta di Ingolstadt deve innanzitutto battere se stesso visto che è dal 2010 al 2014 è stato “Best Engine of the Year” della sua classe, ovvero per 5 anni di fila.

Giocare d'anticipo

Anche questo un caso. Sono tra quelli che pensano che un numero è solo un numero, anche se poi penso che ve ne sono alcuni che passano alla storia. E la storia è fatta anche di parole. Quella più pronunciata ad Ingolstadt è “quattro”, come il reparto che progetta le Audi più estreme, come gli Anelli sulla calandra, come l’auto che negli anni ’80 ha rivoluzionato i rally e l’immagine di un marchio fino ad allora ritenuto marginale. Anche quella aveva un 5 cilindri turbo e 4 ruote motrici, proprio come questa RS3 che mi sembra arrivata troppo presto. Non ricordo male: la “vecchia” ha soli 4 anni perché era un esperimento condotto alla fine del ciclo di vita della scorsa A3. Un esperimento evidentemente positivo.

Chi ben comincia...

Ora si cambia: la nuova A3, con il suo pianale MQB è stata concepita sin dall’inizio per diventare RS3. Poi, visto che l’asticella è stata alzata, ecco che la sfida diventa il sentimento preponderante, con tutta la voglia di piazzarsi tra la succitata stella e il suo formidabile 4 cilindri dei record e la M135i con il suo 6 cilindri 3 litri da 320 CV che, a differenza delle altre due, può avere la trazione posteriore o integrale e non può fregiarsi a tutto tondo del brand sportivo più prestigioso. A unirle c’è la cilindrata specifica: 500 cc per ogni cilindri. E anche qui ritorna il 5, così come il prezzo, che per tutte si aggira intorno ai 50mila euro. Capisco che certi eccessi di tecnicismo e di marketing non interessano troppo il cliente normale, ma il bello di auto come queste è che ti fanno giocare anche con la fantasia, immaginando che vi sia un “car-bala” patrimonio di pochi iniziati del volante.

Scopri il particolare

Non pretendo di essere tra quelli e mi guardo questa RS3 insieme a voi. A colpirmi è la semplicità. Se non fosse per i cerchi da 19 pollici, le pinze rosse che addentano i dischi anteriori a margherita da 370 mm, l’assetto ribassato di 25 mm e i due grossi terminali a sezione ovale, direi che è una normale Sportback, anche perché le prese d’aria anteriori non sono monstre e solo le modanature satinate e la scritta “quattro” accendono la spia della curiosità. Ci sono poche auto fatte bene come le A3 e questa Rennen Sport aggiunge sedili sportivi con Nappa o Alcantara cucita a rombi, qualche logo qua e là, il volante sagomato, il tachimetro da 300 km/h e i LED per il boost per il turbo. Perdiamine però: la sagoma della normale A3 sullo schermo del sistema MMI sembra più una dimenticanza che la sottolineatura di questa normalità.

Eccezionalmente normale

Eppure è proprio la normalità la parola d’ordine della RS3, perché sa trasformare in normali cose francamente eccezionali. Il 5 cilindri tira fuori tutti i suoi 465 Nm tra 1.625 e 5.550 giri/min – ma siamo sicuri che non siano 5.555?! – e questo significa viaggiare su una schiena gigante, modulata da un cambio S tronic a 7 rapporti che segue i polpastrelli di chi guida o i programmi impostabili dell’Audi Drive Select che influenzano anche il resto di meccanica e autotelaio, comprese le sospensioni e il tipico sound “gimme five”, se chiedo gli ammortizzatori magnetoreologici e lo scarico sportivo. Scattare da 0 a 100 km/h in 4,3 secondi? Facile facile con il launch control. E verrebbe voglia di sapere come raggiunge i 280 km/h promessi alzando il limitatore a richiesta. Qui però non sono in Germania e l’unica consolazione è che sto facendo rotta verso Vallelunga. La RS3 va lungo i binari impostati dal mio pensiero, ma è pronta a superarlo quando si accelera. Lo sterzo progressivo arrotonda senza addolcire, le sospensioni sospendono senza spezzare (la schiena), la trazione integrale incolla senza sigillare e capisco che questa è una di quelle auto che può cambiare il rapporto spazio-tempo infondendo grande sicurezza.

La sua pista è la strada

Ma ora arriva il divertimento. Gli esemplari per la pista hanno i sedili a guscio in carbonio, più leggeri di 7 kg, e i dischi freno anteriori carboceramici (5,5 kg per lato in meno), una prima per questo segmento. Due giri di riscaldamento e poi briglie sciolte. Quel sottosterzo che sembrava debellato su strada si riaffaccia nonostante i 55 kg in meno alla bilancia, ma basta indovinare il giusto angolo di sterzo, far correre le ruote e all’uscita si può schiacciare il piede destro uscendo come fionde. Tutto giù dalla prima variante fino al Curvone, idem dalle due dei Cimini fino al tornante Campagnano. Segna 200 km/h un attimo prima della staccata. I freni rispondono alla grande, peccato che il cambio a volte sembra pensare ad altro in scalata. Responso: non trattasi di un’auto da corsa, ma di una regina della strada, capace di viaggiare come un treno deliziando l’udito con una voce inconfondibile inframezzata da qualche scopiettìo e sibili da turbo vecchio stampo.

Sotto i 50mila

A proposito di stampa, sul listino leggo 49.900 euro. Una bella cifra, ma meno dei 52.450 euro della RS3 Sportback precedente e – una volta tanto – meno di quanto chiedano in Germania (52.700 euro). I primi esemplari usciranno dai concessionari a giugno. Io intanto mi tolgo il casco e riprendo la mia strada, la stessa della RS3 Sportback.

Scheda Versione

Audi RS 3 Sportback
Nome
RS 3 Sportback
Anno
2015
Tipo
Premium
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Test , Audi , auto europee


Listino Audi A3

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2.5 TFSI 367cv S tronic quattro 4x4 benzina 367 2.5 5 € 50.650

LISTINO

 

Top