dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 14 aprile 2015

Alfa Romeo vs BMW, tutti i motori della sfida

Benzina e diesel da 180 a 510 CV: la Casa italiana si misura coi tedeschi sul loro terreno preferito

Alfa Romeo vs BMW, tutti i motori della sfida
Galleria fotografica - Alfa Romeo Giulia 2015, l'idea di Thorsten KrischGalleria fotografica - Alfa Romeo Giulia 2015, l'idea di Thorsten Krisch
  • Alfa Romeo Giulia 2015, l\'idea di Thorsten Krisch - anteprima 1
  • Alfa Romeo Giulia 2015, l\'idea di Thorsten Krisch - anteprima 2
  • Alfa Romeo Giulia 2015, l\'idea di Thorsten Krisch - anteprima 3
  • Alfa Romeo Giulia 2015, l\'idea di Thorsten Krisch - anteprima 4
  • Alfa Romeo Giulia 2015, l\'idea di Thorsten Krisch - anteprima 5
  • Alfa Romeo Giulia 2015, l\'idea di Thorsten Krisch - anteprima 6

Le nuove Alfa Romeo, lo ha detto anche Sergio Marchionne, dovranno essere "migliori delle BMW", ma una simile affermazione si scontra con la storica forza del Costruttore tedesco in campo motoristico, settore nel quale la Casa di Monaco continua a fare il bello e il cattivo tempo, ovvero a spaziare con abilità fra diverse cilindrate, frazionamenti e potenze. Se è vero che Marchionne punta con le nuove auto del Biscione a sfidare le vetture bavaresi "scese a livello qualitativo" sia con le finiture che con il design Made in Italy è anche vero che i propulsori giocano un ruolo importante nel segmento delle berline compatte e medie premium, oltre che dei SUV. Anche il recente annuncio dei nuovi motori a benzina che verranno prodotti nello stabilimento molisano di Termoli impone un rapido confronto fra ciò che offrirà l'Alfa Giulia e quello che già offre BMW su Serie 3 e Serie 4 Gran Coupé, un parallelo motoristico per ora basato solo su dati parziali, ma comunque interessante per le prospettive di mercato della tanto attesa "Giulia", o qualunque sarà il nome della berlina di segmento D a trazione posteriore.

Alfa Romeo vince coi benzina, almeno sulla carta

Il piano industriale FCA svelato quasi un anno fa dava già buone indicazioni sui motori che saranno ospitati sotto i cofano delle nuove Alfa Romeo a partire proprio dalla Giulia o "Progetto 952" che sarà svelata il 24 giugno 2015. Il propulsore più importante a livello globale della nuova berlina italiana sarà infatti il quattro cilindri benzina di 2 litri con livelli di potenza compresi fra i 180 e 330 CV, un'unità simile al 2.0 TwinPower Turbo che equipaggia le BMW 320i e 328i da 184 e 245 CV. In questo primo round - teorico e in prospettiva - vince Alfa Romeo che raggiunge un picco di potenza di 330 CV che BMW non tocca neppure con il 6 cilindri in linea di 3 litri della 335i (306 CV). Ancora più entusiasmanti sono i dati annunciati sulla carta per il nuovo 3.0 V6 biturbo di Alfa Romeo, propulsore di derivazione Ferrari che già equipaggia la Maserati Ghibli da 410 CV, ma che verrà ulteriormente "pompato" sulla Giulia GTA (o Quadrifoglio) per andare da un minimo di 400 a un massimo di 510 CV; a questi livelli BMW mette in campo solo il 3.0 biturbo da 431 CV della M3, per cui la seconda ripresa nella sfida delle potenze va ancora una volta ad Alfa Romeo.

Alfa-BMW, quasi parità sui diesel

La partita di ritorno i due Costruttori lo giocano sul campo "infuocato" dei motori diesel, quello che in Europa rappresenta ancora il 40,9 % del mercato totale e in Italia arriva al 55,2% dell'immatricolato 2014. Su questo fronte l'Alfa Romeo si prepara a mettere sul mercato un inedito 2.2 turbodiesel a quattro cilindri con potenze comprese fra i 110 e i 210 CV, concorrente diretto dei diffusissimi 2 litri BMW a gasolio (N47 e B47) che vanno dai 116 CV della 316d ai 218 CV della 325d. In questo caso si può decretare una sostanziale parità nella sfida Italia-Germania. La gara verso le massime potenze continua poi con i diesel a 6 cilindri, a V per Alfa Romeo e in linea per BMW. La marca italiana ha già in programma un'evoluzione del suo 3.0 V6 turbodiesel di origini VM già visto su Jeep Grand Cherokee, Lancia Thema e Maserati Ghibli e Quattroporte, con potenze comprese fra 275 e 340 CV. Anche in questo caso BMW ha materiale per rispondere colpo su colpo all'avversaria Made in Italy, proponendo le varie sfumature del suo turbodiesel 3.0 in linea che equipaggia la 330d da 258 CV e la 335d da 313 CV, ma che su altri modelli arriva a 381 CV in versione triturbo. A voler essere imparziali troviamo anche qui un equilibrio nella sfida a gasolio, con un certo vantaggio per i tedeschi in termini di esperienza sul mercato dei super-diesel.

Galleria fotografica - BMW 4 Serie Gran Coupe M SportGalleria fotografica - BMW 4 Serie Gran Coupe M Sport
  • BMW 4 Serie Gran Coupe M Sport - anteprima 1
  • BMW 4 Serie Gran Coupe M Sport - anteprima 2
  • BMW 4 Serie Gran Coupe M Sport - anteprima 3
  • BMW 4 Serie Gran Coupe M Sport - anteprima 4
  • BMW 4 Serie Gran Coupe M Sport - anteprima 5
  • BMW 4 Serie Gran Coupe M Sport - anteprima 6
Galleria fotografica - Alfa Romeo Giulia - Primo renderingGalleria fotografica - Alfa Romeo Giulia - Primo rendering
  • Alfa Romeo Giulia - Primo rendering - anteprima 1
  • Alfa Romeo Giulia - Primo rendering - anteprima 2
  • Alfa Romeo Giulia - Primo rendering - anteprima 3
  • Alfa Romeo Giulia - Primo rendering - anteprima 4
  • Alfa Romeo Giulia - Primo rendering - anteprima 5
  • Alfa Romeo Giulia - Primo rendering - anteprima 6
Galleria fotografica - Nuova BMW Serie 3Galleria fotografica - Nuova BMW Serie 3
  • Nuova BMW Serie 3 - anteprima 1
  • Nuova BMW Serie 3 - anteprima 2
  • Nuova BMW Serie 3 - anteprima 3
  • Nuova BMW Serie 3 - anteprima 4
  • Nuova BMW Serie 3 - anteprima 5
  • Nuova BMW Serie 3 - anteprima 6

Autore:

Tag: Anticipazioni , Alfa Romeo , auto europee , auto italiane , nuovi motori


Top