dalla Home

Curiosità

pubblicato il 10 aprile 2015

Cloni cinesi: ora tocca a BMW i3, smart e Maggiolino

Le imitazioni orientali di auto europee non hanno sosta, anche sotto forma di microcar elettriche

Cloni cinesi: ora tocca a BMW i3, smart e Maggiolino
Galleria fotografica - Cloni cinesi: BMW i3, smart, Maggiolino e altriGalleria fotografica - Cloni cinesi: BMW i3, smart, Maggiolino e altri
  • Cloni cinesi: BMW i3, smart, Maggiolino e altri - anteprima 1
  • Cloni cinesi: BMW i3, smart, Maggiolino e altri - anteprima 2
  • Cloni cinesi: BMW i3, smart, Maggiolino e altri - anteprima 3
  • Cloni cinesi: BMW i3, smart, Maggiolino e altri - anteprima 4
  • Cloni cinesi: BMW i3, smart, Maggiolino e altri - anteprima 5
  • Cloni cinesi: BMW i3, smart, Maggiolino e altri - anteprima 6

Continua senza sosta la piaga dei cloni cinesi di famose automobili europee, vittime di un'opera di sommaria imitazione che sembra piacere sempre a meno persone e dubitiamo possa attirare anche il pubblico cinese che ormai preferisce i marchi originali del Vecchio Continente. Dopo aver visto la Great Wall Peri che imitava la Fiat Panda e la Landwind X7 quasi uguale alla Range Rover Evoque ci tocca ora "assaporare" al Salone dell'auto elettrica di Shandong la riproduzione in chiave ridotta della BMW i3, una sorta di caricatura mal riuscita che si chiama Jinma JMW2200; in realtà è solo una micro car elettrica "a bassa velocità" che dalla tedesca eredita la forma del frontale e dei fari posteriori annegati nel portellone. Lunga 3 metri, larga 1,4 e alta 1,5 metri la JMW2200 è simile ad alcune minicar senza patente nostrane, ma con motore elettrico da 3 kW (4 CV), cinque porte, 50 km/h di velocità, 120 km di autonomia e un prezzo di 24.998 yuan, meno di 3.800 euro al cambio odierno.

Durante lo stesso EV Expo cinese seguito da CarNewsChina si sono viste anche altre auto a batteria LSEV (low-speed electric vehicle) che sanno di déjà-vu, un fenomeno paragonabile a quello tutto europeo delle microcar senza patente che si "ispirano" in maniera spudorata alle auto di maggiore successo. Solo per fare alcuni esempi di brutte copie con mascherine anteriori simili ad altre vetture troviamo la Dexing Jinniu che ricorda la MINI, la Jiayuan Lingzu che ha cinque feritoie verticali simili alle sette di Jeep Renegade, la Xuanyu Xuanlai con una calandra "Ford style" e il quasi imbarazzante prototipo Vidoev che oltre a mescolare lo stile del vecchio Volkswagen New Beetle con il nuovo Maggiolino utilizza un logo simil-Nissan e aggiunge due porte posteriori. Al Salone di Shanghai in programma dal 22 al 29 aprile 2015, edizione già famosa per il divieto alle modelle seminude e ai bambini, si prepara anche un'altra curiosa novità dal sapore clonato che si chiama Zotye E01. Questa citycar elettrica che di fianco è ispirata alla smart fortwo si lancia anche nell'imitazione della BMW i3 per la forma del paraurti anteriore, della Range Rover Evoque nella sagoma dei fari e della Tesla Model S per l'enorme touchscreen verticale integrato nella plancia.

Autore:

Tag: Curiosità , auto europee , auto cinesi , shanghai


Top