dalla Home

Curiosità

pubblicato il 8 aprile 2015

Auto elettrica, il sogno della ricarica in 1 minuto

Nasce in California la batteria agli ioni di alluminio, più sicura, affidabile e ultraveloce

Auto elettrica, il sogno della ricarica in 1 minuto
Galleria fotografica - Renault ZOEGalleria fotografica - Renault ZOE
  • Renault ZOE - anteprima 1
  • Renault ZOE - anteprima 2
  • Renault ZOE - anteprima 3
  • Renault ZOE - anteprima 4
  • Renault ZOE - anteprima 5
  • Renault ZOE - anteprima 6

Quanti di voi hanno sognato di poter ricaricare il proprio smartphone in un solo minuto? Oggi è possibile, almeno nei laboratori della Stanford University dove un gruppo di ricercatori guidati dal professore di chimica Hongjie Dai ha sperimentato con successo la ricarica rapida di un'innovativa batteria agli ioni di alluminio che in linea teorica potrebbe trovare applicazione anche nelle auto elettriche. La nuova tecnologia di accumulatori agli ioni di alluminio messa a punto dagli scienziati americani supera di gran lunga le prestazioni delle batterie alcaline e di quelle agli ioni di litio sia in fatto di tempi di ricarica che di cicli di funzionamento, fino al limite di 7.500 contro i quasi 1.000 delle pile Li-Ion.

Ricarica ultraveloce per le auto elettriche

Il limite tecnico è il voltaggio (nei laboratori di Stanfdord sono arrivati al massimo a 2 Volt), ma se i ricercatori troveranno il modo per superarlo, si può facilmente immaginare come le batterie agli ioni di alluminio potrebbero rivoluzionare il mercato dell'elettronica di consumo - smartphone e tablet in testa - ma in prospettiva anche quello dell'automobile elettrica che da più di un secolo cerca un modo rapido e sicuro per fare il pieno. Anche perchè un grande vantaggio offerto dagli accumulatori a ioni di alluminio, oltre ai tempi di ricarica estremamente ridotti, è quello di una maggiore durata e di una resistenza all'esplosione e all'autocombustione, anche quando guaste o forate.

Non più ore, ma minuti

La prospettiva è potenzialmente rivoluzionaria perchè una tecnologia del genere potrebbe bypassare concretamente il più grande limite alla diffusione delle auto elettriche: l'autonomia limitata. I proprietari di Nissan Leaf, Renault Zoe o Tesla Model S che oggi sono costretti a rimanere collegati alla presa di corrente anche 4-5 ore per avere un'autonomia sufficiente, potranno un giorno - non sappiamo quanto lontano - fermarsi al distributore per fare il pieno alle batterie "Al-Ion" in pochi minuti, esattamente come avviene con le auto a benzina o diesel. E volgendo lo sguardo verso un futuro ancora più lontano si può pensare ad una rete elettrica più efficiente dove le case accumulano energia dal sole e dal vento per immagazzinarla in compatte batterie agli ioni di alluminio pronte ad alimentare la rete domestica e a ricaricare le EV ospitate in garage.

Galleria fotografica - Nissan Leaf MY 2013Galleria fotografica - Nissan Leaf MY 2013
  • Nissan Leaf MY 2013 - anteprima 1
  • Nissan Leaf MY 2013 - anteprima 2
  • Nissan Leaf MY 2013 - anteprima 3
  • Nissan Leaf MY 2013 - anteprima 4
  • Nissan Leaf MY 2013 - anteprima 5
  • Nissan Leaf MY 2013 - anteprima 6
Galleria fotografica - Tesla Model S AlphaGalleria fotografica - Tesla Model S Alpha
  • Tesla Model S Alpha - anteprima 1
  • Tesla Model S Alpha - anteprima 2
  • Tesla Model S Alpha - anteprima 3
  • Tesla Model S Alpha - anteprima 4
  • Tesla Model S Alpha - anteprima 5
  • Tesla Model S Alpha - anteprima 6

Autore:

Tag: Curiosità , auto elettrica , dall'estero


Top