dalla Home

Live

pubblicato il 3 aprile 2015

Dossier Salone di New York 2015

Salone di New York: Kia Optima, aspettando la Sportwagon

La terza generazione della media coreana arriverà in Italia in versione giardinetta

Salone di New York: Kia Optima, aspettando la Sportwagon
Galleria fotografica - Kia Optima al Salone di New York 2015Galleria fotografica - Kia Optima al Salone di New York 2015
  • Kia Optima al Salone di New York 2015 - anteprima 1
  • Kia Optima al Salone di New York 2015 - anteprima 2
  • Kia Optima al Salone di New York 2015 - anteprima 3
  • Kia Optima al Salone di New York 2015 - anteprima 4
  • Kia Optima al Salone di New York 2015 - anteprima 5
  • Kia Optima al Salone di New York 2015 - anteprima 6

La Kia Optima di terza generazione arriva prima di quanto tutti ci aspettassimo, me compreso. Il concept Sportspace, che l’aveva annunciata a Ginevra, diventa dunque prodotto di serie, anche se si tratta della berlina 4 porte. In attesa della Sportwagon – che sicuramente ci sarà e sarà disponibile anche in Italia – posso dire che mi aspettavo qualcosa di più incisivo e sportiveggiante, soprattutto in coda, dove la nuova Optima davvero non dice nulla di nuovo. Davanti invece vedo chiaramente il tiger nose più ampio, di fianco lo sforzo di offrire superfici lisce, che rassicurino e non stanchino nel tempo. L’unico elemento di interesse lo trovo nel montante posteriore dove la chiusura della linea inferiore della finestratura corrisponde alla linea superiore del lunotto, due elementi interrotti da una modanatura che percorre per intero l’arco del tetto descrivendo un lieve accenno di pinne.

Una chiara finezza aerodinamica che si trasforma in stile denotando ancora una volta la cura che i coreani mettono nelle loro auto, abitacolo compreso. Anche qui nessun volo pindarico: forme classiche, materiali morbidi, tinte austere ed ergonomia ineccepibile. Il tetto apribile panoramico ha persino rinforzi in fibra di carbonio, anche se la specialità di casa è l’acciaio che Hyundai Motor Corporation produce da sola. A questo proposito, l'auto ha più che raddoppiato la percentuale di quelli ad alta resistenza, più che triplicato quelli stampati a caldo e quasi quintuplicato l’uso di adesivo strutturale per le le giunzioni. Ora aspetto di vedere la Sportwagon, che dovrà confrontarsi prima di tutto con la cugina i40, ma soprattutto con le varie Passat, Mondeo e Insignia. Curioso che anche per gli USA sarà disponibile il nuovo 1,6 litri turbo con il cambio DCT a 7 rapporti. Da noi ci saranno anche i diesel e anche le ibride.

Autore:

Tag: Live , Kia , auto coreane , new york


Top