dalla Home

Curiosità

pubblicato il 29 marzo 2015

Ora legale, perchè in macchina è così “complicata”?

Sulle auto moderne l’automatismo è una rarità alla faccia della tecnologia e del prezzo

Ora legale, perchè in macchina è così “complicata”?

Questa domanda me la pongo due volte l’anno. Come automobilista. Arriverà mai il giorno in cui tutte le auto saranno capaci di aggiornare automaticamente l’orologio di bordo con l’ora legale (o solare)? Parliamo ovviamente di una piccolezza, ma la questione è indicativa di quanto sia facile perdere di vista le cose più semplici quando ci concentra (troppo?) su quelle complicate. Mi spiego: oggi possiamo salire su auto che guidano quasi da sole, che riconoscono i segnali stradali, che ti correggono la traiettoria, che ti ascoltano e a volte ti rispondono pure, grazie ad impianti di infotelematica sofisticatissimi e iper connessi, ma… non sono ancora in grado di spostare autonomamente le lancetta sull’ora legale/solare.

La nostra Redazione non ha mai realizzato uno studio di quanti e quali modelli dispongono di questa “sofisticazione”, ma vi posso condividere una piccola statistica: su 6 auto presenti oggi nel garage di OmniAuto.it, 1 sola ha dato segni di “intelligenza oraria”. Passi sulle utilitarie, ma su 3 autovetture di nuova concezione da oltre 40 mila euro di valore, questa mancanza è a mio modo di vedere imbarazzante. Anche perchè con i sistemi di connettività presenti a bordo (GPS, Radio magari DAB, bluetooth con lo smartphone ecc) non ci vorrebbe molto ad escogitare un meccanismo di allineamento automatico. E comunque se ci riesce un telefonino da 100 euro, ci deve riuscire anche un’oggetto che vale 400 volte tanto. E’ una questione di principio e di "credibilità tecnologica" di chi progetta automobili da 100 anni, a maggior ragione se ci si vuole preparare alla concorrenza di una Apple Car o di una Google Car...

Autore:

Tag: Curiosità


Top