dalla Home

Attualità

pubblicato il 25 marzo 2015

Jeremy Clarkson, Top Gear lo ha licenziato davvero

E' finita: per il direttore della BBC è stata superata una linea invalicabile

Jeremy Clarkson, Top Gear lo ha licenziato davvero
Galleria fotografica - Jeremy Clarkson a Top GearGalleria fotografica - Jeremy Clarkson a Top Gear
  • Jeremy Clarkson a Top Gear - anteprima 1
  • Jeremy Clarkson a Top Gear - anteprima 2
  • Jeremy Clarkson a Top Gear - anteprima 3
  • Jeremy Clarkson a Top Gear - anteprima 4
  • Jeremy Clarkson a Top Gear - anteprima 5
  • Jeremy Clarkson a Top Gear - anteprima 6

Top Gear dice addio a Jeremy Clarkson. Il direttore generale della BBC Lord Hall lo ha appena confermato ammettendo che "non è stata una decisione presa con leggerezza" e che quanto deciso sicuramente dividerà, farà discutere. Tuttavia, la "linea che è stata superata" non poteva giustificare quanto accaduto. Hall ha anche aggiunto di aver incontrato sia Clarkson che la vittima dell'aggressione - il produttore Oisin Tymon - e di aver comunicato con dispiacere la decisione della BBC a Jeremy, a cui non verrà rinnovato il ricco contratto che lo legava ormai da anni con la televisione inglese. Anche se la BBC "è come una grande chiesa", ha continuato il dirigente, "la presenza di 'voci' diverse all'interno dell'azienda, la libertà di espressione, non sono accettabili ad ogni costo". La decisione presa non cancella lo "straordinario contributo che Jeremy Clarkson ha avuto nella storia di Top Gear. È un talento immenso e sono sicuro che continuerà a far bene nel suo ruolo di intrattenitore, provocando e sbalordendo il pubblico per tanti anni ancora". Hall ha anche precisato che la BBC già pensa a come rinnovare Top Gear per la stagione 2016, oltre che a trovare un modo per concludere le ultime puntate della serie attuale. Né Jeremy Clarkson né Oisin Tymon si sono ancora espressi in merito al licenziamento, mentre James May ha definito la notizia una "tragedia".

Considerando la popolarità globale di Clarkson, la BBC ha deciso di pubblicare il report dell'indagine interna sull'aggressione verbale e fisica nei confronti di Tymon avvenuta il 4 marzo, nell'intento di rendere più chiare le motivazioni della decisione di licenziare Clarkson. La vicenda dunque si è svolta nel Surrey, in una terrazza e all'interno del Simonstone Hall Hotel dove la troupe di Top Gear si trovava per le riprese da girare nel North Yorkshire. La colluttazione è durata 30 secondi, prima che un testimone dividesse i due. Si sa anche che Oisin Tymon non ha né provocato prima né reagito dopo, mentre gli insulti di Clarkson (anche nei confronti di altri membri della produzione) ci sono stati sia prima che dopo il "fatidico pugno" e per le urla la scena non è passata inosservata dagli altri ospiti dell'hotel. Oisin Tymon è stato portato al pronto soccorso per accertamenti e si parla anche di uno shock psicologico che lo ha portato a pensare di aver perso il posto di lavoro, considerando l'influenza e la popolarità di Jeremy. Dopo l'accaduto, Clarkson ha cercato più volte di scusarsi con Tymon con delle email, via sms e di persona e ha segnalato lui stesso l'accaduto alla BBC.

Ecco gli articoli che ripercorrono tutti gli sviluppi di questa vicenda:
- Jeremy Clarkson, le 10 cose "da sapere" su di lui
- Jeremy Clarkson, ecco perché ha dato quel pugno
- Jeremy Clarkson, è braccio di ferro con la BBC
- Jeremy Clarkson lascia Top Gear? La rete si scatena
- Jeremy Clarkson picchia un produttore di Top Gear: chi al suo posto?

Autore:

Tag: Attualità , top gear


Top