dalla Home

Attualità

pubblicato il 18 marzo 2015

Dossier Nuovo Codice della strada

Lupi, le vicende in sospeso con gli automobilisti

Tutti parlano di dimissioni, intanto vediamo la sua agenda per i prossimi mesi

Lupi, le vicende in sospeso con gli automobilisti

Maurizio Lupi è su tutti i giornali. Il nome del ministro delle infrastrutture e dei trasporti è al centro della bufera sulle Grandi Opere che vede coinvolto il superdirigente del ministero Ercole Incalza, che è stato arrestato insieme al suo collaboratore e ad altre due persone con l’accusa di corruzione, induzione indebita, turbata libertà delle gare pubbliche e altri delitti contro la pubblica amministrazione. In molti hanno chiesto a Lupi di dimettersi da una poltrona che è cruciale per gli italiani e nello specifico per gli automobilisti. Il ministro ha ribadito oggi che rimarrà in carica e, a prescindere che sia Lupi o qualcun altro il ministro dei trasporti, riepiloghiamo quali sono gli impegni in agenda per i prossimi mesi che ci toccano da vicino e che, per ragioni cronologiche, elenchiamo seguendo le stagioni:

Primavera - Certificato di proprietà dell'auto e libretto di circolazione

Chi ricorda il documento unico? Di recente se n’è parlato tanto. E’ un’idea di Lupi: il certificato di proprietà dell'auto si unisce al libretto di circolazione per evitare che l’automobilista paghi due volte. La vicenda però è tutt’altro che chiusa. Sulla famosa Circolare del Ministero dei Trasporti del 10 luglio 2014 che obbligava a trascrivere sulla carta di circolazione chi aveva in uso una macchina per più di 30 giorni c’è stata tanta confusione. Inoltre, il Tar ha bloccato la parte che riguarda le attività di locazione veicoli senza conducente, ossia il noleggio, e l’udienza di merito è stata fissata per il 28 maggio 2015. A prescindere dal contenuto dell’udienza, è una vicenda che il ministro

Estate - Uber e le licenze taxi

Il ministro Lupi è intervenuto in prima persona nell’animata vicenda tra tassisti ed Uber incontrando le parti. La società californiana opera in Italia a Milano, Roma, Torino e Genova e ci sono degli aspetti normativi ancora da definire che non fanno dormire sonni tranquilli ai tassisti, ma neanche a chi si trasforma in autista con Uberpop. Come ricorderete, Lupi ha dichiarato quest’app “fuorilegge” invitando i vigili a multare chi la usa per esercizio abusivo della professione. A Genova ci sono stati diversi casi di recente (6 patenti sospese e 6 auto sequestrate), tuttavia la questione rimane aperta e finché non ci sarà una legge ad hoc continueranno ad esserci simili problematiche. Il 18 giugno scorso è stato istituito un tavolo tecnico presso il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di cui fanno parte, oltre ai funzionari del ministero, i sindaci e i prefetti di Roma e Milano, e i presidenti delle Regioni Lazio e Lombardia. Un punto per fare chiarezza sulle licenze nell’era degli smartphone (un problema che non riguarda solo il nostro paese) potrebbe essere messo a breve.

Autunno - Strisce blu ed autovelox finti

Un altro capitolo spinoso riguarda le strisce blu e gli autovelox finti. Il ministro Lupi, più di ogni altro suo predecessore, si è opposto alla contravvenzione che i comuni impartiscono a chi chi sfora sulle strisce blu rispetto a quanto pagato con il “Gratta e sosta” o il parchimetro. Secondo il ministro si dovrebbe pagare solo la differenza e non una multa, la questione però è rimasta aperta così come è senza conclusione definitiva l’altro braccio di ferro tra il ministero e gli enti locali: quello sugli autovelox finti. Per Lupi sono illeggittimi, per i Comuni uno strumento utile… come finirà? Per il momento non ci sono novità, ma una svolta potrebbe esserci nei prossimi mesi.

Inverno - Autostrade, nuovi rincari e sconti per i pendolari?

I pedaggi autostradali sono aumentati anche quest’anno, stavolta dell’1,32%. Il 2015 però è anche l’ultimo anno in cui i pendolari possono chiedere il bonus di sconto ideato dal ministro Lupi, che deve quindi decidere se rinnovare questo provvedimento (di cui si attende un bilancio ufficiale) oppure no. La decisione è rimandata dopo l’estate sul finire dell’anno.

Una nota importante riguardo a tutto il 2015 riguarda infine la riforma del Codice della Strada. Lupi ci sta lavorando con il suo ministero da diverso tempo e questo dovrebbe essere l'anno dell'attualizzazione.

Autore:

Tag: Attualità , codice della strada


Top