dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 17 marzo 2015

Syrma, supercar italiana da 900 CV

Progettata dagli studenti dello IED Torino è un'ibrida "supersicura"

Syrma, supercar italiana da 900 CV
Galleria fotografica - Syrma, il prototipo dello IED di TorinoGalleria fotografica - Syrma, il prototipo dello IED di Torino
  • Syrma, il prototipo dello IED di Torino - anteprima 1
  • Syrma, il prototipo dello IED di Torino - anteprima 2
  • Syrma, il prototipo dello IED di Torino - anteprima 3
  • Syrma, il prototipo dello IED di Torino - anteprima 4
  • Syrma, il prototipo dello IED di Torino - anteprima 5
  • Syrma, il prototipo dello IED di Torino - anteprima 6

Ogni anno lo IED, Istituto Europeo di Design di Torino, mostra in pubblico i risultati del Master in Transportation Design, con la realizzazione di un modello in scala 1:1. L'undicesimo modello della serie, esposto in prima assoluta a Ginevra, si chiama Syrma ed è un esempio di come potrebbe essere una hypercar italiana del futuro: velocissima, ecologica e, soprattutto, con idee originali in merito alla sicurezza attiva e passiva. Lo si capisce anche solo notando l'ampia visibilità garantita dalla "cupola" anteriore vetrata, con tre posti a sedere di cui quello del guidatore in posizione avanzata al centro: non a caso, il nome Syrma si riferisce ad una stella visibile da tutte le regioni abitate nella terra. a particolare architettura prevede dimensioni da auto medio-grande, con lunghezza di 4.730 mm, larghezza di 1.980 mm, altezza di 1.155 mm e passo di 2.790 mm; questo consente anche di collocare posteriormente un sistema ibrido composto da un V6 biturbo a benzina di circa 4 litri e un motore elettrico, con trazione posteriore e circa 900 CV di potenza complessiva: è una sportiva, ma può anche viaggiare per alcuni chilometri in modalità zero emissioni.

E poi ci sono alcune tecnologie inedite, inventate dagli studenti: tra queste, la proiezione di messaggi e immagini laser nella strada, sia per avvisare l'arrivo dell'auto quando è in funzione il solo motore elettrico, sia per evidenziare sconnessioni o buche del manto stradale. Il modello, realizzato fisicamente alla Model Master di Moncalieri, è stato seguito in tutte le fasi di progettazione dagli studenti del Master terminato nel 2014; l'idea iniziale, vincitrice del consueto concorso esterno, è stata dello studente cinese Xingwu Li, mentre il coordinamento è stato affidato ai docenti IED Luca Borgogno (Pininfarina), Fulvio Fantolino (F&F Design Studio) e con la collaborazione di Luca Dazzan, Alberto Filosi, Rustom Mazda e Adriano Piovano.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Prototipi e Concept , auto italiane , auto ibride


Top