dalla Home

Mercato

pubblicato il 12 marzo 2015

Volkswagen Group: le novità 2015 e i tagli ai modelli di nicchia

Prima vittima la Polo 3 porte. L'obiettivo è alzare un po' i volumi e molto i margini di guadagno

Volkswagen Group: le novità 2015 e i tagli ai modelli di nicchia
Galleria fotografica - Volkswagen Group, presentazione bilancio 2014Galleria fotografica - Volkswagen Group, presentazione bilancio 2014
  • Volkswagen Group, presentazione bilancio 2014 - anteprima 1
  • Volkswagen Group, presentazione bilancio 2014 - anteprima 2
  • Volkswagen Group, presentazione bilancio 2014 - anteprima 3
  • Volkswagen Group, presentazione bilancio 2014 - anteprima 4
  • Volkswagen Group, presentazione bilancio 2014 - anteprima 5
  • Volkswagen Group, presentazione bilancio 2014 - anteprima 6

Se non fosse una sorta di legge di sopravvivenza dell'economia, quella della "condanna" alla crescita continua, verrebbe da dire che in Volkswagen non sono mai contenti. Si erano prefissati di superare quota 10 milioni di veicoli venduti nel 2014 e ce l'hanno fatta: 10,1. Per la prima volta nella storia hanno superato quota 200 miliardi di fatturato in un anno: 202,5; ancora, il margine operativo del Gruppo intero è aumentato di un miliardo, rispetto al 2013, a quota 12,7. Ma non basta. Si deve continuare a crescere. Migliorare. Non per forza in grandezza, però: in "furbizia", per esempio. Tradotto: rendere più efficiente la produzione, tagliando prima di tutto i modelli di nicchia, quelli che non raggiungono il 5% di volume della propria gamma.

Crescita "sostenibile": addio Polo a 3 porte (tanto per cominciare...)

Prima "vittima": la Polo a 3 porte. Ma non è l'unica, dal momento che è previsto il taglio anche di tutte quelle combinazioni modello/motorizzazione o modello/allestimento che non raggiungano la soglia critica di cui sopra. Ancora, per migliorare non si può non ottimizzare lo sfruttamento degli impianti produttivi: l'assemblaggio della Tiguan, per esempio, verrà spostato in Messico, mentre una più completa offerta di personalizzazioni - su cui i guadagni sono molto alti - sarà resa disponibile su tutti i mercati. In sostanza, dopo anni spesi a fare... La "spesa" di marchi in tutto il mondo, il Gruppo Volkswagen è ora intenzionato a ottimizzare il proprio business. Una strategia già annunciata l'anno scorso dal numero uno Martin Winterkorn, ma all'interno della quale sono stati trovati ulteriori margini di miglioramenti, che innalzano i risparmi dai 5 miliardi inizialmente previsti a 7,5, di cui 1 già nel 2015. Detto questo, un piccolo upgrade nei volumi è comunque nei programmi, anche se la volatilità dei mercati rende difficile quantificarlo.

50 lanci di prodotto nel 2015

A proposito di 2015, di crescita e di prodotti, quest'anno il calendario del Gruppo VW è particolarmente fitto. Dopo un inizio promettente, con 1,5 milioni di veicoli venduti nei primi due mesi (+1,6% rispetto allo scorso anno), sono in programma i lanci di ben 50 modelli, fra novità assolute e aggiornamenti. Tra questi: Audi Q7, Audi A4, VW Touran, Porsche 911 e Boxster Spyder, Skoda Superb e Seat Ibiza.

Per approfondire il capitolo Audi Group vi suggeriamo di leggere l'articolo di approfondimento sul bilancio 2014 e gli obiettivi 2015.

Galleria fotografica - Nuova Volkswagen Polo tre porteGalleria fotografica - Nuova Volkswagen Polo tre porte
  • Nuova Volkswagen Polo tre porte - anteprima 1
  • Nuova Volkswagen Polo tre porte - anteprima 2
  • Nuova Volkswagen Polo tre porte - anteprima 3
  • Nuova Volkswagen Polo tre porte - anteprima 4
  • Nuova Volkswagen Polo tre porte - anteprima 5
  • Nuova Volkswagen Polo tre porte - anteprima 6

Autore: Adriano Tosi

Tag: Mercato , Volkswagen , immatricolazioni


Top