dalla Home

Live

pubblicato il 10 marzo 2015

Salone di Ginevra: Jaguar ingegnose, oltre che belle

Nessuna modifica alla sportività e alla "pulizia" di F-Type e XE, spazio allora al debutto dei nuovi motori Ingenium

Salone di Ginevra: Jaguar ingegnose, oltre che belle
Galleria fotografica - Jaguar al Salone di Ginevra 2015Galleria fotografica - Jaguar al Salone di Ginevra 2015
  • Jaguar al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 1
  • Jaguar al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 2
  • Jaguar al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 3
  • Jaguar al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 4
  • Jaguar al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 5
  • Jaguar al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 6

Più bella di così, forse, la Jaguar F-Type non poteva venire al suo designer Ian McCallum. E infatti al Salone di Ginevra “non era il caso” di presentare restyling o face lift di alcun genere per la sportiva inglese. Ma un model year, sì. Per chi non avesse ancora visto da vicino la F-Type MY16, quindi, una visita allo stand del Giaguaro è quasi obbligata, se non altro per sedersi al posto guida e provare a fare qualche cambiata con il nuovo cambio manuale, disponibile sulle V6 a trazione posteriore. O per vedere l’altra versione inedita, quella con trazione integrale AWD delle versioni S ed R che arrivano fino a 550 CV di potenza. Ai più attenti e appassionati, comunque, non sfuggiranno i dettagli esterni ed interni cambiati sulla F-Type: il rigonfiamento al centro del cofano motore e le prese d’aria spostate in avanti e maggiormente distanziate.

Sotto il cofano invece dell’altro modello portato a Ginevra, la Jaguar XE, ad interessare è la nuova famiglia di motori diesel Ingenium, che debuttano anche sulla Range Rover Evoque restyling esposta a pochi metri dalle Jaguar. Si tratta di propulsori moderni, completamente nuovi, con monoblocchi in alluminio che fissano la cilindrata unitaria al valore di 500 cc, condividendo corsa, alesaggio e spaziatura fra cilindri in previsione dell’introduzione in futuro di nuove cilindrate e frazionamenti. Per ora il protagonista è il 4 cilindri 2.0, ovviamente a iniezione diretta common rail ad alta pressione, con valvole a fasatura variabile, cuscinetti a rulli sugli alberi a camme con contralberi, pompe dell'olio e dell'acqua a portata variabile controllate da computer, alberi motore disassati, ugelli di raffreddamento dei pistoni a controllo elettronico e tecnologia stop/start. Nella variante con 163 CV e 380 Nm il consumo medio dichiarato è di 3,8 l/100 km, per emissioni 99 g/km di CO2.

Autore: Redazione

Tag: Live , Jaguar , ginevra


Top