dalla Home

Live

pubblicato il 10 marzo 2015

Salone di Ginevra: Bosch, il futuro sorride al motore a benzina

Norme antinquinamento sempre più severe e sviluppo tecnologico lo favoriranno sempre di più

Salone di Ginevra: Bosch, il futuro sorride al motore a benzina
Galleria fotografica - Salone di Ginevra: viaggio con Bosch, Alcantara e Alfa RomeoGalleria fotografica - Salone di Ginevra: viaggio con Bosch, Alcantara e Alfa Romeo
  • Salone di Ginevra: viaggio con Bosch, Alcantara e Alfa Romeo - anteprima 1
  • Salone di Ginevra: viaggio con Bosch, Alcantara e Alfa Romeo - anteprima 2
  • Salone di Ginevra: viaggio con Bosch, Alcantara e Alfa Romeo - anteprima 3
  • Salone di Ginevra: viaggio con Bosch, Alcantara e Alfa Romeo - anteprima 4
  • Salone di Ginevra: viaggio con Bosch, Alcantara e Alfa Romeo - anteprima 5
  • Salone di Ginevra: viaggio con Bosch, Alcantara e Alfa Romeo - anteprima 6

Il “mio” Salone di Ginevra è partito da Milano: 350 km suddivisi fra autostrada (la maggior parte del percorso), strade extraurbane prima e dopo il Traforo del Monte Bianco e città. Un viaggio interessante non tanto dal punto di vista paesaggistico, né da quello automobilistico: l'Alfa Romeo Giulietta Sprint 1.4 da 150 CV è sicuramente un'ottima compagna di viaggio, ma non è una novità assoluta. “Quindi?”, direte voi. Quindi, i 700 km che ho percorso sulla compatta italiana fra andata e ritorno mi hanno in un certo senso proiettato nel futuro. Un viaggio nel viaggio che non ho realizzato subito, peraltro: ho fatto 1+1 il primo giorno di apertura del Salone alla stampa, ovvero il 3 marzo scorso, in occasione della conferenza stampa di Sergio Marchionne. Il big boss di FCA, che secondo alcuni esprime concetti poco condivisibili, di certo i concetti li esprime: quelli che vuole lui – non quelli che vorrebbero “estorcergli” alcuni colleghi – ma raramente un suo incontro con la stampa si traduce in un no comment mascherato. Tornando a noi, al nostro viaggio, quando il big boss di FCA ha affermato che il Gruppo Fiat Chrysler Automobiles sta lavorando sulla tecnologia ibrida, mi si è accesa una lampadina. Vuoi vedere che se Bosch e Alfa Romeo hanno organizzato una trasferta al Salone di Ginevra con una Giulietta Sprint, forse stavano in qualche modo mostrando con orgoglio un “pezzo” della tecnologia sulla quale ci muoveremo domani (iniezione diretta e turbo)?

Un dubbio che è diventato quasi certezza quando l'amministratore delegato di Bosch Italia, Gabriele Allievi, mi ha risposto così alla domanda sul futuro dei motori benzina: “Bosch ha sempre creduto nel motore a benzina. Negli ultimi anni, inoltre, grazie all'iniezione diretta e alla sovralimentazione sono stati fatti passi da gigante e siamo sicuri che tra qualche anno torneranno a erodere quote di mercato ai diesel”. Una certezza che si basa anche su un altro fattore, forse sconosciuto a chi non è appassionato di auto, ma che riveste un'importanza fondamentale: da sempre, i motori che vanno a gasolio sono più complessi e costosi da produrre rispetto a quelli a benzina e questa differenza è destinata ad allargarsi con l'entrata in vigore di normative sempre più stringenti in tema di inquinamento. I diesel necessitano infatti di numerosi filtri e processi di post-trattamento dei gas di scarico che fanno impennare i costi per le Case e, di conseguenze, per i consumatori. Far rispettare le future norme ai propulsori a benzina risulta invece relativamente più facile. Infine, non bisogna dimenticare che questi propulsori hanno quasi il monopolio di mercato in Paesi come gli USA e che la Formula 1 sta dando un impulso notevole al loro sviluppo: basti pensare che se l'iniezione diretta di benzina di un'auto di serie lavora a circa 200 bar, quella della massima formula tocca i 500.

Da non trascurare poi l'aspetto dell'ibridizzazione: Bosch fornisce già da tempo tecnologia ai Gruppi PSA e Daimler (Mercedes-Benz) per l'ibrido elettrico/diesel e a Porsche, Volkswagen e Audi per l'elettrico/benzina, ma il suo coinvolgimento nella propulsione “mista” è destinato ad allargarsi, dal momento che FCA – sempre per bocca di Marchionne – ha annunciato che i tempi per questa tecnologia sono maturi e che quasi tutte le aziende, ormai, se non hanno un modello a listino, a breve lo avranno. Fatta eccezione appunto per PSA e Daimler, l'ibrido è quasi per definizione abbinato al motore a benzina, di suo più “green” e quindi anche più coerente con le auto a doppia alimentazione.

Scheda Versione

Alfa Romeo Giulietta
Nome
Giulietta
Anno
2010 (restyling del 2013) - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Adriano Tosi

Tag: Live , Alfa Romeo , ginevra


Listino Alfa Romeo Giulietta

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.4 Turbo Benzina 105cv EU6 Impression anteriore benzina 105 1.4 5 € 19.750

LISTINO

1.4 Turbo Benzina 105cv EU6 Progression anteriore benzina 105 1.4 5 € 21.750

LISTINO

1.4 Turbo Benzina 120cv EU6 Progression anteriore benzina 120 1.4 5 € 22.500

LISTINO

1.4 Turbo Benzina GPL 120cv Impression anteriore GPL 120 1.4 5 € 22.750

LISTINO

1.4 Turbo Benzina 120cv EU6 Distinctive anteriore benzina 120 1.4 5 € 23.900

LISTINO

1.6 JTDm 105cv EU5+ Progression anteriore diesel 105 1.6 5 € 24.200

LISTINO

1.4 Turbo Benzina GPL 120cv Progression anteriore GPL 120 1.4 5 € 24.750

LISTINO

1.6 JTDM 120cv EU6 Progression anteriore diesel 120 1.6 5 € 24.750

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top