dalla Home

Live

pubblicato il 6 marzo 2015

Salone di Ginevra: il futuro di Goodyear è lo pneumatico "elettrico"

Luca Crepaccioli: "l'innovazione deve essere al servizio del consumatore e nel rispetto dell'ambiente"

Salone di Ginevra: il futuro di Goodyear è lo pneumatico "elettrico"
Galleria fotografica - Goodyear al Salone di Ginevra 2015Galleria fotografica - Goodyear al Salone di Ginevra 2015
  • Goodyear al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 1
  • Goodyear al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 2
  • Goodyear al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 3
  • Goodyear al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 4
  • Goodyear al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 5
  • Goodyear al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 6

Una vetrina importante come quella di Ginevra lo è ancor di più per i costruttori di pneumatici, chiamati dalle case automobilistiche a creare gomme sempre più performanti, efficienti e sicure. All'appello non poteva quindi mancare Goodyear che al Palexpo propone due interessanti pneumatici concept, il primo in grado di generare energia elettrica utile per le batterie delle auto "normali", ma soprattutto di EV e ibride, mentre l'altro a pressione variabile che si adatta alle varie condizioni di utilizzo. Ce ne parlacon orgoglio Luca Crepaccioli, presidente Goodyear-Dunlop Italia, che ci ha spiegato l'importanza di questi due prodotti, affiancati a Ginevra dagli pneumatici classe AA, la più alta del mercato in termini di efficienza.

BH03

Lo abbiamo visto la prima volta sulla Toyota C-HR Concept ed è in grado di creare elettricità sia da fermo che in movimento, il primo pneumatico al mondo dotato di questa tecnologia. "L'innovazione deve sempre essere in grado di risolvere un problema del consumatore, nel rispetto dell'ambiente" - ci spiega Luca Crepaccioli - "un investimento importante per una prodotto altamente tecnologico che crea energia elettrica utilizzando materiale termoelettrico e piezoelettrico: il primo sfrutta il calore generato dall'assorbimento di luce e calore quando l'auto è parcheggiata e il secondo utilizza l'attrito interno della struttura del pneumatico durante la marcia. I due materiali formano un reticolo tridimensionale nella struttura più interna del pneumatico e l'energia generata può essere immagazzinata e utilizzata per ricaricare altri sensori, l'elettronica dell'auto o gradualmente le batterie di un'auto ibrida". Non a caso infatti questo tipo di sviluppo è stato condotto, come confermato da Crepacciaoli, "testando lo pneumatico insieme ai produttori di auto, uno in particolare in quetso caso, ovvero Toyota". Il BH03 per ora è solo un concept, ma in Goodyear ci tengono a sottolineare che "considerando la velocità alla quale viaggia la tecnologia oggi, non è da escludere che si potrà avere un prodotto similare".

Triple Tube

A proposito di innovazione, il secondo concept che Goodyear ha portato al Salone vuole confermare il posizionamento premium di Goodyear. "Il Triple Tube è uno pneumatico che al suo interno contiene tre camere d'aria che ovviamnete danno diversi benefici: Ad esempio" - continua Luca Crepaccioli - "in caso di foratura si può continuare la marcia senza doversi fermare a sostituire lo pneumatico, un'aiuto ideale sia in condizioni urbane che in zone desertiche quando è difficile trovare assistenza. Infatti, un po' in alternativa alla tecnologia Runflat sempre inventata da noi, oltre a un sistema di rafforzamento della spalla dello pneumatico, il Triple Tube riequilibra la pressione tramite appunto le tre camere d'aria interne. Inoltre, vengono adattate le pressioni delle camere d'aria a seconda del terreno, variando in maniera elettronica. Il sistema, per esempio in caso di improvviso temporale, il sistema sgonfia le parti laterali dello pneumatico aumentando la pressione centrale per contenere l'aquaplaning e garantire aggiore aderenza."

 

Autore:

Tag: Live , ginevra , pneumatici


Top