dalla Home

Live

pubblicato il 6 marzo 2015

Renault Kadjar, a Ginevra ce la spiega il suo "papà"

Parla Andrè Abboud, Direttore del Programma M1 che ha sviluppato la SUV compatta

Galleria fotografica - Renault al Salone di Ginevra 2015Galleria fotografica - Renault al Salone di Ginevra 2015
  • Renault al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 1
  • Renault al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 2
  • Renault al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 3
  • Renault al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 4
  • Renault al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 5
  • Renault al Salone di Ginevra 2015 - anteprima 6

Andrè Abboud di mestiere dirige il programma Renault all'interno del segmento C. Sua principale occupazione, negli ultimi anni, è stata la Kadjar, il nuovo crossover compatto che nella testa di tutti è rivale designata della cugina Nissan Qashqai, dal momento che entrambe fanno parte, appunto, del Gruppo Renault-Nissan. Proprio da qui parte la nostra chiacchierata al Salone di Ginevra.

OmniAuto.it: Quale riferimento avete preso per lo sviluppo di Kadjar? Siete partiti da Captur o da Qashqai?
Andrè Abboud: "Nessuno. O meglio, abbiamo dapprima messo a fuoco quelle che sono le necessità e le aspettative di chi pensa di acquistare un crossover. Da li' siamo partiti con la progettazione di un prodotto globale, dal momento che Kadjar verrà venduto in Europa ma anche in Cina, per esempio. Poi certo, il design è una naturale reinterpretazione di ciò che abbiamo già fatto vedere con Captur, ma questo è un altro discorso".

OmniAuto.it: Ci sono in previsione varianti ibride o elettriche?
Andrè Abboud: "Renault lavora sui tutte le tecnologie. Con Kadjar abbiamo deciso di offrire sostenibilità a tutti: proporre un'elettrica o un'ibrida plug-in avrebbe significato rivolgerci a pochi. Abbiamo dunque privilegiato dei motori efficienti e un'ottimizzazione generale che potesse essere alla portata di tutti economicamente e fin da subito".

OmniAuto.it: Kadjar si inserisce nel segmento C dell'offerta Renault. Come influenzerà, questo, ammesso che lo farà, le future Megane e Scenic?
Andrè Abboud: "Ognuna continuerà con la propria personalità e il proprio posizionamento. Megane si rivolge a un cliente che vuole certezze, ama le rassicurazioni e dunque anche la nuova generazione non sarà un'auto sorprendente. Scenic, nonostante le MPV abbiano vissuto un'"aggressione" molto importante da parte delle crossover, continuerà ad esistere. E' un'auto per clienti diversi, che sopra a tutto mettono lo spazio, per le persone e per i bagagli. E che vogliono una totale libertà di configurazione dei volumi che hanno a disposizione".

OmniAuto.it: Dunque non ci sarà una Kadjar a sette posti?
Andrè Abboud: "No, a quella tipologia di cliente arriviamo con Scenic (e anche con Espace, seppure con dimensioni e cifre ben diverse, ndr)".

Autore: Adriano Tosi

Tag: Live , Renault , ginevra , interviste


Top